BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie ufficiali novità iunione Governo Renzi-Sindacati aspettative per novità quota 100, mini pensioni, quota 41

Cosa aspettarsi dalla nuova riunione di domani tra governo e sindacati su chiarimenti e ulteriori dettagli novità pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Dall'analisi del pacchetto delle novità per le pensioni, continuano a emergere nuove perplessità sulla reale volontà dalla maggioranza. Se non è mai stato chiaro il rapporto con le assicurazioni, perché non è stata ancora deciso il tetto di reddito al di sotto della quale le mini pensioni saranno gratis. Eppure, come ricordano le ultime e ultimissime notizie, si tratta di un passaggio basilare.

Mini pensione per lasciare tre anni prima la propria occupazione rispetto all’attuale soglia dei 66 anni e sette mesi e senza costi per le categorie di persone svantaggiate come disabili o chi è rimasto senza occupazione; quota 41, ma con determinati paletti e troppo limitata; aumenti delle pensioni base, ancora da definire; estensione della detassazione per i pensionati fino a 8.125 euro; cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali: sono queste le novità per le pensioni messe a punto dalla recente intesa tra governo Renzi e sindacati che domani, venerdì 14 ottobre, si preparano ad una nuova riunione ufficiale per definire gli ultimi dettagli di funzionamento delle stesse novità per le pensioni appena riportate. Nonostante si sia parlato di accordo buono e di buon lavoro, le forze sociali chiedono ancora miglioramenti per le stesse novità per le pensioni: della mini pensione, per esempio, manca la definizione delle fasce di reddito entro cui la mini pensione sarà senza oneri, soglia che potrebbe essere di 1.200 euro netti, secondo le ultime notizie,  ma che le forze sociali chiedono di aumentare di 100 euro.

Mancano le entità degli interessi sulla mini pensione, che secondo le ultime e ultimissime notizie potrebbero essere del 3 o al massimo del 4%; le entità delle detrazioni fiscali che dovrebbero essere calcolate per azzerare i costi della mini pensione per le categorie di persone; e non si sa ancora chi dovrà pagare l’assicurazione di premorienza per il pensionato stesso e di quanto dovrebbe essere. Ma non è noto ancora nemmeno di quanto dovrebbero aumentare le pensioni base e quali siano le occupazioni faticose cui fare riferimento. Molti particolari di funzionamento delle novità per le pensioni annunciate sono, dunque, ancora incerti e per avere conferme e certezze bisognerà aspettare la riunione ufficiale di domani che si prospetta importante soprattutto per il via dell’iter del testo unico che dovrà essere approvato entro il prossimo 31 dicembre.

Le forze sociali, dunque, spingono per ulteriori modifiche delle novità per le pensioni già definite, ma è ben possibile che il governo vada avanti da solo, come del resto fatto finora, nella consapevolezza di dimostrare che, anche se forse inutile, qualcosa di concreto sulle pensioni è stato fatto. Ma così restando le cose, non si tratterebbe di quelle novità per le pensioni importanti che servirebbero tanto per una profonda revisione delle attuali norme pensionistiche, da rendere meno rigide, quanto per un rilancio di quella occupazione giovanile che merita una spinta e il motivo per cui finora si è sempre parlato di novità per le pensioni di quota 100, quota 41 e mini pensioni per tutti, non è solo quello di modifiche delle età pensionabili ma la necessità di dare vita a quel meccanismo di ricambio generazionale a lavoro che attraverso il prepensionamento dei lavoratori più anziani, creerebbe nuovi posti di lavoro per i giovani.

E questo meccanismo avrebbe effetti positivi, conseguentemente, per rilancio della produttività e dell’economia in generale, ponendosi proprio tra quei provvedimenti importanti per riportare una crescita economica reale in Italia. E proprio per questo,  lo stesso responsabile del Ministero del Tesoro dell'Economia ha chiaramente reso noto che tutte le imprese che daranno una spinta alla mini pensione potranno beneficiare di incentivi fiscali. Ancora qualche ora dunque per continuare a trattare sulla questione pensionistica. Cosa aspettarsi dunque dalla nuova riunione ufficiale di domani? L'obiettivo dovrebbe essere quello di raggiungere, finalmente, un serio punto di incontro tra intenzioni del governo, anche in vista del prossimo voto istituzionale di dicembre, e ulteriori richieste presentate dalle forze sociali per migliorare le novità per le pensioni che, fondamentalmente, sono già state messe a punto.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il