BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Ape social, quota 41, Ape volontaria, opzione donna proroga, esodati approvata ufficiale Camera

Sono arrivati nuovi cambiamenti alle novità per le pensioni prima del voto generale dell'Aula di Montecitorio.




Al fotofinish sono passati altri cambiamenti al progetto delle novità per le pensioni. Tra i più interessanti c'è senza dubbio il cumulo gratis dei contributi anche per i professionisti alle prese con casse privatizzate. Dal punto di vista economico è prevista una spesa di 210 milioni di euro nei primi tre anni di applicazione che diventano 100 milioni di euro dal 2019. Stando ai calcoli dell'Istituto nazionale della previdenza sociale, la platea degli interessati nei prossimi tre anni si aggira tra 34 e 35.000 professionisti per poi stabilizzarsi tra i 13 e i 15.000 ogni anno.

Capitolo mini pensioni, ecco i cambiamenti ai termini sul diritto di recesso ed equiparazione dell'Ape al credito dei consumatori. Senza dubbio tra i principali provvedimenti che hanno ottenuto il primo via libera c'è quello che riguarda la proroga dell'opzione donna. Non si tratta del rinnovo della prosecuzione dell'esperienza, rispetto a cui i giochi sono comunque aperti. Il cambiamento approvato prevede l'estensione dal 31 dicembre 2015 al 31 luglio del 2016 dell'opzione donna, così da consentire l'inclusione delle lavoratici nate nell'ultimo trimestre del 1958. Stando infatti alle norme in vigore, quelle relative all'aumento delle aspettative di vita, rimarrebbero infatti alla porta.

Resta adesso da capire se ed eventualmente in che modo la maggioranza vorrà accendere il semaforo verde per la proroga di un anno. In questo contesto vale la pena ricordare il provvedimento per le lavoratrici autonome di congedo per violenza di genere. Si tratta del diritto all'estensione dal lavoro nella misura massima di tre mesi con diritto a percepire una indennità giornaliera dell'80% del salario minimo. Allargata infine l'area di esenzione fiscale anche ai trattamenti pensionistici per le vittime del dovere e ai loro familiari superstiti e disco verde all'estensione a ulteriori 3.000 esodati dell'ottava salvaguardia. Di conseguenza la platea dei destinatari passa da 27.700 a 30.700 interessati con ulteriore impegno economico per lo Stato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il