BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni opzione donna al via oggi esame emendamento martedì, voto finale giovedì e venerdì. Attesa per risposta cresce

Si punta ad allargare la platea delle potenziali beneficiarie dell'opzione donna nel contesto delle novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:57): E' da sottolineare che tutti i giorni e le ore sono buone per l'ammissabilità tecnica-finanziario che potrebbe arrivare anche giovedì sera prima del voto finale per questa novità per le pensioni, ma non detto che arrivi proprio oggi. Può essere come detto nelle ultime notizie e ultimissime, ma non c'è certezza. Noi ovviamente vi terremo informati per ogni novità e ultima notizia, ultimissima news.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:01): Se da una parte gli emendamenti che arrivanno dal Comitato per le novità per le pensioni ristretto dovrebbero avere i favori nel passare, dall'altra ci sono comuque sempre dubbi elevati anche eprchè il Tesoro non si è espresso in nessuno senso finora nonontante la trepidazione delle ultime notizie e ultimissime sempre più attese

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:01): Oggi martedì, vi sarà, la prima analisi tecnica-finanziaria e c'è grande aspettattiva. L'orario dovrebbe essere nel pomeriggio, ma vi potrebbero essere dei ritardi in quanto è stata richiesto, non solo per questa novità per le pensioni, ma per tutti e tutti gli argomenti la bollinatura della ragioneria dopo i problemi avuti con il decreto fiscale come evidenziato nella tarda serata di ieri nelle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:20): L'attenzione sulla possibile proroga dell'opzione donna è tornata al centro dell'attenzione per via della proposizione di due proposte di miglioramento, ancora in via di studio e di analisi. Il primo prevede un cambiamento di data mentre il secondo, come da ultime e ultimissime notizie, prevede un combinato con il cumulo gratis dei contributi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Ci sono arrivate parecchie domande su come funziona esattamente l'emendamento che al momento, e sottolineiamo al momento, è passato ad ora sulle novità per le pensioni dedicato a opzione donna proroga. E per questo motivo visto anche alcune ultime notizie e ultimissime contrastanti abbiamo cercato di fare chiarezza.

E' sempre lo stesso l'iter anche se qualcosa è cambiato. Ma gli emendamenti non sono un punto di arrivo e neppure uno di partenza a questo punto, anzi tutto può ancora cambiare soprattutto per le novità per le pensioni tra giudizi vincolanti e il maxiemendamento quasi sicuro dalle ultime notizie e ultimissime che danno per certi invece i DPCM

Tra le novità per le pensioni di nuovo al centro dell'attenzione c'è la questione della proroga dell'opzione donna. La ragione è duplice: da una parte è stato presentato un emendamento al testo elaborato dalla maggioranza e dall'altra c'è una diffida già recapitata al responsabile del Tesoro. E le due azioni sono evidentemente strettamente legate. Con il primo provvedimento - a firma di Cesare Damiano (Partito democratico), Walter Rizzetto (Movimento 5 Stelle), Davide Baruffi (Partito democratico), Tiziano Arlotti (Partito democratico), Cinzia Maria Fontana (Partito democratico), Antonio Boccuzzi (Partito democratico), Titti Di Salvo (Partito democratico), Luisella Albanella (Partito democratico), Floriana Casellato (Partito democratico) - si chiede in buona sostanza di annullare gli effetti dell'aumento delle aspettative di vita con un piccolo espediente tecnico e con l'obiettivo di allargare la platea delle potenziali beneficiarie dell'opzione.

In pratica si chiede l'estensione della sperimentazione al 31 luglio 2016 anziché al 31 dicembre 2015 così da potere includere coloro che sono nate nell'ultimo trimestre del 1958. Il problema (e qui entra in gioco la diffida) è che questi sforzi rischiano di rimanere vani se non c'è un budget sufficiente per finanziare la proroga dell'opzione donna. Si tratta dei risparmi della sperimentazione in corso che il responsabile del Tesoro avrebbe dovuto rendere pubblici già oltre 40 giorni fa. L'Istituto nazionale della previdenza sociale provvede infatti al monitoraggio delle domande di pensionamento presentate dalle lavoratrici sulla base della data di cessazione del rapporto di lavoro.

Provvede poi a pubblicare nel proprio sito Internet i dati raccolti evidenziando le domande accolte e quelle respinte. Qualora risulti il raggiungimento degli oneri previsti, l'Istituto nazionale della previdenza sociale non prende in esame ulteriori domande di pensionamento finalizzate a usufruire della facoltà. Spetta al Tesoro rendere pubbliche queste informazioni, ma sta prendendo tempo e da qui la diffida ad agire sulla base delle norme che questa stessa maggioranza ha approvato. Qualora dall'attività di monitoraggio risulti un onere previdenziale inferiore dovrebbe essere disposto l'impiego delle risorse non utilizzate per interventi con finalità analoghe, compresa la proroga dell'opzione donna.

La richiesta prevede la concessione alle lavoratrici dell'opportunità del congedo qualche anno prima rispetto ai requisiti in vigore, ma rinunciando a una parte dell'assegno perché calcolato con il contributivo. Il ritiro sarebbe possibile a 57 anni e 3 mesi di età con 35 anni di contributi per le lavoratrici dipendenti o a 58 anni e 3 mesi per le lavoratrici autonome.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il