BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su mini pensioni Ape, quota 41, opzione proroga donna,pensioni anticipata rifiuto già migliaia emendamenti

Cosa è accaduto questa settimana e prospettive della prossimo per iter di discussione novità per le pensioni e miglioramenti




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:50): Sono stati già "rifiutati e rispediti al mittente" oltre 1500 emendamenti sui 5000 e rimane l'obiettivo dei 900 come spiegano le ultime notizie e ultimissime, ma non vi dovrebbero essere nulla per le novità sulle pensioniche rimangono per il momento. Finora sono stati cancellati quelli che non avevano denaro a sufficienza per poterli portare avanti o perchè estrenai alla decisioni dell'iter


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:34): Da quanto si apprende dei 5mila emendamenti che vi sono, saranno al massimo 900 ad essere approvati. Al momento come per le novità per le pensioni non ci sono emendamenti forti, tutti sembrano piccoli correttivi senza essere drastici in nessun modo nè da parte della maggioranza che dell'opposizione sia interna che esterna

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:02): Dunque, vi terremo aggiornati in tempo reale con tutte le novità per le pensioni, ultime e ultimissime notizie riguardanti quali emendamenti potranno passare sia tecnicamente dalle verifiche che dovrebbero iniziare stamattina e concludersi tra la serata e domani e poi il voto finale entro venerdì, anche se è stata una richiesta di revisione dei conti per essere sicuri che prima del voto nel Comitato vi sia la sicurezza che i soldi necessari vi siano realmente.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:57):  Tra le cose decise nella riunione per le novità per le pensioni e non solo, da come trapelano nelle ultime notizie e ultimissime, sembra che vi sia una netta posizione per far andare avanti gli emendamenti solo quelli dei Gruppi che se ne stanno occupando in maniera trasversale ovvero tra maggioranza  e opposizione, non portati avanti da singoli, Questo vale per le novità per le pensioni ma non solo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:17): Finalmente si inizia, seppur con un ulteriore ritardo, a rivedere le migliaia di miglioramenti arrivati compresi quelli delle novità per le pensioni dopo un confronto avvenuto ieri e che poabbilità continuerà in mattinata tra il Tesoro e i Gruppi competenti della maggioranza per capire cosa effettivamente possa passare.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:22): Si sono conclusi anche i raduni in piazza del week-end e andando oltre a quelli solo incentrati per le novità per le pensioni, si può dire che c'è una divisione e non da poco nel Centro Destra, ma anche nella stessa Maggioranza con l'opposizione interna. E da qui si vedono anche le ultime notizie e ultimissime sulle novità per le pensioni, ma non solo praticamente in stallo. Certo che nel lungo periodo aggiungendo anche M5S tutto questo potrebbe, invece, avere effetti benefici importanti suorerare l'apatia attuale.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:45): Tra l'altro, vi dovrebbe essere la fiducia e insieme alla fiducia come è spesso accaduto nelle ultime notizie e ultimissime vi potrebbe un grande pacchetto di miglioramenti che verosimilmente potrebbe comprendere le novità per le pensioni, ma uno solo, che racchiuda tutti i miglioramenti avanzati e che li armonizzi dopo una serie di trattative tra le parti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:07): Si parte tra 48 con l'inizio delle analisi dei miglioramenti andati per il momento avanti compresi quelli delle novità per le pensioni. Non si inizierà subito perchè c'è prima il voto finale Fiscale, che si spera si concluda nell'arco delle tempistiche previste. Le stesse che prevedono, dunque, dalle ultime notizie e ultimissime, l'analisi che continuerà fino a giovedì-venerdì circa e quando si concluderà si andrà al confronto in Aula che dovrebbe concludersi entro il 23.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01):  Ancora una settimana molto significative per le novità per le pensioni come è stata quella che si appena conclusa e come saranno tutte le prossime e densa di ultime notizie e ultimissime interessanti, ma che sembrano non riuscire a scalfire quello finora fatto nonostante i giudizi negativi siano ormai praticamente di tutti.

Dopo la settimana che si è appena conclusa e che visto l’avvio dell’iter di presentazione e discussione dei miglioramenti da apportare alle misure inserite nel nuovo testo unico, comprese le novità per le pensioni, si preannuncia una settimana decisamente importante per la discussione dei miglioramenti presentati sui diversi. Lunedì è innanzitutto in programma il voto del piano di rottamazione delle cartelle esattoriali pendenti; martedì 15 sono invece attese le dichiarazioni di ammissibilità dei miglioramenti presentati da parte del Gruppo Bilancio, mentre giovedì 17 novembre si procederà con le votazioni. Il passaggio dal gruppo Bilancio dovrebbe concludersi entro martedì 22 novembre e giovedì 24 il provvedimento dovrebbe arrivare in Aula. E’ possibile che sempre giovedì 24 venga richiesta la fiducia anche se i miglioramenti potrebbero essere presentati fino allo stesso 23, giorno della votazione, per poi far confluire il tutto in un maxiemendamento, a seguiti di accordi tra maggioranza e opposizioni. Le discussioni proseguiranno poi con il passaggio del provvedimento a Palazzo Madama e anche in questa sede potrebbero continuare ad arrivare ulteriori miglioramenti, con le discussioni che potrebbero essere portate avanti fino a pochi giorni prima di Natale, cioè a ridosso della votazione finale.

