BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni confronti al via ciclo da Corte dei Conti, Upb, Bamkitalia, Tesoro

Prossimi confronti con Corte dei Conti, Bankitalia, Tesoro, Upb e possibili effetti per novità per le pensioni: cosa aspettarsi e prospettive




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:30): Tra l'altro lunedì si attendono la Corte dei Conti e Upb che sono state piuttosto negative sulle novità per le pensioni nelle ultime ultime notizie e ultimissime non avendo giudizi positivi soprattutto per le mini pensioni che non risolverebbero affatto i problemi ed entrambi questi organi lo hanno riferito con chiarezza in tuttte le proprie pre-analisi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:44): Siamo nel momento in cui prendono sempre più piede i confronti per l'iter in Aula che tratterano tutti gli argomenti tra cui le novità per le pensioni. A dire il vero alcuni sono già iniziati, ma entro martedì finiranno tutti come confermato nelle ultime notizie e ultimissime con quello del Tesoro.

Continuano i confronti sul tema delle novità per le pensioni con i tecnici dell’Economia e lunedì si attendono eventuali nuove spiegazioni dalla Corte dei Conti, da Bankitalia, dal presidente dell'Ufficio parlamentare di Bilancio. che parlano anche loro e dalla Corte su numeri e misure e nuovi chiarimenti di novità per le pensioni collegate agli istituti di credito, visto che saranno proprio loro a concedere la mini pensione, incassandone i relativi oneri. E’ incerto l’andamento dei prossimi confronti, soprattutto alla luce delle ultime notizie provenienti da Bankitalia e Corte dei Conti. Entrambi sono stati particolarmente critici nei confronti delle ultime novità per le pensioni che la maggioranza sta portando avanti, novità che, a loro dire, rischiano di rivelarsi un inutile spreco di denaro, considerando che non si preannunciano per nulla vantaggiose.

Bankitalia, dal canto suo, è tornata a ribadire l'urgenza di provvedimenti concreti per un rilancio concreto della crescita economico, a partire da provvedimenti volti a rilanciare gli investimenti e occupazione, soprattutto giovanile, visto anche l’andamento negativo dell’occupazione nel nostro Paese. Bankitalia, infatti, continua a sostenere che la maggioranza dovrebbe innanzitutto mettere a punto misure per rilanciare l’occupazione giovanile e quindi concentrarsi sull’attuazione di vere e proprie novità per le pensioni, perché quelle che la maggioranza sta portando avanti, come mini pensione e quota 41, non rappresentano in realtà quelle modifiche importanti tali da portare vantaggi. Al contrario, come già spiegato, potrebbero rivelarsi solo un inutile spreco di risorse. E considerando il budget decisamente ristretto, occorre modulare bene gli interventi da attuare, soprattutto dopo che la stessa Bankitalia, insieme alla Corte dei Conti, hanno valutato le stime di crescita del nostro Paese riportate dal ministero dell’Economia, troppo ottimistiche.

Per Bankitalia e Corte dei Conti, per risanare i conti pubblici e riuscire ad attuare provvedimenti davvero importanti per rilanciare la crescita economica del nostro Paese, bisognerebbe procedere con una profonda revisione della spesa pubblica, eliminazione di sprechi e tagli dei costi superflui, interventi che sarebbero fondamentali per la realizzazione di tutti gli interventi che si vorrebbero, a partire dalle stesse novità per le pensioni.  Anche l'Ufficio parlamentare di Bilancio ha espresso perplessità sulla novità per le pensioni di mini pensione, soprattutto per i costi che ricadrebbero sugli stessi lavoratori che volessero lasciare anzitempo la propria occupazione e per quel piano di rimborso 20ennale, come fosse un mutuo per gli stessi lavoratori, che appare decisamente paradossale, senza considerare che oneri e polizze verrebbero stipulate con gli istituti di credito che, a quanto pare, sarebbero gli unici a trarre vantaggi da queste ultime novità per le pensioni.

L'Ufficio parlamentare di Bilancio ha,però, espresso chiara consapevolezza del fatto che questo meccanismo di mini pensione con rimborso 20ennale è necessario alla luce della negativa situazione degli stessi conti pubblici italiani e che proprio per ovviare a questo problema si è preferito orientarsi su questa novità per le pensioni, ben spiegata dalle ultime notizie, piuttosto che su altre novità per le pensioni che sarebbero state certamente migliori e più convenienti, come quota 100 e quota 41 per tutti, ma decisamente più costose. E si tratta di costi che al momento lo Stato non potrebbe sostenere. Dopo l’appuntamento di confronto di lunedì con Bankitalia e Corte dei Conti, martedì 8 toccherà ai tecnici del Tesoro esprimersi sulle misure del testo unico, novità per le pensioni comprese.

Guardando, però, ciò che effettivamente è stato fatto, dal testo condiviso con la maggioranza emerge che in realtà per le novità per le pensioni vere e proprie non è stato fatto poi molto, considerando appunto che attuali mini pensioni e quota 41 sono decisamente troppo limitate e pongono troppi paletti, per cui si procederà, come annunciato dalle stesse ultime notizie, a novità per le pensioni più profonde e importanti in una seconda fase. Ciò che di più grande è stato fatto ora è aumentare le pensioni base, misura che seppur minima, perché non saranno previsti aumenti stratosferici, comunque coinvolge ben 1,2 milioni di pensionati che insieme ai 2,1 milioni di pensionati che già beneficiano di tali aumenti, permettono di arrivare ad un totale di 3,3 milioni di pensionati coinvolti i questa misura, una platea significativa di persone soprattutto in vista del prossimo voto costituzionale di dicembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il