BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41 Comitati Online aggiornamento tempo reale, resconto manifestazione oggi Roma

Si allargano le manifestazioni dei gruppi online che coinvolgono sempre più persone: iniziative, richieste, e novità per le pensioni criticate




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:17): Seguiremo in aggiornamento in tempo reale la prima manifestazione del gruppo guidato Moreno Barbuti e occhiadoro per le novità per le pensioni che si terrà nella tarda mattinata e soprattutto nel pomeriggio odierno. Vi sono tante persone che stanno arrivano in treno e in auto come testimoniano foto e video online. Al momento vi sono dai dati delle ultime notizie e ultimissime racoclte sulla pagina del Gruppo 350 partecipanti e 200 potenziali, ma vedremo poi le cifre

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:50): Prosegue la preparazione delle manifestazioni di protesta dei comitati online sulle novità per le pensioni messa a punto dalla maggioranza. Il livello di coinvolgimento, come si apprende dalle ultime e ultimissime notizie, è sempre più ampio, ma per avere un'esatta dimensione occorre naturalmente attendere i giorni della discesa in piazza.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Due manifestazioni per far sentire la propria voce che partono dai Gruppi Online sempre più attivi e si spostano sul territorio una a Roma e una a Bologna. E questa volta sembrano confemati numerosi partecipanti dalle ultime notizie e ultimissime dopo le novità per le pensioni che hanno confermato come spiegano gli esponenti dei Gruppi la loro inadeguatezza.

Ci si prepara tra qualche giorno alla manifestazione organizzata dal gruppo online Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti davanti a Montecitorio per protestare contro le novità per le pensioni che la maggioranza sta portando avanti e per chiedere ulteriori novità e miglioramenti soprattutto per la quota 41 per chi ha iniziato a lavorare giovanissimo e per chi svolge, o ha svolto, occupazioni faticose. Si tratta, però, solo della prima di una serie di iniziative organizzate dai gruppi online, sempre più attivi e protagonisti delle discussioni e dei dibattiti sulla questione pensioni, che continuano a battersi affinchè le attuali norme pensionistiche vengano sì riviste ma in maniera positiva per tutti, non solo per poter far dire che la maggioranza ha fatto qualcosa di concreto sulle pensioni perché così realmente non è. Proprio per rilanciare l’urgenza di novità per le pensioni profonde il prossimo 22 ottobre a Bologna il gruppo Giovani, Lavoro, Pensione di Franco Rizzo ha organizzato, a partire dalla 10:30, una manifestazione di protesta contro le attuali norme pensionistiche, per far sentire alle forze politiche le tante voci che chiedono necessità di modifiche che, però, non dovrebbero concretizzarsi nelle novità per le pensioni appena messe a punto come mini pensione e quota 41 limitate e ristrette, ma in novità per le pensioni ben più importanti e profonde, come quota 100 o quota 41 per tutti.

Sono diverse, infatti, le voci che si alzano dai gruppi online, come riportano le ultime notizie, che tendono a ribadire sempre come sia urgente rivedere le attuali pensioni per sostenere non solo il sistema pensionistico italiano, ma anche il rilancio dell’occupazione giovanile che, come dimostrano le ultime e ultimissime notizie, segna ancora dati negativi. Per una profonda revisione delle attuali pensioni serve impegno reale e concreta voglia di soddisfare i bisogni della gente. Secondo Paolo Carasi, coordinatore del gruppo Diritti Negati Lavoratori Precoci Esodati, la strada da seguire per le novità per le pensioni è proprio quella di cercare di soddisfare lavoratori e pensionati piuttosto che pensare alle migliori mosse elettori per la vittoria del voto istituzionale del prossimo 4 dicembre. Aperto al dialogo con tutte le forze politiche, ad eccezione della maggioranza, dichiaratamente dalla parte del no al voto di dicembre, Carasi chiede che siano approvate novità per le pensioni per tutti i quota 41, senza condizioni e paletti.
 
Per Franco Rizzo, coordinatore del gruppo Giovani,Lavoro e Pensione, la maggioranza non sembra avere davvero intenzione di portare avanti novità per le pensioni universali e strutturali. In questo senso, infatti, le uniche novità per le pensioni importanti sarebbero state quota 100, ancora ad oggi considerata la migliore soluzione pensionistica per tutti anche se al momento troppo costosa, e novità per le pensioni di quota 41 per tutti. E’ vero, come detto, che si tratta di novità per le pensioni troppo costose rispetto all’attuale budget disponibile, ma è anche vero, secondo Rizzo, che se la maggioranza volesse davvero rivedere profondamente le attuali norme pensionistiche, non potendo arrivare direttamente a quota 100 e quota 41 oggi, potrebbe quanto meno decide di bloccare il meccanismo di adeguamento dell’età pensionabile alla speranza di vita e questa cancellazione permetterebbe di andare oltre anche a quota 100 e quota 41.
 
Ma si tratta di un sistema che, seppur al centro delle ultime notizie, non sarà toccato e rimarranno diverse questioni da risolvere se si dovesse andare avanti con le sole novità per le pensioni messe a punto finora, dal problema dell’occupazione giovanile, bassa; ai problemi di tutti i lavoratori più anziani costretti a rimanere a lavoro ma per cui a volte risulta difficile se non impossibile; conseguente aumento degli  incidenti sul lavoro; sempre più giovani costretti ad abbandonare il loro Paese che non prospetta alcun futuro.

Il 18 ottobre poi il gruppo dei Lavoratori Precoci Unici a tutela dei propri Diritti, che finora sono stai i più aperti al dialogo e sono stati gli unici ad avere colloqui con esponenti della maggioranza che si occupano delle novità per le pensioni, con ben due riunioni dove hanno sempre ribadito le loro idee, hanno organizzato un nuovo presidio a Roma, e sarà interessante capire cosa succederà. Intanto le manifestazioni dei gruppi online si allargano, visto che, dopo le ultime notizie sulla questione proroga del contributivo femminile, anche il gruppo online ad essa dedicata parteciperà e organizzerà ulteriori iniziative per un rilancio della richiesta di questo sistema e per protestare contro le ultime decisioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il