BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni APE, quota 41 non saranno fatti pur in bilancio conferenza stampa Renzi pomeriggio

Le ultime posizioni e affermazioni di Berlusconi, Salvini, Di Maio su futuri possibili scenari politici ed eventuali impatti su novità per le pensioni




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:57): L'affermazione non saranno fatti è forte, ma fa comprendere come alla fine effettivamente le mini pensioni Ape, quota 41 e le altre novità per le pensioni realmente oltre ad un rischio di congelamento che trapela dalle ultime notizie e ultimissime è come se non saranno fatte, avranno una vita molto, molto breve se ce l'avranno. E nel pomeriggo odierno vi dovrebbe essere anche una conferenza stampa di Renzi dove si analizzerà l'iter fin qui portato avanti e si potrà, forse, capire le intenzioni per le novità per le pensioni e altri argomenti rilevanti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:04): E saranno eliminati a breve anche sia se vince il sì o il no queste novità per le pensioni. Se vince il sì saranno portati avanti, ma come detti fino al prossimo voto e con un numero limitato di beneficiari. Se vince il No, non saranno eliminati del tutto, ma con buone probabilità saranno congelati e vi sarebbero un ulteriore ritardo oltre a quello già previsto che sarà forte, per i dievrsi problemi che abbiamo visto e che rivedremo nel dettaglio

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:33):  Proprio per questo motivo, comunque, andrà a finire i metodi per le novità per le pensioni appena approvati saranno eliminati a breve per diversi motivi, il primo in assoluto è che con le mini pensioni ape e quota 41 sono solo temporanei, servono per sostenere chi ha più bisogno e non sono delle vere novità per le pensioni. Come abbiamo visto le elezioni ci saranno sicuramente se prima o dopo, le ultime notizie sono coconrdai che il tema della novità per le pensioni sarà decisivo e, dunque, come la staffetta, se nona vranno un successo incredibile, saranno eliminate a breve.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:14): C'è da dire che entrambi questi tre esponenti, comunque, vada sono contrari non solo alle novità per le pensioni appena fatte, ma nei programmi mettono il rifacimento completo del sistema delle pensioni tra i primissimi punti. E tutti i candidati che si sono succeduti tra i favoriti di Berlusconi lo avevano nei tra le priorità, almeno a parole come confermano le ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:03): Se dovesse rientrare in campo in modo forte e deciso Berlusconi, almeno dalle ultime notizie e ultimissime, si potrebbe pensare ad un accordo stretto con la Lega, ma più facilmente, paradossalmente, con l'attuale maggioranza per un esecutivo tecnico che potrebbe durare per trovare il metodo giusto per elezioni o ancora fino a fine mandato. Più si va per le lunghe, più chiaramente questo andrebbe a discapito delle novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:47):  I movimenti più importanti, alcuni dei quali sottotraccia, ma altro che stanno diventando sempre più evidenti si iniziano a capire chiaramente da parte non solo della maggioranza ma soprattutto delle opposizione e saranno fondamentali per le novità per le pensioni. Le stesse opposizioni si dicono pronte ad apportare novità nella seconda fase di questo iter, ma sarà molto difficile, mentre come chiariscono le ultime notizie e ultimissime sarà davvero molto più probabile nel medio termine e su questo Berlusconi, Salvini, Di Maio ma non solo si muovono per alleanze, accordi che al momento, però, rimangono ancora abbastanza mutevoli e "dinamici"

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01):  Non è semplice vedere o anche semplicemente intravedere delle novità per le pensioni nel brevissimo, ma si possono capire discretamente bene i movimenti delle principali forze dalle ultime notizie e ultimisssime e tutte possono portare per le pensioni novità molto significative.

