BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41 cosa detto, resoconto a Roma manifestazione da tripiedi, Occhiodoro, Di Battista

Com’è andata la manifestazione di oggi a Roma e ultime posizioni e affermazioni di Occhiodoro, Di Battista, Tripiedi




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:44): Prosegue l'organizzazione delle nuove manifestazioni di protesta contro le lacune contenute nel progetto sulle novità per le pensioni varato dal Consiglio dei ministri. Secondo le ultime e ultimissime notizie, è attesa una grande partecipazione, alimentata dal successo dell'ultima rimostranza che sembra aver soddisfatto gli organizzatori.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:33): Anche per via del pressing che arriva dalla piazze, sarebbe un errore credere che il capitolo delle novità per le pensioni sia definitivamente chiuso. Come dimostrato dalle ultime e ultimissime notizie e in attesa delle prossima manifestazione, ci sono molti punti caldi che saranno al centro dell'attenzione, tra cui quello dell'applicazione della ben nota quota 41.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): C'è un aspetto interessante che è emerso dalla prima manifestazione di protesta contro l'attuale legge previdenziale e il pacchetto di novità per le pensioni. In merito alle aspettative di vita, se nel 2017 il blocco in funzione dell'aumento dell'età pensionabile ha coinvolto coloro che esercitano attività faticose, in seguito, riferiscono ultime e ultimissime notizie, il campo di applicazione sarà più ampio.

E’ stata una manifestazione decisamente concitata e dinamica quella svoltasi oggi, martedì 18 ottobre, davanti a Montecitorio a Roma, organizzata dai gruppi online e cui hanno preso parte anche alcuni esponenti di alcune forze politiche. Presente, chiaramente, tra gli altri, Roberto Occhiodoro del gruppo Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti che ha riferito dell'incontro avuto con il presidente del Comitato ristretto per le pensioni a Montecitorio, occasione durante la quale Occhiodoro dice di aver ribadito l'urgenza della novità per le pensioni di quota 41, riportando, secondo le ultime notizie rese note, che potrebbero essere discussi eventuali emendamenti in riferimento a quei lavoratori che sono rimasti senza ammortizzatori sociali e che hanno raggiunto 41 anni di contributi perché possano andare in pensione senza alcun onere. Altra richiesta presentata da Occhiodoro è stata quella riconoscimento dei lavoratori che hanno iniziato a lavorare prestissimo e riconoscimento delle liste precise delle nuove occupazioni faticose. Stando a quanto riferito da Occhiodoro, il presidente del Comitato si sarebbe impegnato ad allargare la platea di tali occupazioni, soprattutto in riferimento alla categoria degli infermieri, che al momento contemplerebbero solo coloro che sono impegnati nelle sale operatorie.

Per quanto riguarda poi l'aspettativa di vita, Occhiodoro ha spiegato che per quest'anno è dedicata ai lavoratori impegnati in occupazioni faticose e pesanti, mentre l'anno prossimo la speranza di vita sarà rivista per tutta un'altra serie di attività per cui bisognerà comunque lavorare ancora. Scatenate le posizioni degli esponenti dei gruppi online e di esponenti di forze politiche che hanno preso parte alla manifestazione di oggi 18 svoltasi a Roma: al centro della manifestazione, chiaramente, le novità per le pensioni appena messe a punto e inserite nel testo unico, ma che potrebbero, volendo, ancora essere modificate. Fortemente critico Alessandro Di Battista del M5S nei confronti delle ultime novità per le pensioni che la maggioranza sta portando avanti: Di Battista ha preso parte alla manifestazione di oggi, 18 ottobre, davanti a Montecitorio, organizzata dai gruppi online per rilanciare urgenza e necessità di revisione delle attuali novità per le pensioni che non piacciono e non convincono.

E Di Battista ha spiegato come si sia arrivati alla loro definizione, tra mini pensione e quota 41 limitate, che sanno davvero di inutilità, esclusivamente per mosse politiche, chiaramente errate. Nel mirino il prestito 20ennale che i pensionati dovrebbero, in un certo senso, chiedere per godere di un loro diritto, quello cioè della pensione, prendendo meno soldi di quelli che dovrebbero dopo un'intera vita di lavoro, e dando soldi, di nuovo e sempre, agli istituti di credito. Ed è proprio questo che scatena le proteste da parte dei cittadini presenti alla manifestazione che, chiaramente, continuano a sentirsi presi in giro dalla maggioranza.

La posizione di forte scontro di Di Battista del M5S nei confronti di novità per le pensioni, ma non solo, che la stessa maggioranza sta portando avanti, rappresenta una sorta di contro mossa politica per il M5S, per continuare a conquistare consensi. E puntando il dito contro gli istituti di credito fortemente coinvolti nel meccanismo di mini pensione, che deciderebbero in realtà ogni nuovo provvedimento che in realtà l'esecutivo sta portando avanti, ha invitato i partecipanti alla manifestazione a votare no al voto costituzionale del prossimo dicembre. E non per votare contro il premier, quanto per esprimere contrarietà nei confronti di una politica globale che incita a cambiamenti che egli stesso ritiene errati. Lo stesso Di Battista ha quindi annunciato che questa sera sarà ospite a Politics, dove tornerà a parlare di voto costituzionale e novità per le pensioni. Dal canto suo, anche l’onorevole Tripiedi ha dichiarato, secondo quanto confermato dalle ultime e ultimissime notizie, che riproporrà la questione della revisione delle novità per le pensioni per i quota 41 nel Gruppo Occupazione, insieme all’estensione dei benefici per tutti i lavoratori impegnati in occupazioni faticose e pesanti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il