BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41 non iniziano a Maggio e problemi ulteriori compaiono significativi

Ultime affermazioni e cosa aspettarsi da confronti novità per le pensioni con Loy, Patuelli, Nannicini, Morando già fatti e dei prossimi giorni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:15):  Il problema delle polizze è duplice, uno delle condizioni che i tecnici vorrebebro far passare ma che non vedono, almeno per le ultime notizie e ultimissime così d'accordo chi le emette. E poi chi paga in caso di premorienza e qui c'è una divisione tra le stesse squadra di tecnici dei vari Dicasteri pure espresse almeno una volta pubblicatamente.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:15): E non c'è accordo nemmeno sugli oneri da pagare e chi li dovrà pagare per queste novità per le pensioni. E si badi bene che sono tutti numeri e cifre non scritte, non messe mai su atti ufficiali, ma e poi mano ovviamente nelle bozze finali su cui c'è scritto che dopo la Gazzetta ci sarano almeno tre momenti di definizione dell'intera norma che contrariamente a qualsiasi principio democratico verranno fatti senza opposizione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:17): Ma i problemi non sono solo questi, in quanto i numeri esposti di quanti potranno andare in pensioni e con le novità per le pensioni sembrano piuttosto essere lontani dalla realtà del denaro effttivamente disponibile che tra l'altro in alcune riunioni odierne e precendenti nelle ultime notizie e ultimissime viene anche considerato non così sicuro e certo lasciando attoniti anche alcuni degli esponenti dei diversi chiaramenti, decisori e tecnici. E non è finita qui

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:32):  Slitta il via a Maggio e lo si può dedurre chiaramente dalle tempistiche presentate nero su bianco e dalle ultime notizie e ultimissime. Già lo avevamo detto che a Gennaio non si sarebbe potuti partire, ma ora con due o tre DPCM già previsti che singifica riunioni di tecnici e il confronto che durerà due mesi, ma probabilmente di più e solo dopo la Gazzetta tra tecnici sempre e esponenti del mondo creditizio è chiaro che i ritardi sembrano essere abbastanza chiari. E da maggio si potrebbe arrivare  adopo l'estate come alcunine indiscrezioni già confermano. Anche perchè la staffetta rilasciata l'anno scorso e che doveva essere molto più semplice da farsi inizià ad Ottobre.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:12):  Solo nella giornata odierna di lunedì vi saranno numerose riunioni dove parteciparanno una serie di realtà che hanno già criticato le novità per le pensioni in vari momenti nelle ultime notizie e ultimissime, basti pensare alla Corte dei Conti o all'Ups, ma anche Bankitalia e Istat. Vedremo i rilievi e le richieste che faranno e vi terremo informati con tutte le ultime novità e ultime notizie e ultimissime sulle pensioni naturalmente.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:03): Davanti al Gruppo Competente per la Finanza e Tesoro sono già avvenute una serie di riunioni che hanno anche toccato le novità per le pensioni soprattutto le mini pensioni piuttosto che quota 41. Ma altrettante e, forse anche più importanti, riunioni sono attese già da domani come definito nelle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Si combinano insieme alcune riunioni già avvenute e altre da fare ancora per le novità per le pensioni in un iter che entra sempre più nel vivo. E la sequenza è già definita così come almeno per il momento le ultime notizie e ultimissime che sembrano non offrire nulla di che di più di quello che si sa sulle novità per le pensioni, nonostante i tanti interrogativi che chiaramente rimangono.

