BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie, prospettive novità con accordi giudizio congelato per novità Ape Social, quota 41, Ape Volontaria

Bloccato il giudizio comunitario sulle misure del nuovo testo unico italiano: avanti con i provvedimenti attuali, comprese le limitate novità per le pensioni annunciate




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:30): Potrebbe esserci un miglioramento per le novità per le pensioni, seppur difficile, se vincesse il no per non far cadere la maggioranza e avere un impatto più morbido. E se, invece, vincesse, il sì la stessa maggioranza potrebbe condere alla Cominità i decimali richiesti che seppur appare difficile, potrebbero essere sottratti dalle pensioni (che hanno anche già un budget basso e, quindi le ultime notizie ultimissime non fanno pensare ad ulteriori restirizioni)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 16:30): Ci possono essere scenari differenti in base a come andranno le consultazioni popolari, ma al momento a boccie ferme risulta chiaro come il veto sia un appoggio alla vittoria del sì o, comunque, a dare un appoggio generale all'attuale maggioranza. Ma cosa accadrà rispetto alle novità per le pensioni dopo? 

La Comunità ha congelato il giudizio ufficiale sulle misure del nuovo testo unico, novità per le pensioni comprese, fino ad inizio 2017, per capire come si concluderà il voto pubblico del prossimo 4 dicembre ed evitare di influire, negativamente, sul suo stesso risultato. Tutto dunque rimandato, come riportano le ultime notizie, e si tratta di una novità che, a quanto pare, sembra essere conveniente tanto per la maggioranza e il premier italiano, quanto per la stessa Comunità. Nonostante il giudizio rimandato, la Comunità comunque ha spiegato di mantenere gli accordi sulle spese per la questione migranti e per il terremoto. Ma l'Italia comunque rientrerebbero tra quei Paesi che a gennaio potrebbero essere bocciati.

Si tratta di una prospettiva negativa il cui silenzio attuale però, come riportano le ultime notizie, conviene al premier che non subirebbe influssi negativi sul suo operato in vista del voto di dicembre, potendo andare avanti, per ora, con le misure annunciate, comprese le ultime novità per le pensioni di mini pensioni e quota 41 che ancora, però, non convincono perchè troppo limitate e quasi inutili. Il giudizio congelato sulle misure del nuovo testo unico, stando alle ultime notizie, sarebbe conveniente anche per la stessa Comunità.

L'intenzione è, infatti, quella di non influenzare negativamente l'andamento del voto di dicembre, appuntamento al quale se dovesse vincere il no potrebbe risuonare come una ennesima protesta alle stesse politiche comunitarie, sulla scorta di quanto già accaduto in Inghilterra con la decisione della sua uscita dalla Comunità. E si tratta di un passo verso la totale instabilità che la Comunità non può permettersi. Per invertire, però, la tendenza delle sempre maggiori proteste contro le politiche comunitarie da parte di diversi Paese, basterebbe rendere più morbide quelle stesse politiche di austerità della Comunità che non stanno sortendo poi i risultati sperati nel processo di crescita economica. Tutto, infatti, è bloccato e le crisi dei Paesi in difficoltà comunque continuano. L’ideale sarebbe dunque ripensare la strategia di lavoro in modo da rimettere tutti, armoniosamente, sulla strada di un ritrovato sviluppo. Ma orientandosi verso nuove politiche, meno rigide.   

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il