BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie prospettive e novità scontri su regole e metodi su mini pensioni, quota 41 da Padoan, Nannicini, Boeri

Incertezze e scontri su regola di funzionamento di mini pensione e quota 100 con posizione del tutto divergente del presidente Boeri: attesi ulteriori chiarimenti




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:17): Anche sul capitolo delle novità per le pensioni continuano confronti e scontri, rispetto a cui lo stesso presidente dell'Istituto nazionale della previdenza sociale non sembra così convinto. L'attenzione continua a rimanere alta e le ultime e ultimissime notizie non escludono che qualcosa possa essere rivisto prima del via libera definitivo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:03): E lo scontro acceso che c'è stato in precedenze secondo molti continua per le novità per le pensioni ed è testimoniato dal ritardo delle bozze alle Aule che poi si potranno ancora modificare lungo il corso dell'iter. Questa volta lo scontro pare essere non sul metodo, ma sulle regole e denaro delle mini pensioni e quota 41 come emerge da diverse fonti ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:30): Quanti dubbi sulle novità per le pensioni. Nonostante la piattaforma di base sia già stata predisposta, restano ancora tante domande senza risposta. E alcune sembrano più preoccupanti di altre, come quelle rivelate dalle ultime e ultimissime notizie. Riguardano i tempi di avvio del provvedimento di quota 41: già a gennaio o solamente a maggio al pari delle mini pensioni?

Definite le ultime novità per le pensioni da inserire nel nuovo testo unico, il cui iter di discussione è partito, le ultime notizie su meccanismi di funzionamento e tempi sono ancora piuttosto confuse. Partendo dai tempi, le ultime e ultimissime notizie hanno riferito che la mini pensione dovrebbe partire, come riferito dal ministro dell’Economia Padoan alla presentazione del testo unico, dal primo maggio, ma ancora non si sa se dal primo maggio si potrà già lasciare anzitempo la propria occupazione con la mini pensione o se sarà il tempo in cui si potranno iniziare ad inviare le domande per la richiesta della stessa mini pensione. E in dubbio sembrano anche i tempi di partenza della quota 41, c’è chi dice a gennaio, chi, invece, a maggio come la mini pensione. Ma tutto potrebbe ancora slittare di qualche mese rispetto a maggio, come anticipato da alcuni tecnici della maggioranza, in virtù di eventuali discrepanze di conti e tra soldi disponibili e richieste presentate. Confusione sul funzionamento di mini pensione e quota 41 è stata mostrata da parte del ministro dell’Economia Padoan che, nel corso di una recente intervista, non è sembrato avere le idee particolarmente chiare sulle regole definite per le recenti novità per le pensioni.

E il calcolo che, secondo lui, dovrebbe essere quello finale della mini pensione a carico  dei lavoratori, non collima, per esempio, con quello del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini. Stando ad alcuni calcoli effettuati, risulterebbe che la mini pensione tra oneri, tasso di interesse e assicurazione penalizzerebbe il lavoratore del 20-25% complessivamente, Padoan sostiene che si tratti di giusti calcoli ma che in realtà non riflettono quelli spiegati da Nannicini. Secondo quanto reso noto, infatti, la rata di rimborso della mini pensione per lasciare anzitempo la propria occupazione, da restituire in 20 anni, sarà compresa tra il 4,5% e il 4,7%, che complessivamente non sarebbe del 20-25%, ma decisamente inferiore. Altro punto di scontro è quello relativo al pagamento dell’assicurazione: alla domanda posta al ministro dell’Economia su chi dovrebbe pagare eventualmente l’assicurazione in caso di scomparsa del pensionato richiedente la mini pensione, Padoan avrebbe risposto che il pagamento dell’assicurazione in quel caso spetterebbe agli eredi, così come tutti gli altri costi ancora dovuti.

Una risposta inaspettata per tanti e che si scontra con quanto spiegato dal consigliere economico di Palazzo Chigi che ha detto che assolutamente non sarebbe così ma che in caso di decesso del richiedente i costi mancanti e la copertura necessaria non ricadrebbero sugli eredi ma sarebbero a carico dello Stato. E’ chiaro, dunque, come sia ancora scontro sulle regole per mini pensione e quota 41, mentre lo stesso ministro dell’Economia sembra avere invece le idee abbastanza chiare sulla questione degli aumenti delle pensioni base, probabilmente perché si tratta di una delle novità per le pensioni che interessa maggiormente, considerando che, stando alle ultime notizie, dovrebbe interessare 1,2 milioni di pensionati che sommati ai 2,1 milioni di pensioni che godono già degli aumenti, farebbe arrivare complessivamente a 3,3 milioni i pensionati che potranno godere di questa possibilità. Un bacino decisamente grande di utenza in vista del prossimo voto costituzionale in programma il 4 dicembre.

Ancor diversa la posizione del presidente dell’Istituto di Previdenza Boeri che non ha ancora le idee chiare su quanto potranno effettivamente essere vantaggiose le novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 che la maggioranza sta portando avanti, considerando il loro carattere molto ristretto e limitato, con un impiego di denaro che potrebbe rivelarsi ancora una volta uno spreco, come quello investito per il flop del part time. Boeri, come del resto si sa, puntava sulla quota 100. In merito poi alla questione degli aumenti delle pensioni base, il timore di Boeri è che senza precisi criteri di considerazione del valore Isee o del quoziente familiare, cioè basandosi non sui redditi familiari ma solo dei singoli, si possano concedere aumenti anche ai più benestanti. E questo meccanismo non aiuterebbe di certo a raggiungere quell’obiettivo di equità sociale che da sempre lo stesso Boeri cerca di perseguire e ,al contrario, contribuirebbe solo ad acuire le diseguaglianze sociali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il