BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie oggi domenica 16 ottobre su precoci, usuranti e tutti ufficiali chiarimenti ulteriori CDM Maestri, Morando

Le ultime notizie ad oggi sabato 15 ottobre su novità per le pensioni per tutti da Morando, Maestri. Misure previste e nuovi dettagli




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:32): Uno dei problemi che rimangono è senza dubbio il budget da subito o meglio da maggio per le novità per le pensioni per uscire prima. Se ora è ufficiale che è stato stanziato 1,9 miliardi cosa si può fare con 800 milioni di euro, se il resto è impegnato per le pensioni inferiori che si cercano anzi di ampliare come da ultime notizie e ultimissime?

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:12): Detto questo, ci sono due mesi a partire da martedì in cui l'iter passerà prima da Montecitorio e poi Palazzo Mandama e in questo frangente si possono cambiare le novità per le pensioni, non aspettandosi rivoluzioni straodinarie ma migliorando come il fatto dei millecinquento euro nelle ultime notizie e ultimissime, che comunque, non risolve chissà che problemi, perchè molti hanno una pensione LORDA superiore. La forza deve venire soprattutto dalle opposizioni interne ed esterne e la figura dalla Mestri e di Morando saranno importante. E per chi ci crede ancora nelle forze sociali.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:22): Sono arrivate sia le prime bozze delle norme per le novità per le pensioni che il denaro ufficiale dal Consiglio di ieri. E vi sono delle novità per le mini pensioni e quota 41 interesanti anche se ne mancnao altre. Non c'è la lista ancora per i quota 41 e questo è negativo, ma c'è per le mini pensioni senza oneri l'aumento a millecinquencento euro lordo scritto proprio nel testo ufficiale di aumento ieri rispetto ai milletrecentocinquanta euro. E non è cosa di poco conto, alzano un poco chi potrà aderire. Il problema, però, nonostante i 7 miliardi annunciati, uno in più del previsto riguarda i numeri che chiaramente ora che sono stati splittati come vedremo ancora meglio non convincono proprio

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:32): Siamo ancora in attesa del Consiglio dei Ministri che è iniziato, ma che pensiamo che come al solito vado a finire intorno all'ora dei telegiornali, per mostrare i miglioramenti e le cose positive da fare. Al momento per le novità per le pensioni oggettivamente c'è grande confusione e delusione e le ultime notizie e ultimissime sono negative, con i numeri che non tornano neppure e troppi, troppi paletti che potrebbero addirittura aumentare leggendo bene le bozze delle norme che si spera siano pubblicate quanto prima, forse come detto anche nel Consiglio Odierno.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:32): Ulteriori chiarimenti e probabilmente anche i capitoli messi nero su bianco che non sono ancora stati consegnati sulle novità per le pensioni decisi ieri saranno presentati nel Consiglio odierno dove sarà presentato tutto il Teso Unico preparato da Morando che dovrebbe essere essere il coudiavatore a livello finanziario tra le richieste delle varie forze e la maggioranza durante l'iter in Aula insieme ad altri colleghi per specifici aergomenti come per le novità per le pensioni che potrebbe essere dato alla Maestri. A questo punto si vedrà da martedì prossimo la forza, la priorirà e le convizioni delle opposizioni sia interne che esterne di fare dei miglioramenti reali sulle novità per le pensioni.
E poi sempre nel Consiglio Odierno verranno dati, oltre si spera i testi, anche i numeri ma non generici ma ai singoli argomenti e anche soprattutto ai sottocapitoli. Perchè anche nei numeri non tornano le novità per le pensioni dette ieri, anzi tornano capendo i tanti paletti dati e che, quindi, faranno entrare in pochi ad avere questa posisbilità. I motivi?
Se per le pensioni inferiori sono stati 1,1 miliardi e sono sicuri e per tutto il resto 2,9 miliardi a cui sottrarre 900 milioni per gli statali rimangono 900 ( 2,9-900 milioni- 1,1 milardi )di cui 200 milioni per oneri vari. A questo punto rimangono 500-800 milioni ben eidversi dal milairdo e mezzo che si è detto per le novità per le pensioni per le mini pensioni e quota 41. Facendo anche il conto che tutte queste novità partono dlala primavera e facebdo le proporzioni e chiari che lostanziamento detto è minore di quello previsto, ma probabilmente perchè gli stessi tecnici con tutit i plaetti messi pensano che non saranno davvero utilizzati. Una ulteriore beffa.

