BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41 ieri sera ne ha parlato in Matteo Renzi risponde Renzi stesso

Nuovo appuntamento social questa sera per il premier: quali aspettative per ulteriori informazioni su recenti novità per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:01):  Il punto, dunque, più importante è che le novità per le pensioni iniziano, almeno in apparenza nelle ultime notizie e ultimissime a lasciare anche lui, almeno perplesso, forse avrà sentito anche i tanti dubbi che stanno cirolando nopn solo tra i cttadini ma tra esperti, associazioni e varie forze nelle ultime notizie e ultimissime nelle quali non è la prima volta che Renzi sembra avere qualche dubbio sulle novità per le pensioni da intraprendere come vedremo anche rimane il fatto che al momento la sua riceca massima è il consenso come ha dimostrato nella frase finale sotto riportata con cui ha concluso ieri la sua diretta

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:17): E come avevamo immaginato le novità per le pensioni non sono stati fondamentale, ma, comunque, è sono state trattate con considerazioni anche interessanti. E' durato a lungo lo streaming in diretta ieri di Renzi oltre un'ora e mezzo e nella prima parte si è parlato di Trump, mentre nella seconda della consultazione popolare. Ma per le novità per le pensioni più interessante è la terza parte dove lo stesso Renzi ha ammesso che le mini pensioni sono una novità che può lasciare perplessi, ma è un inizio ed è una delle prime volte che lo lascia trasparire, seppur sempre nel suo modo, di non essere convinto di questo metodo, mentre si sofferma come al solito, e non è chiaramente un caso, sul rialzo delle pensioni soto i 1000 euro, sottolineando che non ci sono revisione negative ma solo positive. Nessuna parola per il quota 41 e contributivo femminile.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:42): In alcuni precedenti appuntamenti di Matteo Renzi risponde, aveva parlato di novità per le pensioni, sempre, però, rilasciando delle ultime notizie e ultimissime abbastanza generaliste e semplicistiche rispetto alla realtà. Ora vedremo cosa accadrà con l'avvicinarsi del voto.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:15): Questa sera vi sarà un nuovo Matteo Risponde e c'è molta attesa per sapere se vi potranno essere novità per le pensioni migliorative o quali saranno, comunque, le prospettive visto che con quello fatto finora e che si accinge a fare ha creato forti malcontenti come si evince nelle ultime notizie e ultimissime.

E' in programma questa sera, alle 21:30, un nuovo appuntamento sociale per il premier Renzi, nuovamente protagonista di #Matteorisponde. Sarà una nuova occasione per il premier di rispondere alle domande che i comuni cittadini gli porranno attraverso Facebook e Twitter e sarà importante capire se nel corso di questo nuovo appuntamento parlerà di novità per le pensioni, di quota 41 e di mini pensione, o se continuerà a parlare solo degli aumenti delle pensioni base, continuando a non capire le critiche mossa dagli organi competenti. Stando alle ultime notizie, infatti, è stata ribadita la possibile inutilità delle ultime novità per le pensioni annunciate dalla maggioranza, sia per i lavoratori, perché poco convenienti e aperte a poche, sia in vista di un rilancio dell’occupazione giovanile, giacchè non si tratterebbe di meccanismo adatti all’avvio del ricambio generazionale a lavoro. Si attende di capire anche se Renzi questa sera parlerà anche di consultazione pubblica di dicembre con tutte le eventuali conseguenze che ne potrebbero derivare, sia in caso di vittoria che in caso di sconfitta.

Le ultime notizie di questi giorni riportano, infatti, una maggioranza ancora decisamente divisa sul voto per la consultazione di dicembre, con parte dell’opposizione interna ferma sul no, chi chiede ancora modifiche della legge elettorale, e la possibilità all’orizzonte di scissione della stessa maggioranza in due forze, una che sarebbe comunque guidata dal premier e una di opposizione interna, con importanti impatti sulle novità per le pensioni che potrebbero essere rilanciate con forze dalla stessa opposizione interna che persegue obiettivi di modifiche della attuali regole pensionistiche decisamente diversi dagli attuali. Dal canto suo, Renzi sembrerebbe voler continuare sulla strada delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, le uniche al momento possibili per modificare le attuali norme previdenziali, in base al budget disponibile, ribadendo l’importanza degli aumenti per le pensioni, che coinvolgeranno ben 1,2 milioni di pensionati ma che per tanti rappresenta più una mossa elettorale strategica più che una vera e propria novità per le pensioni per i cittadini.

Le incertezze, comunque, sulle stesse novità per le pensioni annunciate sono diverse, a partire dai tempi reali di ufficializzazione e attuazione, e si attende di vedere se anche in merito a queste ultime due questioni il premier questa sera dirà qualcosa. Sappiamo, infatti, che le novità per le pensioni che saranno inserite nel nuovo testo unico saranno solo una sorta di annuncio e che regole ufficiali di funzionamento e tempi di avvio saranno definiti con appositi Dpcm della presidenza del Consiglio che dovranno anche definire entità degli oneri e funzionamento delle polizze assicurative.  

E ciò che, diciamo, intimorisce, stando alle ultime notizie, è che le stesse mini pensioni e quota 41 potrebbero essere anche respinte, innanzitutto per mancanza di soli. Sono infatti solo 300 i milioni messi a disposizione per mini pensione e quota 41 e ci si chiede cosa succederà una volta esauriti questi soldi e soprattutto se le domande di pensionamento anticipato con mini pensione e quota 41 dovessero superare le disponibilità economiche. Non si sa ancora, infatti, così come riportano le ultime notizie, se saranno stabiliti criteri di accesso prioritario a mini pensione e quota 41 o se sarà seguita più semplicemente la logica del 'chi prima arriva meglio alloggia'. Inoltre, come emerso sempre dalle ultime e ultimissime notizie, non trattandosi di vere e proprie novità per le pensioni ma più di misure di sostegno per le categorie di persone ppiù svantaggiate, potrebbero essere anche rifiutate, fino alla fine, dagli stessi organi di competenza, a partire da quegli istituti di credito che la mini pensione dovranno erogarla, che sì incasseranno gli interessi, ma non da chi rientra nella categorie di persone svantaggiate che saranno certamente la maggior parte a richiederla. Quanto, dunque, potrebbe essere realmente conveniente per gli istituti di credito essere coinvolti in questo meccanismo?  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il