Pensioni ultime notizie martedì in fase di studi miglioramenti da Simonetti, Ciprini

Posizioni e richieste per ulteriori miglioramenti delle attuali novità per le pensioni da Cirpini e Simonetti: le ultime notizie ad oggi lunedì

Pensioni ultime notizie martedì in fase


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:03): Ma cosa potrebbe migliorare a livello incrementale per le novità per le pensioni? Prima di rispondere bisogna fare un passo indietro e dire che sia Ciprini che Simonetti insieme ai loro colleghi più stretti sono fortemente critici su tutte le novità per le pensioni portate avanti finora a 360 gradi e vorrebbe come affermano nelle ultime notizie e ultimissime rivederle tutte. Ora, quindi, hanno due strade davanti a sè, portare avanti questo stravolgimento oppure decidere di aggregarsi a quella serie di miglioramenti incrementali che abbiamo appena detto qualche riga sopra che probabilmente dovrebbero arrivare dall'opposizione interna. Insomma, dialogo o spaccatura totale, senza contare l'incognita ma con un ruolo ben deciso e implacabile del Tesoro.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Da domani inizierà l'iter tanto atteso che comprenderà le novità per le pensioni tra gli argomenti più sentiti nelle ultime notizie e ultimissime. E sono già in fase di studio una serie di miglioramenti da parte di diversi esponenti anche se al momento potrebbero, visto cosa è scritto nei documenti giunti, essere del tutto radicali e profondi e chiedere di inserire tutto quello che manca oppure solo incrementali, senza grandi rivoluzioni proprio per le limitazioni di cosa è stato inserito e di che cosa è stato previsto fare dopo (praticamente tutto). E ovviamente, al momento, nonostante le ultime notizie e ultimissime, siamo più propensi che si segua la seconda strada.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:05): Il confronto che ci dovrà essere istituzionale non è così semplice e scontato per le novità per le pensioni, perchè nonostante le tante buone ultime notizie e ultimissime dove trasversalmente tutte le forze si impegno a migliorare le novità per le pensioni ci sono una serie di impedimenti di varia tipologia che rendono tutto davvero complesso

Decisamente stretti i tempi, come risulta ad oggi lunedì, per discussioni, esami ed analisi delle misure contenute nel nuovo testo unico ed eventuali miglioramenti che si preparano ad essere presentati: stando alle ultime notizie, ci sarà tempo fino al 3, massimo 7 novembre, poi il testo unico approderà in Aula. Entro la fine del mese le discussioni, poi, si bloccheranno in vista del voto costituzionale in programma il prossimo 4 dicembre per poi riprendere al 5 e a quel punto il tempo sarà davvero poco per capire come eventualmente modificare le misure al momento previste per il nuovo testo unico e quali provvedimenti finali prevedere. E’ possibile che la maggioranza si prepari a chiedere una nuova fiducia, come emerso dalle ultime e ultimissime notizie, e se si dovesse arrivare, come l’anno scorso, alla definizione di un pacchetto condiviso con le opposizioni, è plausibile che la fiducia arrivi. In questo contesto di difficoltà e tempi ristretti, forze politiche e opposizioni si dicono comunque pronti a presentare miglioramenti inerenti soprattutto le ultime novità per le pensioni. Mini pensione e quota 41 così come la maggioranza ha intenzione di approvarle non si prospettano utili e vantaggiose e ci si prepara a rilanciare su modifiche necessarie.

Dal M5S, Tiziana Ciprini, sulla scia del collega vicepresidente di Montecitorio, ha dichiarato di essere pronta a ribadire la richiesta di una quota 41 per tutti coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale, cioè a 14-15 anni e hanno già maturato i loro 41 anni di contributi regolarmente versati, senza oneri e senza i paletti e le condizioni al momento poste per la pensione. Stando, infatti, a quanto previsto dalla maggioranza, possono accedere alla quota 41 solo che sono entrati prestissimo nel mondo occupazionale, che abbiano maturato 41 anni di contributi, anche prima dei 63 anni di età, ma solo se entro il 19esimo abbiano maturato 12 mesi di contributi e se si ritrovino in condizioni di difficoltà, cioè siano rimasti senza occupazione, siano invalidi o malati gravi, o svolgano attività faticose. E’ chiaro, come ben si evince, che con tutte queste condizioni poste sarà decisamente limitata la platea di coloro che potranno chiedere tale possibilità.

La Ciprini, proprio per evitare questi limiti, punta alla cancellazione di condizioni, paletti e oneri per tutti. E, condividendo la posizione dei cuoi colleghi penta stellati, considera le ultime novità per le pensioni come una nuova beffa da parte della maggioranza nei confronti di lavoratori e pensionandi, l’ennesimo favore reale, invece, fatto agli istituti di credito che, da quanto emerge dalle ultime e ultimissime notizie, sembrerebbero i veri favoriti dalle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41. E alle richieste dei gruppi online che hanno chiesto impegni proprio per un rilancio della quota 41 per tutti, la Cirpini ha assicurato che in occasione delle discussioni in Aula saranno presentati miglioramenti in merito.

Miglioramenti, seppur con difficoltà, dovrebbero arrivare anche da Simonetti capogruppo della Lega Nord. M5S e Lega, del resto, sono sempre d’accordo sulla necessità di revisione, o addirittura cancellazione totale, delle attuali norme pensionistiche e lo sono anche sulle posizioni di forte critica nei confronti delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41. Per Simonetti, oltre che  la quota 41 per tutti e senza oneri, sarebbe necessaria la definizione di una soluzione pensionistiche che sia effettivamente vantaggiosa per tutti coloro che dopo una vita trascorsa a lavoro volessero decidere di lasciare la propria occupazione prima dei 66 anni e sette mesi. E non è ciò che fanno le nuove mini pensioni e quota 41, troppo limitate, anche nei soldi disponibili. Il budget stanziato dalla maggioranza per mini pensione e quota 41, infatti, secondo Simonetti sarebbe troppo poco per soddisfare tutti.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il