BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie opzione donna proroga la vera decisione con UE ci sarà solo dopo voto

Occorre osservare con attenzione le decisioni della Comunità per capire le reali prospettive dell'opzione proroga donna nel quadro delle novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:40): Sono due gli appuntamenti che le lavoratrici interessate dall'opzione proroga donna dovrebbero segnare in agenda. Il primo è quello con la presentazione in parlamento dei testi ufficiali sulle novità per le pensioni, prologo alla preparazione di cambiamenti. Il secondo è quello del voto costituzionale dopo il quale, ricordano le ultime e ultimissime notizie, la Comunità esprimerà il suo parere sui conti pubblici.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): La Comunità ha deciso di prendere qualche giorno in più prima di rendere pubblici i suoi giudizi sui provvedimenti varati dalla maggioranza, in cui sono incluse le novità per le pensioni, ma da cui dipendono altre novità, come l'opzione proroga donna. Per le ultime e ultimissime notizie si tratta comunque di un punto a favore della maggioranza.

La lettera di richiamo della Comunità è attesa a breve, ma la valutazione definitiva sui conti pubblici italiani arriverà solo dopo il voto costituzionale del 4 dicembre. Si allungano dunque i tempi per capire se e quale destino avrà il pacchetto dei provvedimenti allestito dalla maggioranza per la crescita del Paese e la riparazione dei buchi sociali, e soprattutto le novità epr le pensioni. In questo contesto si inserisce la questione dell'opzione proroga donna, considerando che ogni ipotesi di estensione è sottilmente legato agli equilibri economici. Di norma, l'iter dell'esame prevede che il parere della Comunità arrivi entro il 30 novembre di ogni anno.

Se però l'esecutivo europeo dovesse riscontrare un'inosservanza particolarmente grave degli obblighi di politica finanziaria definiti nel patto di stabilità, allora il parere sarebbe adottato entro due settimane dalla trasmissione del testo. Stando così le cose, la maggioranza in Italia può procedere con rinnovata tranquillità sia in vista dall'importante appuntamento elettorale e sia alla luce delle minori pressioni sulle scelte di politica interna. In ogni caso, il prossimo appuntamento è quello delal lettera di richiamo, il cui tono non dovrebbe essere conflittuale, ma saranno chieste modifiche agli interventi una tantum previsti nel testo varato poco più di una settimana fa dal Consiglio dei ministri.

Inoltre, la Comunità non considera eccezionali e quindi fuori deficit, le spese per il piano nazionale di salvaguardia antisismico, mentre lo sarebbero quelle dirette per la ricostruzione e quelle per i migranti. Dalla stessa comunità assicurando di stare analizzando le bozze dei bilanci ricevute e di stare lavorando con serenità. Come precisato, si tratta di passaggi solo apparentemente burocratici, ma che possono incidere sulle scelte futuro, anche e soprattutto in riferimento alla nuova opzione proroga donna alla luce dei continui rimandi degli attori della maggioranza, tra cui quelli di Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento, a ristrettezze di budget.

Com'è noto, la richiesta è la continuazione di un anno del cosiddetto contributivo donna ovvero la concessione alle lavoratrici dell'opportunità del congedo qualche anno prima rispetto ai requisiti in vigore, ma rinunciando a una parte dell'assegno perché calcolato con il contributivo. Il ritiro sarebbe possibile a 57 anni e 3 mesi di età con 35 anni di contributi per le dipendenti o a 58 anni e 3 mesi per le autonome. In seconda fila c'è l'invocazione di annullare il conteggio aggiuntivo sull'età anagrafica per via dell'aumento delle speranze di vita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il