BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 Berlinguer, D'Alema, Carasi

Le ultime posizioni e recenti affermazioni di Carasi, Berlinguer, D'Alema su nuovi possibili organizzazioni politiche alternative ed effetti novità pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:45): D'Alema e, forse, molto probabuilmente, la stessa Berlinguer seppur non ufficialmente sono le facce di una stessa medaglia che vogliono che il Governo Renzi finisca al più presto e addirittura alcuni puntano alla Berlinguer come nuovo segretario. Certo, per molti esperti, ma anche semplici cittadini, andare alle urne significhrebbe come hanno ribadito più volte nelle ultime notizie e ultimissime, novità per le pensioni icure o quasi in quano sarebbero tra i temi centrali di qualunque forza

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Si entra adesso in una nuova fase sulle novità per le pensioni, anche e soprattutto alla luce della presentazione del testo unico. E come dimostrato dalle ultime e ultimissime notizie ovvero dalle reazioni del mondo isitituzionale e di quello delle forze sociali, il livello di confronto è ancora piuttosto acceso e crediamo che lo sarà fino alle fine dell'iter senza dimenticare i Gruppi Online.

Continua ad essere piuttosto acceso il dibattito intorno alle novità per le pensioni che si preparano a rientrare nel nuovo testo unico, tra mini pensione, quota 41, aumento delle pensioni base, cumulo gratuito di tutti i contributi previdenziali. E in tanti non ci stanno: le ultime notizie confermano ulteriori dettagli di queste novità per le pensioni frutto di un accordo tra maggioranza e sociali ma sono molti coloro che continuano a rivendicare la necessità di ulteriori novità per le pensioni che siano più importanti e profondi, soprattutto per tutti i quota 41 e tutti coloro che svolgono, o hanno svolto, occupazioni faticose e pensati.

Tra coloro che sono fortemente critici nei confronti delle ultime novità per le pensioni messe a punto, Paolo Carasi, responsabile Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati, che continua da sempre a ripetere come le novità presentate non siano quelle giuste per rispondere a richieste e bisogni della gente. Il suo gruppo, che ha raggiunto quota 9mila iscritti, è una chiara dimostrazione della protesta contro le novità per le pensioni che si stanno portando avanti, tra cittadini (lavoratori e pensionandi) delusi e arrabbiati e cittadini pronti a continuare ad andare contro la stessa maggioranza, soprattutto in vista di quel voto istituzionale di dicembre causa o principio di tutto ciò che si sta facendo.

Secondo molti, infatti, le novità per le pensioni presentate, che ad una prima lettura sembrerebbero accontentare tutti, in realtà non hanno particolare significato perché non sono universali per tutti nè strutturali  ma abbracciando più o meno tutti, da chi vuole lasciare anzitempo la propria occupazione a chi percepisce trattamenti base e difficilmente riesce ad arrivare a fine mese. E si tratta di misure che potremmo chiaramente far rientrare in una precisa strategia del consenso pensata in vista del voto di dicembre.

Ma, ben fermo sul no al voto di dicembre, il gruppo di Carasi rivendica la necessità di una revisione più profonda delle novità per le pensioni, che potrebbero, o avrebbero potuto essere, come rilanciato da tanti, novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41 per tutti. Le ultime notizie di questi giorni riguardano anche l’acceso scontro che si è verificato tra il premier e la giornalista tv Bianca Berlinguer, che alcune indiscrezioni ritengono potrebbe diventare nuova segretaria della maggioranza.

Ad accendere lo scontro la questione delle dimissioni dell’ex sindaco di Roma. In toni piuttosto ironici, il premier, rivolgendosi alla Berlinguer, ha sottolineato che all’indomani della notizia delle dimissioni presentate dallo stesso ex sindaco (parole sulle quali la stessa Berlinguer avrebbe avuto da ridire), il suo tg ha dato molta rilevanza all’accaduto, dichiarazioni che suscitano l’ironia della giornalista, che alla domanda del premier sul quando mai lei abbia ricevuto una sua telefonata con direttive per l’organizzazione dello stesso tg, ha chiaramente risposto che dal premier personalmente effettivamente non è mai arrivata alcuna telefonata, alludendo però al fatto che probabilmente, per la stessa linea dal premier impartita, da qualche altra parte alta, qualche telefonata potrebbe essere arrivata.

Lei che da sempre ha dimostrato di essere una persona ben capace di tener testa al premier, è quella personalità che, come riportano le ultime e ultimissime notizie, in molti, soprattutto dell’opposizione interna, vorrebbero alla guida della maggioranza per un gruppo anti premier e considerando le attuali tensione, questa volontà significherebbe netta scissione all’interno della stessa maggioranza, come del resto si dice da giorni. E proprio alla guida, ipotetica, di un gruppo alternativo a quello del premier, potrebbe schierarsi dalla parte di un ennesimo rilancio delle novità per le pensioni per tutti e più importati.

Dalla parte della creazione di una nuova opposizione capace di porsi come alternativa alla maggioranza del premier anche Massimo D’Alema, lui che sulla questione voto istituzionale ha sempre detto di essere pronto a votare no, ma pronto a creare una proposta alternativa, un inaspettato ddl basato su tre principali punti: riduzione del numero dei parlamentari, elezione diretta dei senatori e istituzione di una Commissione di Conciliazione tra Camera e Senato. Un'astuta mossa politica, secondo quanto riportato dalle ultime notizie, che potrebbe raccogliere centinaia di aderenti. E che potrebbe rivelarsi importante anche nell'ottica di un rilancio delle novità per le pensioni che, considerando il tema particolarmente a cuore dei cittadini, sarebbe il miglior terreno di battaglia sul quale si potrebbe disputare la sfida tra maggioranza e gruppo alternativo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il