BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie le differenze tra lista e agevolazioni Ape social, quota 41, volontaria

Si lavora ancora sugli elenchi delle mini pensioni non onerose per evitare di creare spaccature e privilegi tra lavoratori.




C'è evidentemente ancora molto da lavorare sulle novità per le pensioni ed è soprattutto il principale provvedimento, quello delle mini pensioni, siano esse onerose o meno, a essere ancora suscettibili di cambiamenti e parzialmente avvolte nell'incertezza. Di nuovo al centro dell'attenzione sono finiti gli elenchi di quei lavoratori che, svolgendo attività prevalentemente faticose, possono smettere anzitempo senza alcun esborso economico. Tra le proposte di cambiamento, peraltro con via libera da parte delle commissioni competenti. presentate al progetto delle novità per le pensioni ci sono anche quelle relative a queste liste ovvero all'allargamento della platea dei destinatari. Si tratta di una partita delicata perché il rischio è di creare spaccature e privilegi.

Provando a entrare nel dettaglio, la maggioranza ha incluso operai dell'industria estrattiva, dell'edilizia e della manutenzione degli edifici; conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni; conciatori di pelli e di pellicce; conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante; conduttori di mezzi pesanti e camion; professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni; addetti all'assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza; professori di scuola pre-primaria; facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati; personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia; operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti.

Con la proposta di cambiamento all'interno del contesto delle novità per le pensioni e che adesso sarà votata dall'intera Assemblea, trovano spazio anche lavoratori marittimi; lavoratori impiegati in attività di estrazione, importazione, lavorazione, utilizzazione, commercializzazione, trattamento e smaltimento dell'amianto; lavoratori in altezza come indicato nella tabella A allegata al decreto legislativo 11 agosto 1993, n. 374; operai agricoli; stuntman; operai occupati in attività di stampaggio a caldo che manipolano particolari in acciaio ad alte temperature; operatori socio sanitari; pescatori imbarcati a bordo ai sensi dell'articolo 115 del codice della navigazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il