Pensioni ultime notizie audizioni novità come procedono Governo Renzi per novità mini pensioni, quota 41

Andamento delle audizioni sulle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 e i le prossime attese: cosa aspettarsi e da chi

Pensioni ultime notizie audizioni novità


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:40):  La prima udienza è stata con Bakitalia dopo che le associazioni per le banche avevano parlato nelle ultime notizie e ultimissime di un meccanismo di mini pensioni complesso, da trattare ancora, ma per il quale erano ben disposti. Bankitalia non aveva avuto nelle precedenti ultime notizie e ultimissime parere favorevoli sulle novità per le pensioni, ma questa volta non ne ha parlato, anche perchè, comunque come sappiam, gli sono stati concessi diversi privilegi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Sono già state fatte alcune riunioni ma diverse altre sono già le successive previste per le novità per le pensioni sia in questo iter sia dopo la sua conclusione per definire le bozze che in questo frangente come da ultime notizie ultimissime non si riusciranno a finire e anzi sono rimandate ufficialmente a decreti del Governo Renzi sia ad un secondo momento che è stato più volte già comunicato dove si vedranno altri aspetti delle novità per le pensioni che finora non sono stati trattati. Ovviamente questio a lungo termine.

E’ arrivata in Aula la prima stesura del nuovo testo unico che si appresta ad affrontare un iter di discussione in tempi decisamente ristretti. Le ultime notizie confermano la possibilità di presentazione di eventuali miglioramenti ancora fino a lunedì, dopo di che inizieranno i confronti sui singoli argomenti con i gruppi competenti, da Comitato ristretto per le pensioni al Gruppo Bilancio, e proseguiranno anche i confronti interni tra i vari esponenti delle singole forze politiche. L’idea è quella di evitare la definizione di un maxi emendamento, come fatto lo scorso anno, e portare avanti miglioramenti singolarmente, anche se, stando a quanto riportano le ultime notizie, i miglioramenti dovrebbero essere minimi. Nulla di più importante e profondo da parte di nessuna forze politica, sia per ristrettezza di budget economico sia perché nessuno sembra volersi prendere la responsabilità di andare oltre le attuali limitate novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, solo per pochi.

I miglioramenti potrebbero riguardare, probabilmente, un aumento della soglia di reddito massimo, attualmente fissata sui 1.500 euro lordi, per l’accesso alla mini pensione senza oneri; aumento delle percentuali i invalidità e dei tempi di malattia e non occupazione, sempre per l’accesso a mini pensione e quota 41 senza oneri; estensione delle professioni che possono richiedere la quota 41 senza oneri. In ogni caso, le ultime notizie confermano che i responsabili dei singoli Dicasteri vanno spediti per la loro strada e si tratta di una situazione che emerge chiaramente dal confronto tenutosi qualche giorno fa con il responsabile del Dicastero dell’Occupazione che, alle richieste di ulteriori spiegazioni sulle novità per le pensioni di quota 41 già annunciate, per lavoratori impegnati in attività faticose o per la nuova proroga del contributivo donna, non avrebbe fornito alcuna novità, limitandosi a ripetere le regole attualmente previste sia per mini pensione e quota 41, lasciando intendere, dunque, di non avere intenzioni di andare oltre queste stesse per il momento.

E all’indomani del confronto con il Dicastero dell’Occupazione, si attendono eventuali novità dai prossimi appuntamenti in programma lunedì e martedì. Lunedì sarà la volta di un nuovo confronto con esponenti e rappresentati di Bankitalia, del Tesoro e della Corte dei Conti da cui si attendono ultime notizie soprattutto in merito a numeri e definizioni di oneri per gli istituti di credito, da tanti considerati i principali favoriti dalle novità per le pensioni di mini pensione. Saranno loro, infatti, a concedere al mini pensione a chi deciderà di lasciare anzitempo la propria occupazione, incassandone poi i relativi oneri, che di certo non saranno bassi, altrimenti non vi sarebbe convenienza per un loro coinvolgimento. Curiosità per le posizioni che assumeranno Bankitalia e Corte dei Conti, particolarmente critiche nei confronti delle ultime novità per le pensioni.

Martedì, poi, si attende il nuovo confronto con il ministro dell’Economia che tornerà a farsi sentire e fornire ulteriori spiegazioni sulle misure del nuovo testo unico, comprese le novità per le pensioni anche se non ci si aspetta nulla di positivo sulle novità per le pensioni da un suo intervento. La soddisfazione per il responsabile del Dicastero dell’Economia è quella di aver messo in atto alla fine la sua strategia per la crescita economica, vale a dire quella di puntare su misure per imprese, investimenti, e per rilanciare i consumi, piuttosto che su vere e proprie novità per le pensioni, cui, comunque, da sempre si dice contrario, spiegando che non è ancora il tempo di ‘rottamare’ le attuali norme pensionistiche che, ricordiamo, riescono a garantire ancora sostenibilità economica, ma con le ultime novità è stata comunque concessa la possibilità a chi lo volesse di anticipare la proprie età pensionabile, con oneri da accettare.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il