BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 41, quota 100 da Padoan, Calenda, Boeri

Le ultime posizioni e affermazioni da Padoan, Calenda e Boeri su recenti novità per le pensioni e disaccordi. Le priorità per i tecnici economici




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:52): E per attuare la ricetta poco sotto vista si sono spesi tra i 24-30 miliardi con risultati ancora lontani dall'essere raggiunti, molto lontani mentre ormai non solo i critici e gli studiosi ma anche alcunie sponenti di primo livello e autorità parlano chiaramente che con le novità per le pensioni si sarebbe risparmiato e di molto sia adesso che successivamente

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Certo che si era già provato un sistema del genere favorendo l'occupazione e con i famosi 80 euro. Entrmbe le ricette erano far ripartire l'occupazione e generare consumi. La stessa storia si ripete anche per l'unica effettiva novità per le pensioni. Ma attenzione perchè i dati sull'andamento economico, produzione, consumi e occupazioni nelle ultime notizie e ultimissime non hanno i riscontri sperati, anzi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Al momento la ripresa è basata sull'aumento della domanda come è stata concepita da Padoan e Calenda nelle ultime notizie e ultimissime ovvero una detassazione importante per i dipendenti soprattutto sull'aumento della produttività e minori imposte per Pmi e aziende. A questo punto è chiaro l'idea è quella di un aumeno delle retribuzioni e in generale del denaro spendibile che dovrebbe aumentare i consumi che a loro volta dovrebbero spingere gli acquisti e i rinnovi degli impianti e dei sistemi produttivi delle aziende con Industria 4.0. Solo allora, se tutto questo funzionasse, si potrebbe ripartire per le novità per le novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:17): Prendendo spunto dalla prima novità per le pensioni di Calenda, legata in parte anche a Padoan, sono da sottolineare due aspetti dalle ultime notizie e ultimissime. La prima riguarda l'importanza per lui e non solo, come si diceva, di spingere il quadro complessivo con determinati meccanismi legati alla produttività e alle imposte per poi, ottenuti i risultati sperati, di rilanciare con parte dei "proventi" le novità per le pensioni. Ma non c'è solo questo. Infatti, nel Dl sul Libero Mercato che è il principale che sta gestendo vi sono novità per le pensioni molto importanti e significativia per tutti, sia pensionandi che giovani che dovrebbero essere portate avanti e concluse quanto prima

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:47):  Hanno porttao avanti finora degli obiettivi e delle priorità differenti per le novità per le pensioni, considerandole in maniera differente sin dall'inizio come dalle affermazioni nelle ultime notizie e ultimissine

- pensioni novità da Calenda importanti ma non in questo momento che possono anche attendere perchè non sono una variabile che può far ripartire l'intero quadro.
- pensioni novità da Padoan che ha le stesse idee di Calenda e che ha sempre bloccato qualsiasi novità per le pensioni anche quando sembrava andare in porto
- pensioni novità da Boeri considerate da lui stesso fondamentale sia per il rillancio della produttività che per i consumi. Non l'unico strumento, ma uno sicuramente importante.

Le ultime novità per le pensioni rappresentano una sorta di vittoria per i tecnici dell’Economia che hanno sempre considerato le novità per le pensioni non una priorità per il rilancio dell’economia italiana. Ed effettivamente mini pensione e quota 41 così come attualmente formulate sono molto ristrette, presentano molti paletti e condizioni per l’accesso e per la loro attuazione sono stati stanziati appena 300 milioni di euro. Complessivamente per le novità per le pensioni sono stati stanziati 7 miliardi di euro per tre anni, quasi due per il primo anno, con 300 milioni di euro per mini pensione e quota 41, 100 milioni per il cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali e ben 1,1 miliardi di euro per l’aumento delle pensioni base. Uno stanziamento relativamente basso per l’attuazione di novità per le pensioni che per molti, soprattutto lavoratori e pensionandi, sarebbero state cruciali, ma che per i tecnici dell’Economia non rappresentano ancora una priorità a fronte di altri provvedimenti che, al contrario, rappresentano una spinta alla crescita economica, come le misure a sostegno delle imprese. Alla luce delle ultime notizie sui soldi stanziati per le novità per le pensioni e quelli invece stanziati per altre misure volute dagli stessi tecnici economici, è stata espressa grande soddisfazione dal ministro del’Economia Padoan e dal ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, che dopo aver rilanciato per mesi sulla priorità di interventi a sostegno di imprese e rilancio di nuovi finanziamenti, sono riusciti nei loro intenti e i soldi per l’Industria 4.0 ne sono una dimostrazione.

Ben 13 miliardi di euro stanziati per sostenere finanziamenti e imprese, a fronte di sette per le pensioni. Sulla mini pensione messa a punto dalla maggioranza, Padoan ha spiegato che offre la possibilità di anticipare l’età pensionabile per chiunque lo volesse ma con oneri da sostenere, precisando che, però, per le categorie di persone svantaggiate, come invalidi , chi è rimasto senza occupazione, chi è impiegato in attività faticose, i costi saranno a carico dello Stato. D’accordo sulle priorità di misure per imprese e per dare spinta a nuovi finanziamenti anche il ministro Calenda, che porterà avanti un Ddl Concorrenza che, come confermano le ultime notizie, prevede già una regola pensionistica per l’anticipo dell’età pensionabile per chi aderisce ai fondi privati e resta senza occupazione da lungo tempo. Queste persone potrebbero accedere prima alla pensione finale, attraverso il riscatto di quanto versato sul proprio fondo fino al momento pensionabile.

Decisamente diversa la posizione del presidente dell’Istituto di Previdenza Boeri che, invece, puntava molto su novità per le pensioni ben più profonde rispetto a mini pensione e quota 41 attualmente formulate, dalla quota 100, al piano di divisione si pese assistenziali da spese prettamente pensionistiche, al piano di revisione delle pensioni più elevate, misura che, tra l’altro, è ancora fortemente contrastata dalla stessa maggioranza e dagli stessi tecnici che fino a qualche mese fa se ne dicevano d’accordo. Lo stesso Boeri ha sottolineato, come riportano le ultime e ultimissime notizie, come la sua ipotesi di novità per le pensioni di quota 100 sarebbe costata decisamente meno rispetto a tanti provvedimenti decisi al momento dalla maggioranza.

E' stato sempre Boeri, stando alle ultime notizie, ad aver spiegato in questi ultimi giorni come le attuali novità per le pensioni, cioè mini pensione e quota 41 al momento fissate fino alla fine del 2018, non solo rischiano di rivelarsi inutili e inefficaci, soprattutto ai fini di un rilancio dell'occupazione giovanile, ma insieme all'aumento delle pensioni base, rischiano di far aumentare il debito, fino a circa 20 miliardi di euro. E si tratta di una cifra riferita solo al primo anno di novità per le pensioni, che potrebbe dunque aumentare con la proroga della mini pensione soprattutto senza oneri per cui, presumibilmente, ci saranno forti nuove richieste di allargamento della platea di beneficiari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il