BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie da rifare mini pensioni, più certa quota 41 misera, si combatte per opzione proroga donna

La proroga dell'opzione donna è solo uno dei tanti nodi non ancora sciolti nel contesto delle novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:12): Infatti tra l'inizio delle novità per le pensioni delle ultime notizie e ultimissime fatte circolare e che è anche scritto, vi sono tanti momenti di confronto ancora già stabiliti e tutto potrebbe essere rinviato al vero inizio solo l'estate come era successo ai precedenti metodi di prova che erano anche più semplici da attuare

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:02): Per quanto riguarda le novità per le pensioni le mini pensioni che dalle ultime notizie e ultimissime sembrano aver sistemato gli ultimi dettagli, in realtà sono tornate clamorosamente indietro senza che nei testi si specificassero gli oneri e i meccanismi tra istituti e polizze. E anche i tempi di inizio non sono così certi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:32): E per quanto riguarda le novità per le pensioni al femminile si sta cercando anche di attuare un interessante inziativa tramite avvocati per richiedere che venga data trasparenza ai famosi denari rimanenti che dovrebbero servire per proseguire la novità per le pensioni. E' la prima volta che viene fatta concretamente un iniziativa del generale da un Gruppo Online anche se sappiamo che altri sull'incostituzionalità si stanno già muovendo sempre in questo senso.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:47): Vi sono diversi fronti sulle novità per le pensioni che ci appresta ad affrontare più di quello che si è fatto nelle ultime e ultimissime andando, forse, meglio usure un dubitativo, più sul concreto. Da una parte c'è chi è già più sicuro come le novità per le pensioni legate a quota 41, altre che sono da vedere e non saranno viste ora, come, invece, sarebbe giusto e logico e ci riferimento alle novità pensioni mini. Infine, c'è opzione donna la cui proroga rimane un mistero ma con una sicurezza la voglia di combattere per ottenerla.

Arrivati a questo punto del confronto sulle novità per le pensioni, si scopre come siano ancora tanti i nodi irrisolti e le questioni in cerca di una risposta. Ad esempio è il caso della prosecuzione dell'esperienza dell'opzione donna anche per i 12 mesi del prossimo anno. Nei documenti ufficiali elaborati dalla maggioranza non c'è alcuna traccia di questa eventualità perché, è la spiegazione pubblica ufficiale, sta proseguendo la fase di ricognizione delle somme risparmiate per poter riproporre questa sperimentazione. Di fatto, si tratta di una eventualità che non è mai stata esclusa, ma che non può neanche appoggiarsi su promesse più o meno attendibili.

Si ricorda che la richiesta di fondo è la concessione alle lavoratrici dell'opportunità del congedo qualche anno prima rispetto ai requisiti in vigore, ma rinunciando a una parte dell'assegno perché calcolato con il contributivo. Il ritiro sarebbe possibile a 57 anni e 3 mesi di età con 35 anni di contributi per le dipendenti o a 58 anni e 3 mesi per le autonome. Se l'inserimento di questa opzione all'interno del complessivo pacchetto sulle novità per le pensioni da far approvare entro la fine dell'anno sembra la strada più naturale, non è da escludere la sua trattazione del contesto di un successivo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri.

Nella bozza del documento preparato dalla maggioranza, sono infatti rimandati i dettagli di alcuni provvedimenti su mini pensioni, onerose e no, su quota 41 destinata a coloro che hanno iniziato da giovanissimi la carriera professionale, o su quei lavoratori che svolgono attività prevalentemente faticose o turni notturni. Che poi tanto dettagli non sono considerando che coinvolgono alcune questioni irrisolte. In particolare è ancora senza risposte il rapporto con istituti di credito e assicurazioni. Il testo rinvia a futuri accordi quadro tra il Tesoro e il dicastero dell'Occupazione da una parte e tra l'Associazione bancaria italiana, l'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici e altre imprese assicurative primarie dall'altra.

Gli interessi a carico del lavoratore nel caso delle mini pensioni onerose dovrebbero aggirarsi tra 4,5 e 4,7%, ma di certo e definito non c'è ancora nulla. Se la durata minima delle mini pensioni è di sei mesi, restano ancora da fissare l'entità minima e quella massima richiedibili, mancano anche le modalità di attuazione delle disposizioni, gli ulteriori criteri, le condizioni e gli adempimenti per l'accesso al finanziamento, i criteri, le condizioni e le modalità di funzionamento del Fondo di garanzia e della garanzia.

Tra i temi chiave sulle novità per le pensioni si cui la maggioranza non ha preso alcuna decisione c'è quella relativa alle modalità di concessione delle mini pensioni nel caso in cui il numero di domande presentate fosse maggiore del budget stanziato. A quanto pare non varrà solo il criterio dell'ordine di presentazione delle domande. Anche su questo si aspetta il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri.

Anche questo criterio dovrà essere giudicato per quota 41 in un secondo momento già fissato, mentre le speranze di vita a cui è legata quota 41 dovrebbero non interessare questa prima fase

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il