BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie martedì bloccato tutto o quasi nulla eppure una spinta forte dovrebbe arrivare da Cameron, Clinton

Le lezioni della sconfitta della Clinton negli Usa e delle dimissioni del premier Cameron all’indomani della Brexit ed effetti su novità per le pensioni in Italia




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:01): Almeno fino al giorno del suo insediamento, le luci dei riflettori sono puntate sulle elezioni americane. C'è senza dubbio più di una lezione da imparare, come quella di comprendere le reali esigenze della cittadinanza, novità per le pensioni incluse. I fatti ovvero le ultime e ultimissime notizie non raccontano però di una vera presa di coscienza.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30): Non si possono considerare vere novità per le pensioni quelle finora avanzate e anche i miglioramenti al momento sono nulla rispetto alle reali esigenze. Tutto è così nella realtà bloccato seppur nelle ultime notizie e ultimissime si parla che avanzano alcuni miglioramenti. E tutto è in stallo nonostante l'esempio che si dovrebbe prendere da quello accaduto a Cameron e a Hillary Clinton.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:07) Se i nostri esponenti della maggioranza soprattutto, ma non solo, si fermassero a ragionare su quanto successo nelle sconfitte delle ultime notizie e ultimissime di prima Cameron e poi della Clinton probabilmente farebbero una totale inversione ad U sulle novità per le pensioni e in più generale su aiuti e sostegni riponendo la figura centrale dell'uomo e non del capitale.

La sconfitta di Hillary Clinton alle elezioni presidenziali americane e le dimissioni di David Cameron all’indomani della vittoria della Brexit in Inghilterra che ne ha sancito l’uscita definitiva dalla Comunità: due eventi cruciali  verificatisi in questi ultimi mesi che ad oggi, lunedì, rappresentano, più in generale, entrambe, la voglia e la necessità di cambiamento espressa, in maniera decisamente pratica, dai cittadini. Sono stati i modi forse più forti di far capire che le attuali politiche e le attuali strategia di lavoro volte alla riconquista di una crescita economica non stanno funzionamento, i modi forti di popoli, e soprattutto delle loro classi medie, di chiedere novità e misure a loro sostegno, che in Italia comprendono anche le atnto auspicate novità per le pensioni. Ed ecco che le ultime notizie provenienti dagli Usa rendono ancor più chiaro il messaggio della vittoria della Brexit: così come le austere politiche comunitarie non hanno portato ad alcun risultato positivo e ad alcuna nuova crescita, soprattutto dei Paesi membri più in crisi, così negli Usa quello che è stato definito il ‘sofisticato’ programma elettorale della Clinton non ha funzionato e non ha convinto perché mancava di un tassello fondamentale: la centralità della persona, del cittadini.

A fronte dello sfidante repubblicano che ha promesso 25 milioni di posti di lavoro in 10 anni, riduzione delle imposte, nuovi aiuti e sostegni per lavoratori e soprattutto per le mamme lavoratici, la Clinton sembra aver dimenticato la difficile condizione di vita che la maggior parte dei cittadini americano affronta ogni giorno. Non sono, infatti, positive le ultime notizie sulla situazione occupazionale degli americani che, tra l’altro, si indebitano per avere i soldi necessari per arrivare alla fine del mese. Ma la questione sembra sia stata sottovalutata, come del resto lo è stata all’interno della Comunità e la decisione del popolo inglese di lasciarla, con le conseguenti dimissioni del suo primo ministro Cameron che invece voleva rimanere nella Comunità, ne è stata una prima dimostrazione. Ha vinto in quel caso la volontà di abbandonare i forti e austeri legami con la Comunità, la politica anti immigrazione che ha giocato un ruolo fondamentale anche nelle elezioni americane e il sentimento che anima il popolo in questo senso non è il razzismo o l’intolleranza, ma è la paura.

Le ultime notizie su possibili attentati terroristici e sulle nuove minacce dell’Isis, che in questo preciso momento è nell’ombra ma che esiste e certamente tornerà a farsi sentire in maniera ancora spettacolare, terrorizzano e l’istinto primario che vince è quello della sopravvivenza che porta ad essere diffidenti nei confronti di tutti. Quanto accaduto, però, prima in Inghilterra e poi negli Usa dovrebbe rappresentare una lezione per l’Italia, dovrebbe porsi come leva al cambiamento da avviare prima che la maggioranza cada definitivamente di fronte ad alternative, come potrebbero essere le nuove forze nate, per esempio, dall’unione di tutte le forze di destra riunite, o il Movimento 5 Stelle. E la strada da percorrere per riconquistare fiducia, consensi e appoggi da parte di tutti i cittadini è quella tracciata dalla necessità di nuove misure sociali a sostegno dei meni abbienti e di novità per le pensioni che vadano oltre le attuali, e limitate, novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, che siano ben più profonde, come lo sarebbero state, o lo sarebbero ancora, novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti.

Si tratterebbe di quelle soluzioni pensionistiche tanto richieste negli ultimi mesi che risolverebbero tutti i problemi generati dall’entrati in vigore delle attuali norme pensionistiche, pur a fronte di costi certamente più elevati rispetto a quelli richiesti per mini pensione e quota 41 attuali, ma che si potrebbero comunque recuperare se solo vi fosse una forte volontà politica di farlo. Di certo, significherebbe sacrificio in un percorso di recupero di risorse economiche che dovrebbero derivare certamente da tagli e revisioni di altri provvedimenti, considerati inutili, ma che, d’altro canto, avrebbero il vantaggio di permettere di mettere a punto, una volta per tutti, misure e novità per le pensioni positive per tutti, facendo qualcosa di concreto per i cittadini e per soddisfare i loro bisogni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il