BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni ape, quota 41 si aggiunge e si affianca una ulteriore mini pensioni inedita per tutti

Tra le ultime novità per le pensioni spunta una inedita mini pensione per il mondo femminile: prime indiscrezioni e ipotesi




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO nel testo ore 10:36)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30): L'idea appena, appena solo abbozzata sarebbe quella di abbbasare i requisiti, ma insieme a condizioni meno stringenti, chiedere una penalità non alta come il 30% attuale, ma comunque esserci per questa novità per le pensioni mentre per le attuali mini pensioni si tratta solo di un ponte, senza penalità. E' comunque, molto difficile parlarne per la scarsità di ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:22): Non ne avremmo parlato se non ci fosse stato detto da più persone affidabili a cui è stata spiegata questa novità per le pensioni da uno dei più autorevoli decisori proprio per le novità per le pensioni. E' un metodo da considerare che potrebbe anche coinvolgere tutti ma prima bisogna portare a termine perlomeno quelli già iniziati seppur tanto criticati nelle ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Non sono ancora definite le mini pensoni con oneri e senza oneri o la stessa quota 41 perchè da come è stata formulato lo stesso testo molto (e anche di significativo) verrà deciso solo dopo tramite trattative e decreti ancora da fare che si affaccia un nuovo tipo di mini pensioni che sarebbe pensata per determinate categorie ma che potrebbe ampliarsi. E' solo un primo abbozzo, primissimo ma ne parliamo perchè lo studio è stato confermato da autorevoli esponenenti nelle ultime notizie e ultimissime

Continuano ad arricchirsi di ultime notizie le discussioni sulle novità per le pensioni: si tratta di un capitolo ormai di chiaramente cruciale per cittadini, tra lavoratori e pensionandi, ma anche per un rilancio dell’occupazione giovanile, che significherebbe anche nuova spinta all’economia, in generale. Ci si aspettava, da tempo, un importante cambiamento delle attuali norme pensionistiche, che continuano a penalizzare soprattutto determinate categorie di lavoratori, ma che stenta ancora ad arrivare. L’ostacolo più grande all’attuazione di profonde novità per le pensioni è la disponibilità di un budget decisamente ristretto su cui poter contare, ma non è da sottovalutazione una volontà politica che, come dimostrano le ultime notizie, non è poi così tanto orientata a modificare le attuali pensioni. Nel grande dibattito di novità per le pensioni migliori da introdurre, le ultime e ultimissime notizie riportano una nuova indiscrezione relativa alla ipotesi di introdurre una mini pensione da declinare tutta al femminile e che prenda spunto dallo stesso contributivo femminile attualmente in vigore.

Si tratterebbe, in sostanza, di una mini pensione inedita, che varrebbe solo per le donne e che potrebbe richiedere gli stessi requisiti pensionistici oggi richiesti dal contributivo femminile, vale a dire 57 anni e sette mesi di età per le lavoratrici statali e 58 anni e sette mesi per le lavoratrici private e autonome, e almeno 35 anni di contributi per entrambe le categorie di lavoratrici. Si tratta di una indiscrezione di cui non si conosce ancora molto a parte queste prime linee guida appena riportate e che sarebbero tutte da analizzare. E’ possibile, stando a quanto trapelato dalle ultime notizie, che gli stessi requisiti anagrafici e contributivi richiesti dal contributivo femminile che permettere alle donne lavoratrici di lasciare anzitempo la propria occupazione attualmente piuttosto che attendere la soglia dei 66 anni e sette mesi, possano essere accompagnati da penalità che, però, sarebbero maggiori rispetto a quelle richieste dall’attuale mini pensione, perché questo sistema al femminile abbasserebbe ancora l’età pensionabile rispetto ai 63 anni richiesti dalla mini pensione, portandola, appunto, a 57, 58 anni.

Si tratta di un notevole abbassamento dell’età pensionabile che potrebbe ben giustificare le elevate penalità che sono già previste ora dal contributivo femminile e che si traducono in tagli della pensione finale fino al 30% per le donne che decidono di lasciare anzitempo la propria occupazione con tale meccanismo. Non si sa, però, se anche nel caso di una eventuale mini pensione per le donne, le penalità sarebbero comunque più o meno sulla stessa percentuale o leggermente inferiori, quanto meno per definire la convenienza di questa eventuale ulteriore novità per le pensioni. D’altro canto, però, questa nuova proposta di novità per le pensioni potrebbe creare qualche perplessità proprio perché esclusivamente rivolta alle donne. Come ben sappiamo, infatti, lo stesso meccanismo di pensionamento anticipato del contributivo donna è finito nel mirino della Comunità che ha chiaramente chiesto al nostro Paese il motivo per cui le donne avessero la vantaggiosa possibilità di lasciare anzitempo la propria attività rispetto agli uomini, costretti a lavorare più a lungo.

Le risposte date da nostro Paese sono state insoddisfacenti, tanto che la stessa Comunità ha invitato l’Italia ad allineare l’età pensionabile di uomini e donne, e si sta ancora discutendo di come effettuare tale allineamento, se, cioè, aumentare l’età pensionabile per le donne o abbassare anche quella degli uomini, tanto che si era pensato ad una estensione del contributivo femminile anche al mondo maschile. Ipotesi caduta poi nel dimenticatoio, come dimostrano le ultime notizie. Del resto, se i soldi sono pochi per prorogare questo meccanismo per le stesse donne, di certo mancano per poter coinvolgerci anche gli uomini. Probabilmente, però, il problema di mettere a punto una mini pensione solo al femminile non sarebbe poi così insormontabile, considerando che anche la novità per le pensioni del contributivo femminile sembrava difficile potesse essere approvata solo per le donne ma così è accaduto.

In ogni caso, come già detto, in riferimento a queste ultime notizie sulla eventuale mini pensione esclusivamente per le donne, si tratta solo di ipotesi e non di una novità che rientrerà nel nuovo testo unico, né tanto meno dovrebbe rientrare nel prossimo Milleproroghe. E’ possibile, magari, come ipotizzano sempre le ultime e ultimissime notizie, che questa inedita novità per le pensioni possa essere inserita in un provvedimento ad hoc il prossimo anno, o rientrare nel testo unico sempre dell’anno prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il