BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni ultime notizie quali novità davvero incontro Governo Renzi-Sindacati fattibili per novità mini pensioni, quota 41

I prossimi sono i giorni che definiscono le reali prospettive sulle novità per le pensioni in Italia.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:45): C'è una domanda sulle novità per le pensioni che non ha ancora una risposta. Per quali categorie le mini pensioni saranno senz aoneri? Per adesso quelle certe sulla base delle ultime e ultimissime notizie sono solo tre, ma si cerca di allungare la lista anche se c'è chi parla di rinvii in quanto non si trova ancora la quadra, mentre altri che vogliono tenterare di trovarla fino all'ultimo e non detto nell'incontro di domani ma durante l'iter istituzionale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Non c'è dubbio che nel pacchetto previdenza se c'è una novità che sta facendo maggiormente tribolare è quella delle mini pensioni facilitate. Con questo strumento di natura assistenziale si garantirà un importo ponte fino alla pensione a una serie di soggetti considerati meritevoli. E proprio questo, stando alle ultime e ultimissime notizie, è uno dei punti ancora combattuti.

Si entra nel momento decisivo delle scelte finali sulle novità per le pensioni. A iniziare dal modo di distribuzione del budget di 6 miliardi di euro che la maggioranza ha promesso di assegnare nei prossimi tre anni. L'intenzione nei piani alti è di far arrivare il pacchetto finale nel Consiglio dei ministri di venerdì 14 o al più tardi di sabato 15. Il 20 ottobre c'è poi il termine ultimo per l'invio al parlamento dell'articolato e delle tabelle dell'iter che inizia. Che a oggi continua a oscillare complessivamente intorno a quota 23-24 miliardi di euro. Ma prima è attesa la riunione chiarificatrice tra le forze sociali, il consigliere economico del capo della maggioranza e il ministro dell'Occupazione sulle pensioni.

Molti dettagli, tra cui appunto quello sul finanziamento delle singole misure contenute nel progetto delle novità per le pensioni, sono rimasti in sospeso. Si tratta comunque di una tappa che, per quanto importante, non è naturalmente quella finale. Dalla presentazione del faldone sulla previdenza all'interno di quello generale, trascorreranno due mesi di confronti nelle Camere con tanto di analisi, proposte di correzione, aggiustamenti ed emendamenti. L'appuntamento con i provvedimenti definitivi è sono con la fine dell'anno, termine ultimo per legge per accendere il semaforo verde. Per quel momento, tutto dovrà essere definito e messo nero su bianco.

La base di partenza per capire quali possono essere i margini di manovra della maggioranza sia in riferimento all'iter che inizia, ma soprattutto sulle novità per le pensioni, rispetto a cui è ancora in dubbio il budget che sarà stanziato il primo dei tra anni, è rappresentato dai dati contenuti nella Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza. La maggioranza ha stimato per il 2016 un rapporto tra deficit e Prodotto interno lordo al 2,4%. Valore che il prossimo anno è previsto scendere al 2%. Una cifra che, associata alle previsioni di crescita (dell'1%!), ha fatto sbottare gli organismi politici e attirato le contestazioni di quelle di controllo perché giudicata poco credibile e troppo ambiziosa rispetto alle reali condizioni del Paese.

E allora, mercoledì, nella risoluzione che il parlamento dovrà votare insieme alla Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza, potrebbe spuntare un innalzamento del rapporto tra deficit e Prodotto interno lordo 2017. Una mossa che aiuterebbe anche a ottenere il disco verde degli organismi tecnici di controllo. Chiusa questa partita, le prospettive passano dalla Comunità che ha aperto alla concessione dell'extra budget dei conti pubblici per Paesi come l'Italia. Per bocca del commissario per gli Affari economici e monetari, la Comunità si è detta pronta a considerare le spese per la crisi di rifugiati o un terremoto o di un Paese che soffre attacchi terroristici come il Belgio. In gioco c'è lo 0,4 punti di Prodotto interno lordo.

E sebbene nulla di queste somme aggiuntive sarà eventualmente destinata alle novità per le pensioni, almeno sarà possibile essere sicuri che il budget previsto di 6 miliardi di euro non verrà rosicchiato per esigenze dell'ultim'ora.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il