BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni realmente le cifre assegnate

Le cifre e i budget assegnati dal documento di programmazione alle diverse misure del testo unico e novitÓ per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:30): Ebbene, dei 3,15 miliardi di euro che la maggioranza ha deciso di destinare al cosiddetto pacchetto delle nuove politiche, la metà, circa 1,6 miliardi di euro, saranno dirottate a finanziare le novità per le pensioni. Anche secondo le ultime e ultimissime notizie, con le regole in arrivo si potrà lasciare il lavoro a 63 anni e il cumulo dei contributi sarà gratis in ogni caso.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:17): Secondo le tabelle presentate dal responsabile del Tesoro, ammonta esattamente a 3,15 miliardi di euro il budget sulle novità per le pensioni. A questo, stando alle ultime e ultimissime notizie, si aggiunge un pacchetto di 3,8 miliardi di euro dedicati a opere pubbliche, incentivi per le imprese ed ecobonus, oltre a 347 milioni di euro per finanziare il progetto Industria 4.0.

Una cifra complessiva di 24,5 miliardi di euro per la realizzazione dei provvedimenti da inserire nel testo unico che si prepara ad iniziare il suo iter che dovrà concludersi tra due mesi circa con l’approvazione finale fissata entro il 31 dicembre. Il ministro dell'Economia, che ieri ha svelato numeri e cifre del nuovo documento programmatico, ha confermato una crescita del Pil dell'1% nel prossimo 2017, tagli per 26,1 miliardi di euro e resi noti i budget per ogni misura, dai 15 miliardi di euro per scongiurare l'aumento dell'Iva, ai 42, miliardi di euro per misure volte a rilanciare sviluppo e competitività, ai 3,1 miliardi di euro per novità per le pensioni e sblocco della contrattazione pubblica. Questi sono alcuni dei numeri realmente disponibili al momento confermanti dalle ultime notizie ma che potrebbero subire qualche variazione se la Comunità dovesse concedere al nostro Paese l’extra budget richiesto che permetterebbe di rimettere mano ad alcuni interventi che, però, difficilmente riguarderebbero le novità per le pensioni. Si tratta di numeri e cifre che troveranno conferme eventuali con la presentazione del testo unico tra venerdì e sabato.

Tornando alle ultime notizie sul budget assegnato a novità per le pensioni e sblocco dei contratti del pubblico impiego, i soldi potrebbero essere così suddivisi: 1,1 miliardi di euro per l’aumento delle pensioni base e non più quegli 1,5 miliardi di euro stimati inizialmente; 500 o al massimo 600 milioni di euro per la mini pensione; 20 milioni di euro per la quota 41; e 100 milioni di euro per rendere gratuito il cumulo di tutti i propri contributi previdenziali versati in differenti gestioni. Complessivamente, per le novità per le pensioni è stata dunque calcolata una cifra superiore a quei 1,5 miliardi di euro che fino a qualche giorno fa sembravano i soldi che si sarebbero impiegati per le novità per le pensioni per il primo anno. Siamo, infatti, quasi sui 2 miliardi di euro da sottrarre a quei 6 miliardi stanziati per le novità per le pensioni per i prossimi tre anni.

Per quanto riguarda lo sblocco della contrattazione pubblica, la maggioranza ha deciso di aggiungere ulteriori 900 milioni di euro, facendo arrivare il budget complessivo per questo provvedimento a 2,9 miliardi di euro, lasciando, dunque, uno scarto di 100-300 milioni di euro che probabilmente finiranno nel fondo indigenza o in qualche altra misura che, secondo le ultime e ultimissime notizie, potrebbe essere proprio l’aumento delle pensioni base, su cui la maggioranza punta particolarmente, soprattutto in vista del voto costituzionale del prossimo 4 dicembre. Le ultime notizie confermano, poi, che la maggioranza ha intenzione di chiedere alla Comunità fino allo 0,4%, per le spese legate alla gestione dell’emergenza migranti e del terremoto, che sono state definite dallo stesso ministro dell’Economia circostanze eccezionali che come tali richiedono altrettanti interventi eccezionali.

Molto, dunque, potrebbe ancora cambiare: non si tratta, come già sopra accennato, di stime e numeri ufficiali. L’ufficialità del budget disponibile da poter impiegare per la definizione delle misure da inserire nel prossimo testo unico si avrà solo quando la Comunità comunicherà l’esito delle trattative volte alla concessione, o meno, dell’extra budget richiesto dall’Italia. Per la copertura degli interventi annunciati, la maggioranza ritiene di poter contare su circa 8,4 miliardi di euro che dovrebbero derivare, stando alle ultime e ultimissime notizie, da nuove entrate fiscali, con oltre 5,8 miliardi che deriveranno dalla lotta all’evasione Iva e 2,6 miliardi attesi dal nuovo piano di rientro dei capitali, dai giochi e dalla riapertura dell’assegnazione agevolata e dalle rivalutazioni di terreni e partecipazioni. La cifra potrà arrivare a 13,3 miliardi di euro con la concessione dell’extra budget dalla Comunità. Non resta, dunque, che aspettare ancora qualche giorno per sapere se i soldi in più richiesti saranno effettivamente dati o se l’Italia dovrà proseguire sulla sua strada di cambiamenti contando essenzialmente sul budget a reale disposizione come attualmente stimato e suddiviso.
 

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il