Questo allungamento dei tempi di discussione ma anche di presentazione dei miglioramenti è giustificato innanzitutto dal fatto che l’iter di discussione del testo unico è iniziato in ritardo, e quindi i tempi sono già ristretti, e dal fatto che subiranno un ulteriore rallentamento delle stesse discussioni a causa dell’appuntamento con la consultazione pubblica di inizio dicembre. In vista del voto del 4 dicembre, infatti, per la fine del mese di novembre le discussioni subiranno un stop per poi riprendere al 5, con l’approvazione del testo unico entro la fine di dicembre. Finora comunque i primi miglioramenti presentati, soprattutto in relazione alle ultime novità per le pensioni, sono stati piuttosto contraddittori: nulla, infatti, di quanto emerso dalle ultime notizie dei confronti con il Comitato ristretto ha riguardato mini pensione con oneri, quota 41 per tutti, ma tutto si è concentrato su mini pensioni senza oneri per chi ha iniziato a lavorare sin da giovanissimo e su qualche novità relativa all’estensione delle professioni da considerare faticose.

In particolare, i nuovi miglioramenti sono stati presentati  per la mini pensione senza oneri di coloro che sono impegnati in occupazioni faticose, prevedendo una diminuzione dell'invalidità al 60%, un’estensione dei tempi di malattie, un allargamento delle professioni da considerare pesanti, coinvolgendo anche i marittimi., i pescatori imbarcati; lavoratori impiegati in attività di estrazione, importazione, lavorazione, utilizzazione, commercializzazione, trattamento e smaltimento dell'amianto; operatori socio-sanitari, operai agricoli; lavoratori in altezza; lavoratori occupati in attività di stampaggio a caldo; e la richiesta di una riduzione degli ani contributivi, da abbassare da 36 a 35 anni, proprio l’accesso alla mini pensione senza per chi impiegato in attività faticose.

Altro miglioramento richiesto, quello di considerare i 6 anni di attività faticosa richiesta per essere considerati lavoratori faticosi per i lavoratori addetti alla lavorazione dell’amianto, non continuativi. Un’ennesima novità che potrebbe però contribuire ad accrescere le diseguaglianze sociali già fin troppo esistenti piuttosto che appianarle, creando ulteriori privilegi. A fronte di questi miglioramenti che potrebbero, come appena detto, creare ancora differenze, le ultime notizie riportano un netto nulla di nuovo per quota 41 per tutti, per mini pensione con oneri, per proroga del contributivo donna, tra le novità per le pensioni, invece, più attese. Nulla in merito a questo aspettative come nulle sembrano essere state le richieste di miglioramento delle ultime novità per le pensioni avanzate dai diversi organi di controllo, da modifiche e una revisione all’attuale staffetta, alla quota 41 per tutti, alla definizione di criteri certi per la concessione degli aumenti per le pensioni base, che altrimenti rischieranno di essere erogate anche a chi in realtà non ne avrebbe bisogno, fino alle richieste delle forze sociali di riduzione dei contributi necessari per l’accesso alla mini pensione con oneri e dei vincoli per accesso a mini pensione senza oneri.

Insieme alla richieste degli organi di controllo, le ultime notizie confermano come siano rimaste inascoltate, almeno fino ad ora, anche le richieste che sono state fortemente ribadite in queste ultimissime settimane anche dai cittadini riuniti nei comitati web, ormai sempre più protagonisti dei dibattiti previdenziali e sempre più attivi nella presentazione di nuove richieste di novità per le pensioni. La principale novità da loro richiesta è la quota 41 per tutti, senza vincoli e senza oneri, insieme alla richiesta di proroga fino al 2018 del contributivo donna. Ma gli stessi esponenti dei comitati web hanno organizzato per questo week end nuove manifestazioni, a Torino e Milano, dove ci sarà tra gli altri anche Franco Rizzo, amministratore del gruppo Giovani, Lavoro, Pensione, proprio per ribadire la loro posizione di contrarietà nei confronti delle attuali norme pensionistiche ma anche nei confronti delle attuali novità per le pensioni, tornando a chiedere soprattutto modifiche per la novità per le pensioni di quota 41, con possibilità di estensione della possibilità di pensione con 41 anni di contributi a tutti coloro che hanno iniziato a lavorare da giovanissimi e senza oneri, ma anche richiesta di revisione delle aspettative di vita, con lo scatto ogni 5 anni per tutti e non ogni due anni, e a partire dal 2016; e blocco dello stesso meccanismo di adeguamento alle speranze di vita per la quota 41.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il