BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie contributivo donna ulteriori chiarimenti sul no a opzione donna proroga ieri. E discesa in piazza

Questi sono i giorni chiave per capire se il rinnovo del contributivo donna ci sarà e soprattutto con quali condizioni per le novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:22): A quetso punto, il Gruppo Online per le pensioni donna ha deciso di scendere in piazza insieme al Gruppo Quota 41 e Giovani a Bologna il 22 Ottobre prossimo e nel frattempo di cercare di continuarea fare pressione su diverse cariche istituzionali. Lo stesso deputato del Carroccio ha detto che nulla è ancora definito, ma siamo in bilico.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:09): La risposta è arrivata e il contatore per opzione donna è già giunto da tempo ma è fermo dall'invio in Parlamento perchè manca il benestare del Tesoro. A quanto pare, come afferma il Dicastero dell'Occupazione, il denaro ci dovrebbe anche essere ma la novità è che sarà utilizzato solo fino al termine della sperimentazione. E poi? Poi la risposta non c'è, ma potrebbe essere convertito per altri scopi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): Uno dopo l'altro sono attesi nei prossimi giorni la risposta all'interrogazione parlamentare sull'avvio del contatore e l'avvio dell'iter che porterà alle decisioni finale e complete sul pacchetto previdenza. Le ultime e ultimissime notizie invitano comunque all'ottimismo. Ed è normale che non ci siano state novità per il contributivo donna nel DEF odierno perchè i fondi sono già stati stanziati, anche se ci si poteva aspettare come avevamo scritto un piccolo cenno. Ma visto i rapporti tesi durante la riunione non è sttao fatto nessun cenno per le ogni particolare novità per le pensioni. Quindi tutto tranquillo.

Sono ore decisive per il futuro della proroga del contributivo donna, fuori dal contesto del pacchetto delle novità per le pensioni che ruota attorno alle mini pensioni nelle sue varie configurazioni. A differenza di queste misure, sembra che non ci siano ostacoli di tipo economico, anche se la verità verrà fuori solo con l'apertura del contatore. Tuttavia i passaggi preliminari sono proprio questi a cui stiamo assistendo. L'Ufficio parlamentare di Bilancio non ha validare le prime stime indicate dalla maggioranza con l'aggiornamento del Documento di economia e finanza. Il via libera può arrivare se il documento programmatico di bilancio conterrà previsioni diverse.

La precisazione è stata fatta in apertura dell'audizione di ieri davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato dal responsabile del Tesoro. In parallelo ha presentato una tabella che anticipa i contenuti e gli impatti delle prossime decisioni, che prevedono provvedimenti complessivi, compresi appunto quelli sulle novità per le pensioni, 24,5 miliardi di euro, di cui 22,5 miliardi di euro con effetti sulla crescita e coperture per 18,4 miliardi di euro. Non si parla per ora della proroga del contributivo donna. L'appuntamento è per sabato, quanto l'intero pacchetto delle scelte economiche e sociali approderà in Consiglio dei ministri.

Sarà quello il primo momento chiave per capire se il rinnovo ci sarà e soprattutto con quali condizioni. Lo scorso anno, si ricorda, è stato consentito l'accesso al trattamento previdenziale alle lavoratrici con 57 anni e 3 mesi di età e 35 anni di contributi se dipendenti o a 58 anni e 3 mesi se autonome, in cambio del ricalcolo dell'assegno con il contributivo. Il tutto mentre si resta in attesa delle risposte all'interrogazione parlamentare al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del deputato Roberto Simonetti sull'estensione del contributivo donna. L'appuntamento, stando al calendario dei lavori di Montecitorio, è programmato per domani.

Nel testo si legge che una speranza è rappresentata dal cosiddetto contatore, "in virtù del quale, monitorando le domande, si possono reimpiegare gli eventuali fondi risparmiati, dal predetto contatore, infatti, dipendono anche le sorti delle lavoratrici che chiedono al proroga al 2018 della sperimentazione del regime di accesso con almeno 35 anni di contributi e 57 di età ed il calcolo interamente contributivo". Per ora, i fatti dimostrano come la maggioranza stia prendendo tempo e non abbia inserito la questione del contributivo donna tra le priorità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il