BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 Damiano, Baruffi, Di Salvo

Le ultime posizioni di Damiano, Baruffi, Di Salvo su novità per le pensioni e affermazioni per nuovi miglioramenti presentati




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30):  Sono loro, ma non solo, i primi firmatari dei miglioramenti iniziali con cui si cercheremmo di migliorare le novità per le pensioni. Sono arrivati dal Gruppo Occupazione in modo trasversale e altri ne potrebbero arrivare ancora fino a domani per le ultime notizie e ultimissime che non escludono, però, ulteriori prolungamenti.

I membri del Gruppo Occupazione che si occupa di novità le pensioni, da Cesare Damiano a Davide Baruffi hanno presentato ufficialmente le loro proposte di miglioramento delle ultime novità per le pensioni inserite dalla maggioranza nel nuovo testo unico. Tra le firmatarie dei miglioramenti soprattutto per il contributivo femminile anche Titti De Salvo. Erano da tempo attesi i miglioramenti da parte di questo Gruppo in riferimento alle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 che continuano a suscitare diverse critiche perché considerate poco vantaggiose e alle soglie dell’inutilità.  Le ultime notizie, dal Gruppo Occupazione non interesserebbero solo le novità per le pensioni  ma anche sostegni e aiuti sociale e novità per l’occupazione. In tutto sono ben una trentina i miglioramenti presentati che non riguardano novità per le pensioni importanti, come novità per le pensioni di quota 100 ma ulteriori richieste di chiarimenti e modifiche per mini pensione e quota 41, a partire dalla richiesta di specificare che mini pensione e quota 41 valgono anche per professionisti e lavoratori autonomi, che insieme all’anzianità contributiva di almeno 30 anni bisogna aver cessato definitivamente l'attività artigianale con chiusura della partita Iva, che bisogna essersi cancellati dall'Albo e dal registro delle imprese artigiane.

Per chi è stato impegnato in occupazioni faticose, sarebbe bene specificare che per la mini pensione senza oneri la condizione dei 6 anni continuativi di attività faticosa non vale per i lavoratori addetti alle lavorazioni dell'amianto, per cui il requisito del periodo minimo di attività per l’accesso alla mini pensione senza oneri è considerato maturato anche in via non continuativa, nell'arco dell'intera vita lavorativa, mentre per i lavoratori edili, il periodo minimo di impiego in un’attività faticosa si può considerare maturato se svolto anche negli ultimi 12 anni, anche in maniera non continuativa. Chiesti miglioramenti anche in riferimento all’estensione delle percentuali di invalidità per l’accesso a mini pensione e quota 41 senza oneri, riduzione di un anno del requisito contributivo necessario per chi ha svolto occupazioni faticose, portandolo da 36 a 35 anni, e proroga del contributivo femminile anche oltre il 2016.

Le ultime notizie hanno riportato già un no da parte del Tesoro all’ulteriore rinvio di questo meccanismo che permetterebbe ancora alle donne lavoratrici di lasciare anzitempo la propria occupazione, a 57 o 58 anni, a seconda che si sia lavoratrici statali o autonome, con 35 anni di contributi pur a fronte di notevoli decurtazioni sulla pensione finale. Ma considerando che dal tesoretto dei 2,5 miliardi di euro già stanziati l’anno scorso per la proroga per quest’anno dello stesso contributivo avanzeranno notevoli soldi, anche se ancora si attende la loro concreta entità, la De Salvo è tornata a specificare, come riportano le ultime notizie, che i soldi destinati a questo sistema devono essere utilizzate ancora e comunque per le pensioni e non destinati ad altri provvedimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il