BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rinnovo pubblico, statali contratti, docenti, militari, aumento stipendio: trattative continuano per emendamento in Senato

Atteso probabilmente in Senato nuovo emendamento per lo sblocco della contrattazione pubblica e rinnovi: situazione e cosa aspettarsi




Dopo il primo appuntamento di confronto tra esecutivo e forze sociali, tenutosi nei giorni scorsi e sospeso, sulla questione del rinnovo della contrattazione dei dipendenti pubblici per lo sblocco degli stipendi fermi ormai da sette anni, si attendono risposte ufficiali sulle ipotesi messe sul tavolo. Si parlerebbe, secondo quanto annunciato dallo stesso ministro della P.A. Madia, di un possibile aumento di 85 euro. Si tratta di una cifra che le forze sociali ritengono di un livello minimo di rialzi, considerando che si parla di stipendi bloccati da molto tempo, e per cui chiedono che vengano inclusi in tale provvedimento anche i lavoratori della scuola. Ci si chiede, a questo punto, quando potrebbe effettivamente diventare ufficiale questo provvedimento anche se le idee non sono ancora molto chiare e decise. Probabilmente se ne riparlerà non lunedì ma in sede di discussione delle misure inserite nella nuova legge di bilancio in Senato.

All’indomani della comunicazione dell’eventuale incremento medio pro capite di 85 euro, stando a quanto dichiarato dallo stesso ministro della P.A., bisognerà procedere con una verifica delle risorse. Come emerso dalle ultime notizie, infatti, le coperture attuali non basterebbero. La cifra che, infatti, è stata stanziata per il rinnovo della contrattazione pubblica è pari a 1,9 miliardi totali, ma a più riprese è stata considerata insufficiente, perché destinata a coprire anche il rinnovo degli 80 euro alle forze dell'ordine e le nuove assunzioni della Pa. Inoltre, bisogna anche considerare eventuali novità inerenti il superamento della legge Brunetta per la distribuzione dei premi e il piano di stabilizzazione dei precari. Servirebbero, dunque, più soldi.

Se, dunque, dovessero essere definiti i cambiamenti comuni tra quelli richiesti, dall’aumento della cifra stanziata per il rinnovo della contrattazione pubblica al cambiamento di alcune regole previste, a partire dalle norme della legge Brunetta, allora è possibile attendersi un nuovo emendamento in  Senato che dovrebbe definire un reale aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici.

Il rinnovo dei contratti degli statali riguarderà anche le forze dell’ordine, per cui dovrebbe essere definita una loro la riorganizzazione e un aumento degli stipendi. Tra le forze di polizia interessate dallo dagli aumenti degli stipendi vi sono i vigili del fuoco, le forze dell’ordine e le forze armate. Intanto, sono state respinte le modifiche sul piano di assunzioni straordinario e sul rifinanziamento del fondo nazionale per i ricorsi legati ai contratti dei docenti e sono state prorogate a fine 2017 sia le graduatorie dei concorsi pubblici per le assunzioni a tempo indeterminato, sia le graduatorie di Polizia e Vigili del fuoco.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il