BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni per tutti, novità mini pensioni, quota 41 difficili, impossibili da migliorare

Sono ancora tante le incertezze che caratterizzano il percorso delle novità per le pensioni ed è corsa contro il tempo.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:54: Ci sono poco meno di due mesi a disposizione per scoprire se qualcosa sulle novità per le pensioni potrà effettivamente migliorare. La piattaforma base è stata già scritta e difficilmente sarà oggetto di ritocchi, soprattutto di segno positivo, ma le ultime e ultimissime notizie si concentrano sui tanti passaggi cruciali rimasti ancora in sospeso.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:47): Gli snodi cruciali sulle novità per le pensioni sono due. Il primo è relativo ai contenuti dei provvedimenti, molti dei quali, come abbiamo visto, dovranno essere chiariti con decreto della Presidenza del Consiglio. Il secondo coinvolge le tempistiche, considerando i ritardi testimoniati dalle ultime e ultimissime notizie nella presentazione dei documenti in parlamento.

Ci aspettavamo che all'inizio di questo mese il quadro delle novità per le pensioni fosse più stabile. In realtà, nonostante la presentazione dei documenti da parte della maggioranza, ci sono ancora tanti punti interrogativi in attesa di una risposta. E non serve andare lontano per scoprire quali sono. È infatti sufficiente leggere il lungo elenco di questioni che saranno definitivamente configurate via decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri, da emanare entro 60 giorni dalla pubblicazione dei testi. A vario titolo sono tutti coinvolti, dalle mini pensioni onerose o non onerose alla cosiddetta quota 41 passando per la posizione di quei lavoratori che svolgono attività prevalentemente faticose.

Ad esempio non è ancora chiaro il rapporto con istituti di credito e assicurazioni ovvero gli interessi da corrispondere nel caso delle mini pensioni onerose. Dovrebbero aggirarsi tra il 4,5 e il 4,7%, ma nel documento preparato dalla maggioranza si rinvia ad accordi quadro, non ancora raggiunti, tra il Tesoro e il dicastero dell'Occupazione da una parte e tra l'Associazione bancaria italiana, l'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici e altre imprese assicurative primarie dall'altra. Il semaforo è ancora giallo anche in riferimento alle modalità di attuazione delle disposizioni, gli ulteriori criteri, le condizioni e gli adempimenti per l'accesso al finanziamento, i criteri, le condizioni e le modalità di funzionamento del Fondo di garanzia e della garanzia.

E poi: la durata minima delle mini pensioni è di sei mesi, ma quali sono le entità minima e massima richiedibili? Altro punto cardine è quello delle modalità di concessione delle mini pensioni nel caso in cui il numero di domande presentate fosse maggiore del budget stanziato, A quanto pare, il criterio dell'ordine di presentazione delle richieste non è quello esclusivo. Altri due punti da chiarire sono le regole nel caso di estinzione prima del tempo delle stesse mini pensioni e la predisposizione dei modelli per la richiesta delle mini pensioni, siano essere onerose o non onerose, con cui smettere anzitempo rispetto ai requisti adesso in vigore. Anche in questo caso, la maggioranza rimanda a un futuro decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Non solo contenuti delle novità per le pensioni, un altro passaggio delicato è quello delle tempistiche. La maggioranza ha sforato il cronoprogramma istituzionale e solo adesso ha presentato i documenti in parlamento. Ecco allora che le commissioni competenti a Montecitorio e a Palazzo Madama hanno evidentemente poco tempo per la lettura, l'analisi e la predisposizione di miglioramenti anche per le modalità di distribuzione della pensione aggiuntiva d'estate, il cumulo gratis dei contributi versati in casse previdenziali differenti, l'allargamento dell'area di esenzione fiscale e la Rendita integrativa temporanea. Se lo scorso anno era corsa contro il tempo per via dei troppi provvedimenti che si accavallavano, questa volta sembra mancare il terreno sotto ai piedi e tutto dovrà essere concluso in poche settimane.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il