BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Ape mini pensioni, quota 41 per superare emendamenti inutili soluzioni da Grossi, Balzanelli, Mazziotti

Le ultime posizioni di Balzanelli, Mazziotti, Grossi sulle novità per le pensioni e nuove iniziative di modifica attraverso i tribunali




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:42).: Tra l'altro in una delle ultime sentenza il massimo grado della magistratura aveva dato ragione a quota 96 spiegando che si trattata di una novità per le pensioni con un grave errore e aveva dato ragione a 30 cittadini e poi singoli tribunali si era attenuti alla stessa decisiome mentre a livello legislativo il Tesoro aveva bocciato più e più volta come si ricoderà dalle ultime notizie e ultimissime e lo sta facendo tuttora ogni iniziativa legilslativa anche con un ampio supporto di forze trasversali

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:44):  e' da sottolineare come la stessa magistratura abbiamo dato più volte ragione ai cittadini quando hanno fatto ricorso non solo per vecchie regole, ma per le stesse novità per le pensioni di questa maggioranza sottolineando gli errori e iniziative contro il diritto stesso. E visto che le ultime notizie e ultimissime mostrano che le attuali novità non si vogliono proprio toccare nonostante i giudizi negativi non appare un errore quello che si sta provando a fare.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44):   L'altra iniziativa parte, invece da Mazziotti, importante esponenente dell'attuale maggioranza con anche un ruolo attivo che ha spiegato come per preservare il giusto equilibrio tra giovani-anziani occorra procedere con le novità per le pensioni sottolineando le norme della Costituzione che permetteno e anzi incitano di farlo e che sono già presenti e che quindi, come già succeso nelle ultime notizie e ultimissime, una richiesta di revisione all'Alta Corte potrebbe funzionare e non si preclude neppure una via legislativa sempre su queste stesse basi, comunque.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01):  La prima iniziativa di cui parliamo è quella di Balzanelli che sostiene una posizione studiata da diversi avvocati e che sta avendo diverso successo in differenti tribunali d'Italia. Consiste tra l'altro di considerare tutti gli esecutivi non votati come incostituzionali e che, quindi, tutte le decisioni prese sono da invalidare, comprese le tant novità per le pensioni e lo stesso sistema attuale. Non è l'unica presa di posizione simile e come abbiamo visto nelle ultime notizie e ultimissime molte volte i tribunali hanno dato ragione ai cittadini a dispetto di quello deciso dai vari esecutivi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Probabilmente i nomi fatti non dicono nulla alla maggior parte delle persone, ma come spesso diciamo che le ultime notizie e ultimissime più importanti non vengono mai messe in risalto anche questa volta i protagonisti, pur pochi famosi, stanno portando avanti quelle novità per le pensioni per migliorare i sistemi o addirittura abolire completamente gli attuali attraverso la magistratura. E lo stanno facendo con iniziative che stanno portando avanti da diverso tempo, non inventate sul momento

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Sta sempre prendendo più piede una idea di riuscire ad ottenere novità per le pensioni radicali e profonde non passando dai normali poteri legislativi che come dimostrano le ultime notizie e ultimissime o non ascoltano proprio o quando lo fanno, creano più errori di quanti ne sistemano. Ed è interessante che questa convinzione arriva da più parti differenti

Mentre si continua a discutere di questione previdenziale, nella speranza che con le discussioni delle misure che saranno contenute nel nuovo testo unico vengano riprese le ultime novità per le pensioni annunciate dalla maggioranza di mini pensione e quota 41 con eventuali miglioramenti, c’è chi continua a ricorrere ai tribunali, come riportano le ultime notizie, per avare giustizia. E non si tratta certo di una novità, considerando che da quando sono entrate in vigore del attuali norme pensionistiche, spesso si è fatto ricorso ai tribunali per cercare di avere risposte e soluzioni che dalla maggioranza tardavano, e tardano, ad arrivare. Da non dimenticare, per esempio, le ultime notizie relative ai ricorsi presentati dai lavoratori della scuola, o dai pensionati che non hanno ricevuto il rimborso delle loro pensioni. Le ultime e ultimissime notizie riferiscono, invece, di una nuova iniziativa, sostenuta da Claudio Balzanelli coordinatore del gruppo online Lavoratori precoci lavoro giovani, portata avanti dall'avvocato Marco Mori, originario di Rapallo, esponente del partito Alternativa italiana.

L’intenzione dell’avvocato Mori è quella di raccogliere e di presentare quante più denunce possibili da parte dei singoli cittadini, in tutti i tribunali d'Italia con l’obiettivo di far capire che così come l’attuale maggioranza non è stata eletta legittimamente, altrettanto illegittimi sarebbero i provvedimenti che la stessa maggioranza avrebbe o vorrebbe approvare, comprese le recenti novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 che si apprestano ad essere inserite ufficialmente nel nuovo testo unico. E proprio in virtù di questa eventuale illegittimità si potrebbe pensare ad una loro revisione. Si prepara a passare dall’Alta Corte anche un’altra iniziativa, quella lanciata da Andrea Mazziotti, presidente del gruppo Affari costituzionali di revisione dell'articolo 38. Si tratta di un articolo che prevede che ad ogni cittadino inabile al lavoro e che non abbia i mezzi per sostentarsi vengano riconosciuti mezzi per una vita dignitosa e che tutti i lavoratori abbiano accesso a misure previdenziali e sociali nei casi di malattia, infortunio, invalidità e non occupazione.

La revisione dell’art.38, secondo Mazziotti, sarebbe necessaria nell’ottica di un perseguimento dell’uguaglianza sociale che ormai nel nostro Paese, anche causa delle attuali norme pensionistiche che stanno creando non pochi squilibri e non pochi problemi ai lavoratori soprattutto più anziani ma anche ai più giovani, sempre più esclusi dal mondo occupazionale, e del fortissimo gap esistente tra chi guadagna pensioni elevatissime e chi invece arriva a percepi meno di mille euro al mese, nel caso di milioni di pensionati si parla anche di pensioni mensili di 500 euro circa, sembra essersi persa. Si tratterebbe di una revisione da riconoscere formalmente nella stessa Costituzione, per sostenere le prossime generazioni e per garantire a tutti, uomini e donne, una pensione dignitosa.

Il percorso però per cambiare la Costituzione è decisamente lungo e complesso, motivo per il quale, come riportano le ultime notizie, la strada più semplice di proposta di revisione dell’art.38, e di conseguenza di modifiche delle novità per le pensioni, potrebbe essere ancora una volta quella di presentare la questione all’Alta Corte presieduta da Paolo Grossi, attendendo un suo eventuale pronunciamento che potrebbe aprire effettivamente alla possibilità di modifica delle pensioni e così ancora una volta le soluzioni pensionistiche arriverebbero più che in maniera universale dalla maggioranza, da un tribunale. E se davvero la questione di revisione dell’art.38 venisse sottoposta all’Alta Corte, le aspettative di novità positive potrebbero essere alte, considerando che la magistratura sostiene da sempre l’importanza di attuazione delle novità per le pensioni nel nostro Paese, tanto collegate alla questione lavoro e al rilancio dell'occupazione  giovanile quanto alla questione sociale ed economia in generale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il