BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa terzo ciclo: riunione oggi mercoledì per decidere il come e il quando Miur, Ministero Istruzione, Forze Sociali

Ancora una nuova riunione tra Ministero dell'Istruzione e forze sociali per trovare una risposta alle tante domande del mondo della scuola.




AGGIORNAMENTO: Oggi mercoledì s terrà l'ennessima riunione dove finalmente il Tfa terzo ciclo dovrebbe essere deciso lmeno nei tempi, il quando si dovrebbe iniziare dal bando al via vero e proprio. Non è così certo il come, ma sarebb già un segnale il decidere il quando. Parteciperanno tutti a questa riunione dal Ministero Istruzione, Forze Sociali e Miur

Prosegue il ciclo di incontri tra Miur e forze sociali e quello di domani è potenzialmente un appuntamento interessante per il Tfa terzo ciclo anche perché si discute di deleghe. Occorre però molta cautela perché tutte le speranze sono state finora disattese e i dubbi sul futuro sono decisamente maggiori delle certezze. Sembra infatti che anche i prossimi due mesi siano destinati a cadere nel vuoto ovvero non vedranno né l'attivazione del Tfa 2016 e né la pubblicazione del bando. Il Miur sta continuando a prendere tempo, assicurando comunque che la macchina lavorativa è in moto e soprattutto promettendo che un nuovo Tfa ordinario, forse l'ultimo, ci sarà.

Tra l'altro il Miur è adesso impegnato anche nella partita di ritrovare la normalità tra i banchi di scuola per ripartire dopo il terremoto. A Norcia, all'interno di un prefabbricato, così come a Cascia, con le classi delle superiori ospitate in un monastero. In una giornata fredda ma con il sole, che arriva dopo l'ennesima notte di scosse, con la più forte di magnitudo 4 vicino a Castelsantangelo sul Nera. "La scuola è il futuro dei ragazzi e se diamo loro la scuola restituiamo loro il futuro", sintetizza con voce emozionata la dirigente dell'Ufficio scolastico regionale Sabrina Boarelli. Una giornata, quella di ieri, caratterizzata dalla presenza del ministro dell'Istruzione Stefania Giannini che si è spostata tra Umbria e Marche.

Ma segnata anche dalle magliette dei ragazzi. Quelle con scritto I love Norcia indossate dagli alunni dell'Istituto omnicomprensivo Battaglia e quella con impresso #ilfuturononcrolla donata al ministro da Giuseppe Finocchiaro, presidente del Consiglio degli studenti dell'Università di Camerino. "Da qui non ci muoviamo e ripartiremo più forti di prima" le sue parole. La presidente umbra Catiuscia Marini ha sottolineato che la ripresa delle lezioni "è un segno di futuro subito, immediato, per Norcia e per la Valnerina. Un importantissimo segno di normalità per ragazzi e ragazze". A Norcia le lezioni si svolgono con i doppi turni (la mattina le superiori, il pomeriggio medie ed elementari) in attesa dell'ampliamento della struttura.

Sui banchi i ragazzi hanno trovato gli zainetti del Ministero con la scritta Tutti a scuola e il tricolore stilizzato. Dentro il diario, quaderni e altro materiale ma anche una copia della Costituzione. Con loro gli insegnanti hanno cercato di avviare un confronto sulle esperienze vissute e riprendere i progetti interrotti dal terremoto. "Cerchiamo di riportarli alla normalità", spiega una delle docenti. "La scuola è davvero il segnale che la comunità c'è e riparte" sottolinea il ministro Giannini, che parla di "un giorno di festa" per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il