BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie lunedì su tutti, precoci, usuranti conflitto sempre più evidente da Padoan, Nanninici

Ancora fino ad oggi domenica contrapposizioni e divergenze tra ministro dell’Economia Padoan e consigliere economico Nannicini: motivi e posizioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:03):  E dal silenzio si è passato a qualcosa di più come si è emerso nelle ultime notizie e ultimissime. E al momento lo scontro è avvenuto su tre cardini fondamentali per le novità per le pensioni i tassi di interessi, le condizioni delle polizze e addirittura il denaro necessario per farle.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:15): Ha continuato a crescere in un parziale silenzio, perchè nell'analisi delle ultime notizie e ultimissime, lo avevamo già evidenziato ma tra i due principali decisori per le novità per le pensioni. Stiamo parlando del conflitto tra Padoan e Nannici, che ormai è chiaro anche a livello pubblico seppur in modo sempre silenzioso.

La questione delle novità per le pensioni ancora al centro delle contrapposizioni e degli scontri tra ministro dell’Economia Padoan e consigliere economico di Palazzo Chigi, Tommaso Nannicini: all’indomani delle ultime notizie sui resoconti dei primi confronti e dei primi miglioramenti presentati in merito alle novità per le pensioni, sembrano non essersi ancora chiarite le posizioni, di netta contrapposizione, tra ministro Padoan e Nanncini che ad oggi, domenica, sembrano avere ancora idee diverse sulle stesse novità per le pensioni. Le ultime dichiarazioni di questi giorni del ministro Padoan, relative alla necessità di verifiche dei soldi per la mini pensione, fanno preoccupare nonostante le sue stesse precisazioni relative al fatto che i soldi ci sono ma vanno solo verificati. Si tratta, comunque, di affermazioni che destano timori soprattutto alla luce delle ultime notizie sulla presentazione di miglioramenti che piuttosto che, appunto, migliorare le novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 annunciate, sembrano limitarle ancor di più.

I terreni di scontro tra ministro dell’Economia e consigliere economico di Palazzo Chigi sono diversi: mentre Padoan parla di una necessaria verifica di soldi, ha dichiarato che in caso di premorienza del pensionato che ha chiesto la mini pensione costi e polizze assicurative ricadranno sugli eredi, che il costo complessivo della mini pensione con oneri dovrebbe aggirarsi sul 20%, ma soprattutto la sua contrarietà all’attuazione di novità per le pensioni che cambino totalmente le attuali regole pensionistiche decisamente invece più dalla parte di misure, come nuove spinte a investimento o provvedimenti a sostengo delle imprese, che riescano a rilanciare concretamente la crescita economica d’Italia, Nannicini, ben più dalla parte dell’attuazione di novità per le pensioni ha chiarito la questione entità dei costi eventuali della mini pensione e smentito quanto detto dal ministro Padoan relativamente alla questione polizze.

Innanzitutto, Nannicini, come riportano le ultime e ultimissime notizie, ha specificato che chi sceglie volontariamente di lasciare la propria occupazione con la mini pensione dovrebbe sostenere un costo di circa 4,6%-4,7% annuo, che complessivamente risulterebbe molto meno del 20% di cui ha parlato il responsabile del Dicastero del Tesoro, precisando, per quanto continuano a criticare il ruolo degli istituti di credito nel meccanismo della mini pensione, che è stato necessario coinvolgerli per mantenere la tenuta dei conti pubblici. Nannicini ha anche spiegato, in riferimento al piano di rimborso 20ennale della mini pensione percepita, che quanto dovuto potrà essere restituito anche anticipatamente senza alcun onere previsto. Per quanto riguarda, invece, il capitolo polizze assicurative, contrariamente a quanto dichiarato dal ministro Padoan, e che ha fatto preoccupare non poco, Nannicini ha chiarito che in caso di scomparsa del pensionato che ha chiesto la mini pensione per anticipare la sua età pensionabile, costi e polizze non ricadrebbero sugli eredi ma bensì sarebbe lo Stato a doverseli accollare. Nessun costo in più, dunque, per chi rimane.

Tra Padoan e Nannicini è chiaro, dunque, che vi sia una divergenza di opinioni, ma è bene chiarire che per avere certezze ufficiali per quanto riguarda entità dei tassi di interesse e chiarimenti relative alle polizze assicurative bisognerà aspettare i Dpcmche, stando alle ultime notizie, potrebbero arrivare entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del provvedimenti, quindi presumibilmente per il prossimo mese di febbraio se l’approvazione del testo unico è in programma entro il 31 dicembre. Ma si tratta di una data non certa ancora, anche se lo stesso tecnico Nannicini avrebbe rassicurato sul fatto che sarebbero già in via di definizione gli accordo tra associazioni degli istituti di credito e associazioni delle polizze che dovranno rientrare nei Dpcm. Bisogna, dunque, aspettare ancora un bel po’ per capire quanto effettivamente saranno convenienti e vantaggiose le novità per le pensioni di mini pensione,in base ai costi, ed eventuali regole ufficiali di funzionamento e tempi di avvio.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il