Cartelle Equitalia: quando e come funziona. Come fare domanda, per quali cartelle vale, multe Governo Renzi 2017

Quando entrerà in vigore il nuovo piano di rottamazione delle cartelle Equitalia e come inviare domande per richiesta adesione

Cartelle Equitalia: quando e come funzio


Entro il prossimo mese di giugno Equitalia si prepara a chiudere i battenti e dal primo luglio 2017 le riscossioni di tributi saranno effettuate direttamente all'Agenzia delle Entrate. Contestualmente alla chiusura di Equitalia sarà avviato un nuovo piano di rottamazione delle cartelle pendenti dal 2000 al 2015 e i contribuenti che dovranno pagare debiti pendenti relativi a questo periodo dovranno pagare esclusivamente l’importo del tributo non versato senza, però, alcuna sanzione o interessi. La rottamazione delle cartelle varrà anche per l’Iva, ma non vale per l’Iva all’importazione, ma anche per le somme dovute per le multe Ue e quelle derivanti da pronunce di condanna della Corte dei conti. La definizione agevolata non si applica nemmeno sulle multe, le ammende e le sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti o sentenze penali di condanna.

Possono aderire al nuovo piano di rottamazione delle cartelle Equitalia anche contribuenti che hanno già piani di rateazione in corso. I contribuenti che sceglieranno di rottamare le proprie cartelle Equitalia potranno pagare l'importo dovuto in quattro rate: le prime due rate dovranno essere ognuna pari ad un terzo ciascuna e la terza e la quarta pari ad un sesto ciascuna delle somme dovute. E’ bene ricordare che la scadenza di pagamento della terza rata non potrà superare il 15 dicembre 2017 e la scadenza della quarta rata non potrà superare il 15 marzo 2018. Sarà, però, possibile versare quanto dovuto anche in un'unica soluzione. Il piano di rottamazione delle cartelle Equitalia, pendenti, non sarà automatico ma i contribuenti che vorranno aderirne dovranno presentare domanda entro 90 giorni, cioè entro il prossimo 21gennaio.

Entro 15 giorni Equitalia pubblicherà i moduli per aderire alla rottamazione e al momento della richiesta potrà scegliere di pagare l’importo dividendolo, come già detto, in quattro rate. Entro il 22 giugno,poi, il concessionario della riscossione dovrà comunicare a chi ha aderito l’importo complessivo dovuto e le singole rate, con la data di scadenza di ciascuna. Il pagamento della cartella potrà esser effettuato con bollettini precompilati, attraverso la domiciliazione sul conto della banca, o con versamenti agli sportelli del concessionario della riscossione.

Le novità di rottamazione delle cartelle Equitalia sono state spiegate anche dal viceministro dell'Economia che ha specificato che non si tratta di un condono dei pagamenti non effettuati, considerando che sanzioni e multe dovranno essere pagate per intero con l’aggio che sarà calcolato alla sola imposta di partenza, quindi, per esempio, considerando il dovuto pagamento di 1000 euro, si pagheranno 1060 euro, mentre l'aggio sul resto delle voci da rottamare scomparirà, esattamente come interessi e sanzioni.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il