Alcune forze sociali non sono ancora del tutto convinte delle ultime novità per le pensioni messe a punto dalla maggioranza e sono diversi i rappresentati delle stesse, tra cui Guglielmo Loy, che bocciano alcune delle misure del nuovo testo unico. Sono, infatti, ancora diverse le questioni aperte, soprattutto in merito alle ultime novità per le pensioni: resta da chiarire, infatti, chi, quando e come potrà accedere a mini pensione e quota 41 e, come ben evidente, si tratta delle risposte fondamentali per l’avvio delle novità per le pensioni. Dai confronti tenutisi, è emerso anche che alcune forze sociali ritengono addirittura ‘mostruoso’ il meccanismo di piano 20ennale di rimborso della mini pensione, come se si trattasse un mutuo per andare in pensione con pagamento anche di una polizza contro il rischio di morire prima del termine dei 20 anni di pagamento del piano. E’ chiaro come questo meccanismo non possa essere assolutamente concepibile per garantire a chiunque lo volesse il meritato riposo, che tale non sarebbe.

Lunedì, il presidente dell’associazione degli istituti di credito, Antonio Patuelli, insieme a rappresentanti di Bankitalia, dell’Upb e della Corte dei Conti, saranno protagonisti di un confronto parlamentare sui provvedimenti del nuovo testo unico, comprese le ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41. Nonostante le critiche fatte al meccanismo della mini pensione collegato agli istituti di credito che, come emerge dalle ultime notizie, sarebbero particolarmente favoriti dalla mini pensione, dovendo riscuotere da ogni lavoratore che la chiederà per lasciare anzitempo la propria occupazione i relativi oneri, Patuelli ha già spiegato che gli stessi istituti di credito si stanno rivelando molto importanti nel percorso di ripresa, seppur lenta, dell'Italia, motivo per il quale non servono critiche per gli oneri che incasseranno. E proprio in virtù di questo si è già al lavoro, come avevano le ultime notizie di qualche giorno fa rese note dal consigliere economico di Palazzo Chigi Nannicini, per la definizione degli accordi con le associazioni degli istituti di credito su oneri e polizze assicurative.

Il consigliere economico di Palazzo Chigi Nannini e il viceministro dell’Economia Morando martedì saranno presenti al nuovo confronto sulle misure contenute nel nuovo testo unico, comprese le novità per le pensioni, insieme al ministro dell’Economia. Sarà una nuova occasione per capire se questi autorevoli esponenti della maggioranza forniranno ulteriori informazioni sulle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 anche se le aspettative non sono poi così positive. Nel nuovo testo unico rientreranno mini pensione e quota 41, con ancora troppi paletti che, soprattutto per la quota 41, si vorrebbero cancellare, quanto meno queste sono le richieste presentate alla maggioranza come riportano le ultime notizie, una quota 41 per tutti e senza oneri. Ma le regole ufficiali relative a funzionamento e tempi di avvio sia di mini pensione che di quota 41 mancano e difficilmente potranno essere comunicati martedì.

Le ultime notizie, infatti, hanno confermato che dopo l’approvazione del testo unico entro la fine dell’anno bisognerà attendere i Dpcm della presidenza del Consiglio per capire come funzioneranno realmente mini pensione e quota, chi, come e quando potrà accedervi, ma soprattutto come saranno modulati oneri e polizze assicurative, previo accordi con le associazioni degli istituti di credito e le associazioni delle assicurazioni.

Di tutti questi elementi al momento non si sa nulla e questo buio rappresenta un importante passo falso compiuto dallo stesso Nannicini che piuttosto che andare avanti con spiegazioni e informazioni è tra coloro che contribuisce a mantenere ancora tutto nel vago e che ha, tra l’altro, parlato del rischio che la mini pensione venga rimandata addirittura a dopo la prossima estate, spiegando che per le regole ufficiali di avvio, piuttosto che aspettare il Dpcm entro 60 giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale, cioè a febbraio, il tempo potrebbe essere maggio quando inizieranno ad essere presentate le domande per la mini pensione e ci si potrà rendere conto se riusciranno a rispettare i soldi disponibili, in caso contrario la Corte dei Conti sarebbe richiamata a mettere mano ai conti stessi, per cui servirà qualche mese, probabilmente tre, e quindi si arriverebbe al prossimo settembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il