BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Emendamenti pensioni Ape, opzione donna proroga, quota 41 respinti e approvati con bonus, rinnovo contratti statali, tasse

Le proposte di miglioramento della legge di Bilancio tirano in ballo anche la previdenza e il pubblico impiego.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:46): Per quanto riguarda le novità per le pensioni quella che sembrava ad un certo la più difficile ovvero contributivo femminile sembra avere tutte le chance per passare ma lo avevamo detto che era più facile confermare un proseguimento con stanziamenti già fatti che altre novità per le pensioni come mini pensioni e quota 41. Tra l'altro risulta strano il comportante al momento del Comitato per le novità per le pensioni che ha emesso emendamenti in pratica solo per le mini pensioni gratuite che poteva alcuni essere inseriti nelle mini pensioni onerose, ma soprattutto in quota 41 che è sempre andata di pari passo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:12): Continua lo studio che rinizierà dalla riverifica degli emendamenti di ieri e poi proseguirà fino ad arrivare all'obiettivo che ci si è posti ovevro andare sotto i mille emendamenti. Al momento tutti quelli delle novità per le pensioni e in generale emessi dai gruppi non sono stati respinti e seguendo le direttive non dorvebbero essere respinti. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:15):  Dopo una prima giornata di studio, rimangono tremilacinquento emendamenti e ne sono stati respinti quasi duemila che nonc entravano nulla con lattuale iter o per mancanza di fondi Al momento non c'è nulla di respinto sulle novità per le pensioni, bonus vari e rinnovo contratti statali stando alle ultime notizie e ultimissime. Ma questo passaggio durerà almeno fino a venerdì con voto martedì.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:15):  Inizia l'esame tecnico oggi martedì per le novità per le pensioni e per tutti gli altri argomenti. Sono migliaia gli emendamenti che dovranno essere considerati. E ci potrebbero essere dei rallentamenti perchè si vuole avere la sicurezza che tutti i conti tornino non come per il Dl Fiscale rimandato indietro quando proprio doveva essere approvato

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:15): C'è stata una decisa accelerazione nella presentazione degli emendamenti al testo messo a punto dalla maggioranza. Tra la questioni più dibattute ci sono sono quelle delle novità per le pensioni, con particolare riferimento alle novità per le pensioni, e dell'aumento degli stipendi degli statali, tra i più problematici come da ultime e ultimissime notizie.

Solita pioggia di emendamenti alla legge di Bilancio che riguardano tutti i comparti, dalle pensioni alla scuola, dalle imprese al bonus bebè passando per il rinnovo dei contratti degli statali. Per quanto riguarda le novità per le pensioni, si segnala la richiesta di abbassare da 36 a 35 anni gli anni di contribuzione richiesta per accedere alle mini pensioni non onerose. La scuola è uno dei comparti più tormentati, come dimostrato dagli emendamenti relativi all'abolizione della trattenuta del Trattamento di fine rapporto, al blocco del primo gradone stipendiale per i neo-assunti dal 2011, alla carriera del personale docente e Ata alle graduatorie ed esaurimento e d'istituto, agli idonei e vincitori non assunti del concorso a cattedra 2016, al precariato scolastico, alle prossime selezioni pubbliche nazionali, all'estensione delle stese mini pensioni non onerose anche a docenti.

Per quanto riguarda imprese e lavoro, ecco l'incentivo ai datori su tutto il territorio nazionale che assumono: Neet iscritti a al programma Garanzia Giovani tra i 15 e i 24 anni; Neet iscritti al programma Garanzia Giovani tra i 24 e i 29 anni, privi di impiego da almeno sei mesi. La decontribuzione ha una durata di dodici mesi per le assunzioni effettuate dal primo gennaio 2017 al 31 dicembre 2017. Lo sgravio totale dei contributi previdenziali, con un tetto di 8.060 euro, per le assunzioni a tempo indeterminato o in apprendistato. Sgravio al 50% (con un tetto di 4.030 euro) per le assunzioni a tempo determinato.

C'è poi l'incentivo ai datori di lavoro di Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Abruzzo, Molise e Sardegna che assumono disoccupati con contratti a tempo indeterminato o di apprendistato. In questo caso è rivolto ai giovani tra i 15 e i 24 anni e ai disoccupati con più di 24 anni se privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. La decontribuzione dura 12 mesi per le assunzioni effettuate dal primo gennaio al 31 dicembre 2017. Sgravio totale (con un tetto di 8.060 euro) dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro.

Particolarmente ricco è il capitolo degli emendamenti sulla famiglia, a iniziare dal bonus bebè. Dal primo gennaio 2017 800 euro per tutte le mamme a prescindere dal reddito del nucleo familiare e dalla loro situazione lavorativa Nido. Circa 91 euro al mese per 11 mesi per le mamme che lavorano anche per le autonome e le imprenditrici per l'iscrizione all'asilo dei figli se questi sono nati a partire dal primo gennaio 2016. Il nuovo bonus nido non è cumulabile con i vecchi voucher per la baby sitter o l'asilo che possono essere richiesti per le mamme di bimbi che nascono entro il 31 dicembre 2017 e che dipendono dal reddito del nucleo familiare. Il congedo obbligatorio passa da 1 a 2 giorni da utilizzare entro 5 mesi dalla nascita del figlio. Ci sono poi 500 euro per i maggiorenni o maggiorenni 2017 per acquisto di libri, per il cinema, i musei e altre attività culturali. Ed ecco 400 maxi borse di studio da 15.000 euro per l'iscrizione all'università degli studenti più bravi con Isee sotto i 20.000 euro.

Sul versante dei contratti degli statali, la principale incognita è legata all'effettiva somma stanziata per il rinnovo. La maggioranza ha infatti stabilito una somma complessiva per l'intero comparto della pubblica amministrazione, ma senza specificare l'esatta ripartizione del budget.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il