BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie venerdì 13 Ottobre su precoci, usuranti, tutti quali attese Tecnici, Forze Sociali, Governo Renzi

Confronti, posizioni e convergenze dei protagonisti delle discussioni previdenziali su novità per le pensioni per tutti, precoci e usuranti




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Dall'altra parte le novità per le pensioni principale che ha l'interesse di entrambe le parti ovvero quelle del far crescere le basi è già stata tutto preparata e perfettamente condivisa e ha il maggior denaro disponibile. Questo perchè ad entrambi le parti serve il consenso di chi è già in pensione, nonostante i tecnici di sicuramente almeno una parte ufficialmente consiglivano come da ultime notizie e ultimissime notizie ufficiali diverse novità per le pensioni-

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:13): Crescono da una parte le attese di chi crede che le forze sociali possano portare effettivi miglioramenti alle novià per le pensioni finora criticate nell'incontro di domani tra decisori e tecnici del Governo Renzi e delle Forze Sociali.  Dall'altra c'è già una certa delusione, perchè tanti tasselli fanno capire che probabilmente non si andrà che al chiarimento di alcuni, e, forse non tutti dettagli sulle novità per le pensioni mancanti credendo alle ultime notizie e ultimissime che alla fine saranno accettate quelle già predisposte dagli stessi tecnici del Governo Renzi.

Tecnici sempre più spediti sulla realizzazione delle novità per le pensioni in discussione, soprattutto all’indomani delle ultime notizie sulle cifre disponibili per ognuna di esse; forze sociali che hanno commentato in maniera positiva la recente intesa su novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 e aumento delle pensioni base nonostante chiedano alla maggioranza di andare oltre e di pensare anche a misure per i giovani, e una maggioranza sempre più decisa ad andare avanti sulle novità per le pensioni frutto dell’accordo con le stesse forze sociali e che prevedono mini pensione e quota 41, seppur ancora incomplete e limitate, che alcuni chiedono di migliorare; aumento delle pensioni base, anche se ancora non si conosce ufficialmente di quanto dovrebbero aumentare i trattamenti base e lo stesso capo della maggioranza non è ancora in grado di dirlo; cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali versati in diverse gestioni, anche se le ultime notizie hanno spiegato che questa riunione di tutti i contributi non sarà del tutto poi gratuita.

Insomma, sono ancora diversi i punti da chiarire, come interessi sulla mini pensione e chi dovrebbe pagarli, tra Stato e pensionato, in base al reddito percepito; definizione, appunto, delle soglie di reddito al di sotto delle quali la mini pensione non prevederebbe costi; entità delle detrazioni fiscali da calcolare per azzerare la mini pensione per le persone più svantaggiate, cioè solo che sono rimasti senza occupazione da lungo tempo o disabili; ulteriori definizioni della quota 41 per i precoci che al momento sarebbe troppo limitata e che invece si chiede di ampliare a tutti coloro che sono entrati sin da giovanissimi nel mondo occupazionale e non solo a chi entro i 19 anni abbia maturato 19 anni effettivi di contributi e che si ritrovi in condizioni particolari, cioè senza occupazione, disabile, o impegnato in un’occupazione usurante. E resta da chiudere il capitolo relativo proprio agli usuranti: la richiesta delle forze sociali è quella di definire una lista di occupazioni che possono essere considerate usuranti, in modo da inquadrarne i relativi lavoratori e definire novità per le pensioni specifiche per questa categoria di lavoratori per cui non è stato fatto nulla di concreto, se non collegato alla quota 41.

Le richieste dei sindacati guardano anche ai giovani: stando alle ultime notizie, infatti, sarebbe nelle loro intenzioni chiedere alla maggioranza soluzioni per rilanciare l’occupazione dei più giovani attraverso le novità delle pensioni, ma gli stessi tecnici della maggioranza hanno già fatto sapere che queste misure rientrano tra le novità che si stanno portando, tra nuove spinte all’occupazione e revisione del calcolo contributivo della propria pensione finale, con l’istituzione di una pensione di garanzia, che sarebbe per tutti e dignitosa, per permettere anche ai più giovani di oggi di crearsi un futuro pensionistico che oggi appare loro decisamente buio. Pur, dunque, ritenendo che l’intesa con la maggioranza sia stata buona, sono diverse le richieste di miglioramento che le stesse forze sociali continuano a chiedere, soprattutto per precoci e usuranti, ma è possibile che, ancora una volta, la maggioranza continui ad andare avanti per la sua strada.

E le ultime notizie sulla definizioni delle attività usuranti potrebbero esserne una conferma: mentre si era detto, come sopra riportato, che serviva definire una nuova lista di occupazioni usuranti e si era detto settimane fa che la maggioranza era già impegnata nella sua definizione, le ultime notizie spiegano che, al contrario, questa lista è ancora ben lontana dall’essere definita, che potrebbe essere rimandata, e a tempo indeterminato, lasciando per il momento invariate quelle che adesso vengono considerate attività usuranti. Nessun confronto invece sulla questione soldi: dei 6 miliardi di euro stanziati dalla maggioranza per le novità per le pensioni, per il primo anno dovrebbero esserne usati circa due, di cui 1,1 per l’aumento delle pensioni base, confermando, dunque, l’interesse sia di forze sociali e sia della maggioranza sui più anziani; 500-600 milioni per la mini pensione; 200 milioni per la quota 41; e 100 milioni di euro per rendere gratuita la congiunzione di tutti i contributi previdenziali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il