BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 disaccordi e contrasti tra Padoan-Nannicini

Ancora scontri e disaccordi tra ministro Padoan e consigliere Nannicini e contrasti sulle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:15): E il disaccordo tra i due è aumentato mano mano come si può capire leggendo le ultime notizie e ultimissime anche se bisogna farlo in modo attento, anche perchè il contrasto non è mai stato aperto, non vi è mai stato uno scontro tra i due. All'idea iniziale di Nannicini di proporre una sorte di quota 100, si sono man mano abbassate le ambizioni con parallallemente il denaro reso a disposizione dal Tesoro da 7-8 miliardi a a 4 miliardi fino a poco più di un miliardo (si parla solo per sistemi per smettere anzitempo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:20): Nonostante dovrebbe esserci, ormai, soprattutto nella maggioranza e tra i componenti dei Dicasteri che se ne sono occupati uno stessa posizione sulle novità per le pensioni, nelle ultime notizie e ultimissime sono sempre più chiari, diventando anche pubblici, seppur non in maniera ecclatante, i dissacordi sulle novità per le pensioni anche tra i massimi decisori sulle stesse novità per le pensioni come Padoan e Nanninici

Nonostante l’avvio delle discussioni in Aula, la presentazione di miglioramenti e chiarimenti che sono stati già forniti sulle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 che la maggioranza sta portando avanti nel nuovo testo unico, in attesa di ulteriori dettagli che ne chiariscano finalmente i tasselli mancanti di funzionamento e avvio ufficiale, continuano i disaccordi i merito tra ministro dell’Economia Padoan e consigliere economico di Palazzo Chigi, Tommaso Nannicini. Si tratta di uno scontro che, in realtà, come riportano le ultime notizie, va avanti già da un po’ di tempo e che deriva soprattutto dalla ferma posizione del ministro dell’Economia di contrarietà alle novità per le pensioni di abbassamento dell’età pensionabile per tutti e di necessità, invece, ribadita, delle stesse novità per le pensioni da parte di Nannicini, e dalla mancanza, come detto, di dettagli specifici, su cui, stando alle ultime notizie, si scontrerebbero posizioni decisamente diverse, alcune anche preoccupanti.

Come appena accennato, partiamo col dire che  la posizione di Padoan e Nannicini sulle novità per le pensioni è sempre stata divergente, con il consigliere economico di Palazzo Chigi che avrebbe voluto cambiare le attuali regole pensionistiche con la novità per le pensioni di quota 100. Che avrebbe rappresentato, come spesso ripetuto, la migliore soluzione pensionistica per tutti, andando oltre mini pensione, quota 41, e introdurre altre misure come l’assegno universale per tutti, ma che si è ritrovato a dover lavorare, come una sorta di compromesso, sulle attuali mini pensioni e quota 41 limitata e con tantissimi paletti, riducendo a meno, forse, del minimo quelli che erano i suoi progetti di cambiamento delle pensioni, soprattutto perché collegate al lavoro. Obiettivo primario, infatti, di Nannicini, come di tantissimi altri da sempre favorevoli all’attuazione di novità per le pensioni, era quello di una revisione delle attuali regole per permettere l’avvio di un sistema di ricambio generazionale che attraverso il prepensionamento di lavoratori più anziani permettesse la creazione di nuovi posti di lavoro in cui impiegare i più giovani.

E’ chiaro che questo obiettivo è ben lontano dalle attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41. Padoan, al contrario, e come ribadito dalle ultime notizie, dal canto suo, non ha mai considerato le novità per le pensioni prioritarie, tanto da aver preferito stanziare più soldi nel nuovo testo unico per misure per le imprese e di rilancio degli investimenti, e ha spiegato in questi ultimi giorni che la mini pensione rappresenta una possibilità per chi vuole lasciare la propria occupazione anzitempo senza stravolgere le attuali regole pensionistiche che comunque continuano ad essere importanti per garantire sostenibilità finanziaria al nostro Paese, proprio a causa della loro rigidità.

L’unica novità per le pensioni cui Padoan qualche tempo fa aveva aperto era l’assegno universale, quasi d’accordo dunque con Nannicini, ma solo di tipo comunitario, un’idea che è stata però messa subito da parte. I disaccordi sulle diverse intenzioni di lavoro sulle novità per le pensioni sono diventati più forti in quest’ultimo periodo per posizioni e convinzioni differenti sul funzionamento di alcune regole della attuali novità per le pensioni: partendo, per esempio, dagli oneri a carico di coloro che chiederanno la mini pensione con oneri, Padoan ha parlato di oneri totali per un 20%, alti, dunque, mentre Nannicini, come si legge nel Pdf redatto, ha parlato di un tetto forfettario, dopo aver comunque sempre ribadito finora, come del resto confermano le ultime notizie, di oneri intorno al 4,5%-4,7%, quindi complessivamente decisamente inferiori al 20% annunciato da Padoan.

Altro terreno di scontro è la questione relativa alle polizze e al loro pagamento: nell’attesa che vengano definiti gli accordi con le associazioni delle polizze assicurative e che dunque si chiariscano tutti i dettagli, il ministro Padoan continua a sostenere che in caso di premorienza del pensionato, i relativi costi e la polizza ricadrebbero sugli eredi, mentre Nannicini smentisce assolutamente questa ipotesi, ribadendo, stando alle ultime notizie, che in caso di scomparsa del pensionato, costi e polizza sarebbero a carico dello Stato. Altra questione aperta da Padoan proprio in questi ultimissimi giorni è quella dei soldi ancora da verificare: stando, infatti, alle ultime e ultimissime notizie, il ministro dell’Economia avrebbe spiegato che pur essendoci i soldi per la mini pensione, resta da verificarne la loro disponibilità per soddisfare le richieste di tutti di accesso alla mini pensione. Solo una verifica, però, ha ribadito il responsabile del Dicastero del Tesoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il