BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41 reseconto Comitato Ristretto e continua attesa Ministro Padoan

Continua nella giornata odierna la riunione con il comitato ristretto per novità per le pensioni e rimandata riunione con ministro Padoan




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:45): La partita dei ritocchi al testo delle novità per le pensioni è già iniziata con la presentazione dei primi importanti cambiamenti. Altre proposte di miglioramento saranno consegnate domani. E come emerso dalle ultime e ultimissime notizie, il parere di merito del Comitato ristretto rappresenta una dei punti più interessanti per capirne la direzione e il senso anche se le novità per le pensioni non saranno così sostanziali ma leggermente incrementali. Si attende sempre l'audizione finale del Ministro Padoan

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): E adesso resta da vedere quale sarà il risultato della nuova riunione sulle novità per le pensioni in sede di Comitato ristretto. Si tratta di un passaggio interessante perché come da ultime e ultimissime notizie i passi in avanti per la proposizione di miglioramenti al testo approvato dalla maggioranza sono ancora ben pochi.

E’ iniziata ieri la riunione con il Comitato ristretto per le pensioni, di cui ancora si attende il verbale perché, come già previsto, proseguirà anche nella giornata odierna. Al centro della riunione, come era stato riportato dalle ultime notizie, eventuali miglioramenti, seppur dovrebbero essere minimi, soprattutto in riferimento alla quota 41, con la richiesta di estensione della quota 41 a tutti senza oneri. Nell’attesa della chiusura della riunione del Comitato ristretto, con eventuali novità che ne deriveranno, ieri era in programma anche la riunione con il ministro dell’Economia Padoan, che però è stata rimandata perché lo stesso Padoan avrebbe deciso di rimanere a Bruxelles per discutere delle trattative comunitarie con Pierre Moscovici. Anche se però avesse parlato, le aspettative in merito ad eventuali novità per le pensioni avrebbero dovuto essere comunque molto basse, perché non è una novità che Padoan non sia favorevole all’attuazione di novità per le pensioni che cambino del tutto le attuali regole pensionistiche.

Continua infatti a ritenere, come ribadiscono le ultime notizie, che le novità per le pensioni non rappresentano una priorità per il nostro Paese né per la strada di ricrescita economica dell’Italia, per cui è possibile mantenere ancora per un po’ le attuali norme esattamente come sono, avendo però dato a chiunque lo volesse la possibilità di lasciare anzitempo la propria occupazione con mini pensione a fronte di oneri, che saranno cancellati per le categorie di persone svantaggiate che vorranno richiedere mini pensione e quota 41. Queste sono le uniche novità per le pensioni che infatti la maggioranza ha intenzione di inserire nel nuovo testo unico, insieme all’aumento delle pensioni base e al cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali. La preferenza di Padoan, come del resto di tutti i tecnici del Tesoro, è stata quella, da sempre, quella di investire in provvedimenti per rilanciare gli investimenti e per le misure a sostegno delle imprese, ritenendo si tratti dei principali interventi che servono davvero per rilanciare la nostra crescita economica.

E a dimostrazione di queste intenzioni, ci sono gli investimenti di ben 13 miliardi di euro destinati proprio a investimenti e sviluppo e imprese. Solo una volta messi a punto tali provvedimenti, secondo il Tesoro, e rilanciate effettivamente una costante crescita dell’economia italiana, ci si potrà concentrare sulle novità per le pensioni vere e proprie. Al momento, infatti, non è disponibile il budget necessario per poter fare tutto. E proprio in riferimento al problema budget, stando a quanto riportano le ultime notizie, il ministro dell’Economia Padoan avrebbe dichiarato che si sta lavorando per verificare l’effettiva copertura per la novità per le pensioni di mini pensione. A placare i timori che ne sono subito scaturiti, la precisazione del fatto che i soldi ci sono ma devono essere solo verificati, anche se la situazione potrebbe rivelarsi non proprio questa.

Si teme, infatti, che le domande di mini pensione possano superare l’effettiva disponibilità economica e a quel punto ci si chiede cosa si farà e chi eventualmente dovrebbe o potrebbe avere accesso prioritario sia a mini pensione che a quota 41. Altro problema che, stando alle ultime notizie rese note dallo stesso Padoan, dovrebbe essere risolto è quello che riguarda le polizze assicurative: contrastanti in merito le posizioni tra lo stesso Padoan, che solo qualche settimana fa avrebbe ribadito il fatto che in caso di premorienza del pensionato che ha lasciato anzitempo la propria occupazione con mini pensione oneri e polizze ricadrebbero sugli eredi; e tecnici della maggioranza, che hanno invece assicurato che in caso di scomparsa del pensionato, oneri e polizze sarebbero a carico dello Stato. Per capire come si chiuderà effettivamente questa partita, bisognerà attendere anche i Dpcm che definiranno, appunto, oneri e regole relative alle polizze assicurative.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il