BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie simili novità convergenti Forze Sociali-Governo Renzi per novità mini pensioni, quota 41, quota 100

Convergenza di obiettivi su novità pensioni tra governo e forze sociali: non tutte però d’accordo su nuova intesa pensioni e iniziative




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:40): Salvaguardare tutti i lavoratori che hanno iniziato l'attività in giovane età avrebbe costi molto alti per lo Stato. Stando alle ultime e ultimissime notizie, l'ipotesi su cui si cerca convergenza senza perdere di vista l'intero mosaico delle novità per le pensioni è quella di assegnare una sorta di un tantum a coloro che hanno cumulato almeno 52 settimane  prima della maggiore età.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:15): Non sarà una semplice formalità la riunione tra forze sociali e maggioranza sulle novità per le pensioni, considerando che a essere certi di usufruire del meccanismo delle mini pensioni gratis sono solo i non occupati di lungo corso, i disabili o chi abbia genitori o figli disabili gravi da accudire. Stando alle ultime e ultimissime, più complesso sembra al momento affiancare altre categorie come chiedono le forze sociali.

Sin dalle scorse settimane il commento delle forze sociali sull’intesa per le novità per le pensioni messa a punto con il governo Renzi era stato più che positivo: secondo le ultime notizie, infatti, quasi tutti i leader delle diverse forze sociali hanno definito l’accordo buono e positivo, nonostante la richiesta di ulteriori chiarimenti e dettagli e nonostante l’invito al governo ad andare oltre. E nell’attesa del prossimo confronto proprio sulle novità per le pensioni tra governo e forze sociali, appuntamento che dovrebbe essere in programma venerdì, sono state organizzate in tutta Italia le assemblee proprio sull’intesa raggiunta con il governo sulle novità per le pensioni. Le assemblee sono state organizzate dagli esecutivi nazionali unitari di Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil per spiegarle ai cittadini le novità per le pensioni rientranti nella stessa intesa, tra mini pensione, quota 41, aumento delle pensioni base, cumulo gratis di tutti i propri contributi previdenziali. E saranno gli stessi esecutivi nazionali a controllare il lavoro che sarà portato avanti in Parlamento per l’approvazione ufficiale delle appena citate novità per le pensioni.

Ad eccezione, dunque, di ulteriori dettagli e chiarimenti sul funzionamento di mini pensione e quota 41, e novità per le pensioni per chi svolge, o ha svolto, occupazioni faticose e pesanti richiesti dalle forze sociali, sembra che tra queste ultime stesse e il governo Renzi vi sia grande convergenza. L’unica nota dolente tra le forze sociali che sostengono le novità per le pensioni messe a punto dal governo, come riportano le ultime e ultimissime notizie, sarebbe l’Unione Sindacale di Base che ha già annunciato un nuovo sciopero generale il prossimo 21 ottobre proprio per protestare contro le novità per le pensioni approvate dall'intesa tra governo e forze sociali, perchè rischiano di essere inutili ma soprattutto non coinvolgono in nessuno modo di giovani di oggi che hanno bisogno di certezze per il loro futuro. La stessa Unione Sindacale di Base ha deciso di aderire alla recente petizione online, https://www.change.org/p/governo-italiano-presidenza-del-consiglio-dei-ministri-aboliamo-aspettativa-di-vita-per-diritto-alla-pensione?recruiter=529993973&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink, lanciata da Luciano Cecchin, fondatore del nuovo gruppo Aboliamo aspettativa di vita per diritto alla pensione, che chiede l’abolizione dell’aspettativa di vita nel calcolo dell’età pensionabile, che oggi rappresenta una ennesima ingiustizia sociale.

Se, infatti, il principio delle attuali norme previdenziali prevede un aumento dell’età pensionabile ogni due anni, di tre, quattro mesi, per adeguamento alla speranza di vita che sale, seguendo il principio secondo cui vivendo più a lungo si può anche lavorare di più, dopo le ultime notizie su un abbassamento dell’età pensionabile quest’anno, il meccanismo di adeguamento al rialzo dovrebbe essere bloccato. Ma si tratta di un’abolizione che, a prescindere dall’abbassamento della speranza di vita, rappresenterebbe il giusto meccanismo per andare oltre le richieste di novità per le pensioni di quota 100 o novità per le pensioni di quota 41, ristabilendo anche equità sociale. Invitano a firmare la petizione che chiede l’abolizione della speranza di vita anche i rappresentanti delle Rsu che ritengono sia arrivato il momento di dare concrete risposte ai cittadini per i cittadini.

E’ necessario, infatti, che si rivedono dei sistemi di regole volte a garantire a tutti occupazioni, adeguati salari, rinnovo dei contratti, futuro pensionistico per i più giovani. Ciò significa che al contrario della altre forze sociali anche le Rsu chiedono ulteriori modifiche a quelle novità per le pensioni che attualmente la maggioranza sta portando avanti ma che in realtà non sono non si prospettano come utili e positivi ma rischiano di rivelarsi un ennesimo spreco di denaro non contribuendo ad una revisione delle attuali norme pensionistiche così come richiesto e auspicato in questi anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il