Dopo la presentazione dello strumento di programmazione che prevede un Pil all’1% nel 2017 (dallo 0,8% del 2016), parte da oggi 15 ottobre il lungo iter del testo unico che dopo la presentazione in Consiglio dei Ministri, sarà presentato alla Comunità, per poi tornare in Parlamento e arrivare all’approvazione finale entro il 31 dicembre. Nel frattempo, si attenderà l’esito della trattative comunitarie per la concessione dell’extra budget che potrebbe permettere di rimettere mano ad alcuni provvedimenti, migliorandoli, considerando che si avrebbero ulteriori margini di intervento. Ma si tratta di una ripresa delle misure che difficilmente interesserà le novità per le pensioni che dovrebbero continuare ad essere quelle messe a punto tra maggioranza e forze sociali. Il testo unico, cui ha lavorato anche il viceministro dell’Economia Morando, complessivamente, vale 24,5 miliardi di euro, di cui 15,1 saranno impiegati per evitare l’aumento dell’Iva; 4,2 miliardi di euro, stando alle ultime notizie, per le misure di sostegno allo sviluppo; circa 3,1 miliardi di euro per misure sociali, novità per le pensioni e sblocco della contrattazione pubblica. In particolare, è previsto un impiego di 400 milioni di euro nel primo anno per il nuovo incentivo per le famiglie con almeno due figli, collegato all'Isee; un investimento di 800 milioni di euro per gli enti locali; circa 13 miliardi per il piano Industria 4.0, per sette anni, tra il 2018 e il 2024, cui aggiungere 10 miliardi aggiuntivi per ricerca e sviluppo.

Previste anche novità anche le Partite Iva iscritte alla gestione separata e per cui l’aliquota contributiva sarà abbassata al 26%; previsto un rafforzamento degli sgravi dei premi produttività per redditi fino a 80 mila euro e detassazione dei premi fino a 4mila euro; un nuovo piano di assunzione dei precari della scuola da 200 milioni di euro all’anno e altri 200 milioni di euro per la scuola dell’infanzia arriverebbero dal Miur; 300 milioni, invece, servirebbero per i 50mila esuberi nelle banche e 10mila assunzioni di nuovi lavoratori tra infermieri, medici e poliziotti . E poi ci sono le novità per le pensioni: sei miliardi complessivi per tre anni con un budget di quasi due miliardi di euro per il primo anno e così ripartito: 1,1 miliardi di euro per l’aumento delle pensioni base, 600 milioni circa per la mini pensione, 200 milioni per la quota 41 e 100 milioni per il cumulo gratis. Novità per le pensioni che sembrano essere state ben definite ma per cui, come riportano le ultime e ultimissime notizie, dovranno essere sciolti ancora diversi nodi. Ci sarà, tuttavia, ancora un bel po’ di tempo per farlo, considerando che l’iter del testo unico appena avviato durerà ancora per altri due mesi circa.
 
Sembra, infatti, che tutto sia stato definito per tutti i lavoratori, per usuranti e per precoci ma in realtà così continua a non essere. E Patrizia Maestri, tra gli esponenti della maggioranza, ritiene che debbano essere meglio definiti ancora diversi aspetti delle novità per le pensioni che si stanno portando avanti, soprattutto in relazione alle categorie di lavoratori che potranno accedere alla mini pensione senza oneri e che sono impiegati in occupazioni faticose, perché, secondo la Maestri, necessario capire le diversità di ogni occupazione per stabilire i giusti criteri di pensionamento per tutti. E seguendo questa necessità sembra porsi, stando a quanto riportano le ultime notizie, come coordinatrice tra le varie opposizioni, Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio e chi si occuperà dell’iter, cercando di sistemare le misure già avviate, rendendole per quanto possibile soddisfacenti per tutti.
Le ultime notizie sulle novità per le pensioni riguardano la definizione di ulteriori dettagli di mini pensione e quota 41: si parte dalla definizione della soglia di reddito entro la quale la mini pensione sarebbe a costo zero, che è stata fissata sui 1350 euro lordi ma che le forze sociali vorrebbero aumentare almeno di 100 euro; bisogna ancora definire puntualmente il budget che verrà impiegato; e manca la lista ufficiale e definitiva delle occupazioni definite usuranti.

Si tratta, infatti, di una definizione importante anche perché collegata alla quota 41 per i precoci: secondo quanto riportato dalle ultime notizie, infatti, potranno accedere alla mini pensione senza oneri entro i 63 anni di età e con 41 anni di contributi solo i precoci che hanno iniziato a lavorare prima dei 16 anni di età, che entro i 19 anni hanno maturato 12 mesi di contributi e che si ritrovano in condizioni particolari, cioè sono senza occupazione, invalidi o lavoratori usuranti, che a quanto pare sembra una condizione imprescindibile, per cui l’attesa è per la definizione della lista di tutti i lavoratori che possano essere inquadrati in questa categoria di occupati, che al momento comprende anche le maestre, gli operai edili, gli infermieri, i macchinisti e gli autisti di mezzi pesanti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il