BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp Italia ottobre: rendimento minimo garantito ufficiale, tasso di interesse reale comunicato oggi. Orario, quando, previsioni

Il tasso cedolare reale annuo definitivo dei Btp Italia di ottobre 2016 viene fissato al termine del periodo di collocamento.




Nessuna chiusura anticipata del collocamento dei Btp Italia 2016. Oggi mercoledì 19 ottobre è l'ultimo giorno per i risparmiatori individuali e stando alla raccolta provvisoria, la performance è decisamente inferiore a quella dei precedenti collocamenti. Domani 20 ottobre 2016 è il turno degli investitori istituzionali che rappresentano il reale termometro dei mercati. A rappresentare un freno per i risparmiatori individuali è stato probabilmente quello 0,35% di cedola fissato dal Ministero dell'Economia e la durata di 8 anni di Btp. Il tasso cedolare reale annuo definitivo viene invece fissato al termine del periodo di collocamento e non potrà essere inferiore, ma è comunque difficile prevede grandi scostamenti.

Il taglio minimo acquistabile durante la prima fase è di 1.000 euro mentre il rimborso del capitale nominale avviene in unica soluzione a scadenza al valore nominale non rivalutato. In caso di deflazione nel semestre, la cedola dello stesso semestre viene calcolata moltiplicando il tasso cedolare semestrale reale fisso per il capitale nominale non rivalutato, garantendo per il relativo semestre un rendimento minimo pari al tasso cedolare reale semestrale fisso. In caso di inflazione nei semestri successivi, la rivalutazione del capitale avverrà solo qualora l'indice torni a superare il livello massimo raggiunto nei semestri precedenti.

Di particolare interesse c'è però il premio fedeltà del 4 per mille lordo sul valore nominale dell'investimento esclusivamente per gli investitori che acquistano i titoli adesso e li detengono fino alla scadenza. Di fatto, i Btp Italia, anche in questo collocamento di ottobre 2016, sono un prodotto nuovo, sia per caratteristiche finanziarie che per modalità di collocamento. A oggi non ci sono altri titoli di Stato emessi con durata pari a 4, 6 e 8 anni anni né indicizzati all'inflazione italiana. In realtà, esistono anche altri titoli di Stato indicizzati all'inflazione emessi dal Tesoro italiano, ma gli interessi fanno riferimento al tasso di inflazione europea e non italiana.

Inoltre, il pagamento della rivalutazione del capitale avviene in un'unica soluzione a scadenza. Un altro elemento di novità rispetto a tutti gli altri titoli di Stato e la modalità di emissione: il collocamento avviene attraverso la piattaforma elettronica Mot di Borsa Italiana. Di conseguenza, chi prenota il titolo durata la prima fase destinata ai risparmiatori individuali e altri affini ha la sicurezza di aggiudicarsi sempre il quantitativo che è stato richiesto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il