BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41, quota 100 emendamenti ufficiali approvati, cancellati, sospesi

Gli emendamenti ufficiali relativi alle novità per le pensioni approvati, cancellati, sospesi e prossime discussioni attese a Palazzo Madama




Entro domani si preparano a chiudersi le votazioni dei diversi emendamenti presentati alle misure del testo unico, compresi quelle sulle novità per le pensioni, poi il testo approderà in Aula, dove le ulteriori votazioni dovrebbero chiudersi entro domenica 27 novembre per il successivo passaggio del testo unico a Palazzo Madama, ma solo all’indomani dell’esito della consultazione popolare che si terrà il prossimo 4 dicembre. Da lunedì 28, però, scatterà il blocco delle discussioni sul testo unico che, come confermano le ultime notizie, riprenderanno poi il 5. In questi ultimi giorni, sono stati diversi gli emendamenti approvati e respinti, così come quelli sospesi, riguardanti anche le stesse novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 annunciate e che continuano a non piacere. In pratica, gli emendamenti sospesi sono quelli presentati dal Comitato ristretto che probabilmente torneranno in discussione a Palazzo Madama, anche se restano diversi ostacoli comunque da superare, da problemi tecnici a problemi di perdurante mancanza di soldi. Ma a Palazzo Madama, una volta che riprenderanno le discussioni, certamente si parlerà anche delle ultime notizie sull’esito della consultazione istituzionale.

Gli emendamenti alle novità per le pensioni presentati dal Comitato ristretto e sospesi, come riportano le ultime notizie, riguardano l'abbassamento della percentuale di invalidità fissata al 75% ma che si vorrebbe abbassare al 60% per la mini pensione senza oneri; la riduzione di 12 mesi della contribuzione necessaria per la mini pensione senza oneri per coloro che svolgono occupazioni faticose; e un allargamento delle professioni da considerare faticose per la richiesta di mini pensione senza oneri.

Le ultime notizie confermano, poi, la bocciatura di alcuni emendamenti relativi alle novità per le pensioni, tra cui quello di richiesta di inserimento di nuove professioni tra le occupazioni faticose; la possibilità per tutti coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale di pensionamento con 40 anni di contributi; la richiesta di modifica del meccanismo della speranza di vita e la cancellazione dell’adeguamento alla speranza di vita per i quota 41; e l'emendamento relativo ai lavoratori della scuola. Sono stati, invece, approvati altri emendamenti, sempre relativi a novità per le pensioni, dalla introduzione delle maestre d'asilo e asilo nido tra gli impieghi faticosi che potranno accedere alla mini pensione senza oneri e alla quota 41, con 12 mesi di contribuzione maturati entro il 19esimo anno di età; allo stanziamento di ulteriori 150 milioni di euro per il Fondo indigenza nel 2017.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il