Scenari politici italiani pronti a cambiare, fronti alternativi alla maggioranza del premier già pronti e annunciati, piani di lavoro ben chiari per riportare l’Italia a crescere: ma quanto poi potranno essere vere queste promesse? Certo, le ultime notizie sulle condizioni di vita di Italia e italiani non sono certo tanto positive da portare a dire che l’attuale maggioranza è stata effettivamente in grado di far ripartire il nostro Paese, nonostante continue informazioni su una crescita, seppur moderata e lenta, dell’economica del Belpaese. E ora si guarda con particolare attesa all’esito del voto di domenica prossima 4 dicembre. Stando alle ultime notizie, infatti, potrebbe trattarsi dell’appuntamento che potrebbe segnare una vera a propria svolta in caso di sconfitta del premier. Nuovi scenari politici che avrebbero, come si può ben immaginare, diversi effetti anche su novità per le pensioni e altri temi tanto cari ai cittadini. A far sentire la sua voce in questi ultimi giorni, il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, che anche in caso di sconfitta del premier al voto di domenica prossima, non augura una caduta dell’esecutivo, spiegando che il premier manterrà la sua carica, visto che comunque detiene la maggioranza, e che bisognerà, però, rimettersi a lavoro per la definizione condivisa di un nuovo sistema di votazioni elettorali.

La posizione di Berlusconi, pur fermamente convinto di votare no, sembra dunque quella di apertura a nuovi confronti con il premier sulla questione elettorale. Ma molto di sarebbe da fare all’indomani della consultazione pubblica nel caso di vittoria del no. Ogni eventuale scenario politico che ne deriverebbe avrebbe impatti sulle novità per le pensioni, sia perché la stessa maggioranza rilancerebbe sul tema particolarmente caro ai cittadini, sia perché le forze di destra in generale, da Forza Italia alla Lega, ma anche il Movimento 5 Stelle, sono sempre state dalla parte di una necessaria revisione delle attuali norme pensionistiche, soprattutto perché collegate al lavoro, ma anche perché causa di diversi problemi sociali. Lo stesso Berlusconi, infatti, ha sempre sostenuto novità per le pensioni a partire da un aumento delle pensioni inferiori che, a suo parere, dovrebbero essere almeno di mille euro per tutti. Non diversa la posizione del leader della Lega, Matteo Salvini, sulla questione pensioni. Anzi, Salvini è colui che ha proposto addirittura l’abolizione totale dell’attuale normativa previdenziale, con ritorno alle precedenti regole pensionistiche , favorevole anche al taglio delle elevate pensioni degli alti esponenti istituzionali.

E ora, in vista della consultazione pubblica e, suo dire, di una sperata sconfitta del premier, lancia un progetto di una nuova Lega Nazionale, più federalista, pronto a candidarsi ufficialmente alla guida di Italia, annunciando già una squadra fatta. Secondo le ultime notizie, infatti, Salvini avrebbe già scelto i suoi eventuali uomini, da Giorgetti sottosegretario alla presidenza del Consiglio, alla Meloni al Viminale, a Borghi Aquilini all’Economia, a Fedriga agli Esteri, tra gli altri. E una squadra che si preparerebbe a dare vita d una Italia decisamente diversa da quella attuale. Ma le intenzioni di Salvini dovranno vedersela con quelle di Luigi Di Maio del M5S, anche lui pronto alla candidatura di premier, come del resto già annunciato mesi fa.

Ad accomunare i due leader la volontà di attuazione di novità per le pensioni che nulla abbiano a che fare con le attuali novità per le pensioni di quota 41 e mini pensione ristrette e con ancora molti paletti. Ma stando alle ultime notizie, sembra che in questi ultimi giorni tra Lega e M5S si siano verificati nuovi dialoghi, quasi alla ricerca di una definizione, secondo quanto emerge dalle ultime e ultimissime notizie, di un Patto anti-Nazareno da contrapporre ad eventuali nuovi accordi che potrebbero essere nuovamente definiti tra premier e Silvio Berlusconi. Una sorta di dichiarazione di intenti pensata, forse, all’indomani delle ultime affermazioni del leader di Forza Italia che ha chiaramente spiegato come anche in caso di vittoria del no, il premier dovrebbe rimanere in carica aprendo, però, a modifiche concrete e revisioni delle norme elettori proposte ma fallimentari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il