BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie opzione donna rilevante segnale se martedì proroga sarà bollinata da Ragioneria per opzione donna

Nei prossimi giorni la situazione sulla proroga dell'opzione donna è destinata a diventare più chiara e si capirà se rientrerà nelle novità per le pensioni.




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:20): I primi numeri e cifre sono arrivati per le novità per le pensioni e sono stati comunicati dal Comitato Ristretto per le pensioni ai gruppi Online come confermano le ultime notizie e ultimissime. Non sono numeri alti, ma occorre capirli meglioda tutte le parti in gioco e ancora più importante per questo diventa il parere della Ragioneria

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:12):  Se martedì, il denaro necessario per le novità per le pensioni, e in particolare per l'opzione proroga donna, ricevesse la bollinatura della Ragioneria di Stato comer richiesto dalla ultime notizie e ultimissime sarebbe un segnale molto importante per la sua approvazione definitiva e ufficiale anche se bisogna andare sempre molto cauti

Siamo arrivati a uno snodo decisivo per la proroga dell'opzione donna. Le ultimissime notizie raccontano della circolazione dei numeri relativi al monitoraggio dell'Istituto nazionale della previdenza sociale ovvero dei risparmi a disposizione per ipotizzare il rinnovo dell'esperienza anche nel 2017, come ulteriore novità per le pensioni. Ebbene, tra budget effettivamente speso e quello già messo in conto in quest'ultimo mese e mezzo di quest'anno, lo Stato ha investito 102 milioni di euro. Di conseguenza, nelle casse statali sono rimasti 58 milioni di euro dei 160 stanziati con la manovra dello scorso anno. Difficile, almeno per ora, capire quali possano essere gli effettivi spazi di manovra.

Si ricorda che se l'autorizzazione di spesa è pari a 160 milioni di euro per il 2016, ammonta a 220 milioni di euro per il 2017 e a 200 milioni di euro a decorrere dal 2018. C'è poi un secondo aspetto da prendere in considerazione ed è quello del voto in commissione dell'emendamento relativo alla stessa proroga dell'opzione donna. Al di là del merito dei contenuti, la partita si gioca anche sul filo economico e l'eventuale bollinatura della Ragioneria generale dello Stato ovvero il visto di conformità, rappresenterebbe un altro punto a favore. La proposta prevede di estendere al 31 luglio 2016 anziché al 31 dicembre 2015 la tempistica per l'opzione donna per fare in modo che le nate nell'ultimo trimestre del 1958 possano rientrare in questa opportunità.

Sottoscritto da Cesare Damiano (Partito democratico), Walter Rizzetto (Movimento 5 Stelle), Davide Baruffi (Partito democratico), Tiziano Arlotti (Partito democratico), Cinzia Maria Fontana (Partito democratico), Antonio Boccuzzi (Partito democratico), Titti Di Salvo (Partito democratico), Luisella Albanella (Partito democratico), Floriana Casellato (Partito democratico), con l'opzione donna viene permesso alle lavoratrici di ritirarsi qualche anno prima rispetto ai requisiti in vigore, rinunciando a una parte dell'assegno perché calcolato con il contributivo. Il congedo sarebbe possibile a 57 anni e 3 mesi di età con 35 anni di contributi per le dipendenti o a 58 anni e 3 mesi per le autonome.

In ogni caso, sembrano aver fatto centro le pressioni delle potenziali beneficiare del provvedimento, riunite nel gruppo Facebook Comitato Opzione Donna Proroga 2018, che avevano hanno fatto predisporre e spedire una diffida ufficiale a ottemperare a quanto la stessa maggioranza ha approvato lo scorso anno. Il ministro del Tesoro era stato invitato "a rendersi interprete delle istanze delle diffidanti per veder apportare gli opportuni ed anzi necessari emendamenti alla legge di stabilità attualmente all'esame delle Camere" affinché sia contemplata l'opzione donna, anche in relazione alla "puntuale e corretta attività di monitoraggio delle risorse e delle economie di spesa".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il