BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni Ape, quota 41 in vigore per 2017-2018-2019 o entro quando

Budget stanziato per realizzazione delle novità per le pensioni: sette miliardi di euro per tre anni da decidere di anno in anno. I soldi per il primo anno




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): Stando a quanto approvato dal Consiglio dei ministri, solo le mini pensioni avranno carattere sperimentale per due anni. E dal prossimo, continuano a confermare le ultime e ultimissime notizie, entreranno in vigore dal primo maggio. Gli altri provvedimenti sono strutturale e quelli sulle pensioni base mostreranno i loro effetti solo dalla prossima stagione estiva.

Per i prossimi tre anni la maggioranza ha deciso di stanziare 7 miliardi di euro per l’attuazione delle novità per le pensioni annunciate tra mini pensione Ape, quota 41, aumento delle pensioni base, un budget che dovrà essere rinnovato di anno in anno dal 2017 al 2019. Non è stata ancora ben fatta la divisione dei soldi complessivi per ogni anno, si sa che per il primo anno, stando alle ultime notizie, dovrebbero essere stanziati 1,1 miliardi di euro per l’aumento delle pensioni base, 600 milioni per la mini pensione, 200 milioni di euro per la quota 41 e 100 milioni per il cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali. Complessivamente, dunque, 1,9 miliardi di euro per novità per le pensioni che ancora non si sa precisamente quando entreranno in vigore. Per mini pensione e quota 41, secondo quanto riportato nel testo unico, la possibilità di richiederle dovrebbe partire dal primo maggio del 2017 e, se così fosse, la richiesta di pensionamento anticipato potrebbero essere presentate già un mese e messo prima, quindi dalla metà  del mese di marzo 2017.

Ma è possibile, come riportano le ultime notizie riferite al consigliere economico di Palazzo Chigi, che tutto venga rimandato, anche di tre mesi, nell’attesa di ulteriori informazioni da parte dei tecnici. E no si sa ancora se tempo di avvio di mini pensione e quota 41 coinciderà con l’erogazione degli aumenti delle pensioni base. La certezza è che trascorso il primo anno bisognerà riconsiderare e ricalcolare le risorse da impiegare per il secondo anno, e quindi poi per il terzo, cosa che accadrà solo tra tre anni. In questo contesto, però, bisognerà vedere se la sperimentazione di novità per le pensioni come mini pensione e quota 41 sortirà risultati positivi perché in caso contrario potrebbe essere anche possibile che vengano bloccate.

L’unica novità per le pensioni al momento approvata e che dovrebbe essere inserita nel testo unico esattamente così com’è è l’aumento dei trattamenti pensionistici base che durerà certamente per i prossimi anni, contrariamente alle dubbiose mini pensione e quota 41, e che potrebbe anche diventare una misura strutturale. Solo con il passare del tempo, ci si potrà effettivamente rendere conto se gli investimenti stanziamenti per la realizzazione delle novità per le pensioni che la maggioranza, d’accordo con le forze sociali, sta portando avanti saranno positive, o inutili e inefficaci come in tanti al momento sostengono.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il