Copertura Adsl: potrebbe intervenire l'Unione Europea per colmare il digital divide?

Banda larga in Europa, in aumento il gap tra i Paesi



Lo scarto tra il paese europeo al primo posto (Danimarca 37,2%) e quello all'ultimo posto (Bulgaria 5,7%) in materia di penetrazione della banda larga è in lieve aumento e supera ormai i 30 punti percentuali. E' quanto emerge da una relazione presentata oggi dalla Commissione europea, che cita la mancanza di concorrenza e le carenze della normativa come gli ostacoli principali alla crescita della banda larga. "La crescita della banda larga resta forte e i paesi leader dell'UE sono diventati leader mondiali in materia di penetrazione (ovvero numero di abbonati in rapporto alla popolazione) della banda larga -" ha dichiarato il Commissario UE per le telecomunicazioni Viviane Reding - Tuttavia è inaccettabile che lo scarto tra i primi e gli ultimi in Europa stia crescendo. L'Europa deve intervenire subito per far ordine al suo interno. Presenterò proposte specifiche in tal senso nell'ambito del nostro pacchetto di riforme della regolamentazione delle telecomunicazioni a novembre."

Secondo l'esecutivo Ue le ragioni di tale gaprisiedono nella mancanza di vere infrastrutture alternative o nella necessità di un'applicazione più coerente e rapida delle misure correttive. Occorre adoperarsi maggiormente per promuovere gli investimenti in modo che la crescita sia più equilibrata in tutta la UE. Garantire una concorrenza efficace nei mercati della banda larga, per far sì che la banda larga sia accessibile a tutti, è tra le massime priorità della riforma della regolamentazione delle telecomunicazioni che la Commissione proporrà il prossimo mese.

In media la penetrazione è salita dal 14,9% al 18,2%, nonostante i tassi di penetrazione relativamente modesti registrati in taluni Stati membri. Nei paesi leader - Danimarca (37,2%) e Paesi Bassi (33,1%) - circa un terzo o più della popolazione dispone di accesso alla banda larga, con una quota sostanziale di utenti che utilizza un'infrastruttura diversa da quella degli operatori storici. Proporzionalmente, la crescita è stata più elevata in Danimarca (7,7 linee per 100 abitanti), Lussemburgo (7,1 per 100) e Irlanda (6,7 per 100).

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il