BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su Ape Social, Ape Volontaria, Quota 41 pensioni da Marcon, Franco, Gnecchi

Le ultime posizioni e affermazioni di Franco, Gnecchi e Marcon su ultime novità per le pensioni approvate, ulteriori richieste e modifiche e vantaggi




Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:08 nel testo)

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:44): Quali potrebbero essere le novità per le pensioni a Palazzo Madama? Poche al momento o quasi nulla e qualsiasi sarà l'esito di domenica sembra che poco potrà incidere sulle novità per le pensioni o altre messe già in cassaforte. Ci sono ancora affermazioni di chi vuole migliorare nelle ultime notizie e ultimissime e alcune speranza lasciate aperte, ma davvero con molti distinguo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): Il confronto sulle novità per le pensioni continua a essere aperto, anche se è scivolato in secondo piano nell'attualità per via della contingenza dell'approvazione dell'iter, la cui prossima tappa sarà quella di Palazzo Madama, e della consultazione popolare, come riferito in continuazione dalle ultime e ultimissime notizie.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): C'è un tratto comune che lega i principali esponenti dei vari schieramenti. Sulla base della lettura delle affermazioni più recenti e delle ultime e ultimissime notizie, tutti le novità per le pensioni dall'Ape volontaria alla social passando per la cosiddetta quota 41, potrebbero essere facilmente migliorati. Ma complici anche le scadenze elettorali, l'attenzione è spostata altrove.

Cambiano le pensioni o, quanto meno, dovrebbero essere approvate novità per le pensioni che, sempre dovrebbero, entrare in vigore dal prossimo anno, ma stando alle ultime notizie non si ha ancora alcuna ufficialità in merito. Stando a quanto riportato, l’ape, il nuovo sistema di prepensionamento fino a tre anni rispetto all’attuale soglia dei 66 anni e sette mesi, dovrebbe entrare in vigore dal prossimo mese di maggio 2017 ma non si ha certezza di questa data, considerando che si attendono ancora i Dpcm che stabiliranno ufficialmente regole di funzionamento di ape e quota 41 con tanti paletti e tempi effettivi di entrata in vigore. Si tratta, tuttavia, come ormai ben noto, di novità per le pensioni che continuano a creare polemiche e malcontenti, tanto tra i potenziali interessati, cioè lavoratori e pensionandi, tanto tra le stesse forze politiche e sociali che chiedono ulteriori cambiamenti e modifiche per rendere vantaggio le novità per le pensioni. Si sa, come confermano le ultime notizie, che le novità per le pensioni più importanti, come novità per le pensioni di quota 100 o di quota 41 per tutti sono state rimandate per mancanza di budget e, probabilmente, come annunciato da alcuni tecnici della maggioranza, insieme alla revisione del meccanismo delle speranze di vita, potrebbero essere riprese in una cosiddetta fase due di lavoro sulle novità per le pensioni.

Nel frattempo, si vanno sempre meglio definendo dettagli relativi ad ape volontaria, ape social e quota 41 limitata così come attualmente modulata, con ulteriori richieste di miglioramenti, che saranno discusse dalla prossima settimana, relative esclusivamente ad ape social e quota 41. Nulla in riferimento all’ape volontaria, nulla nemmeno in riferimento alla quota 41 per tutti. A fronte delle ultime notizie di questi giorni che hanno riportato annunci di necessarie verifiche di copertura per l’ape, come dichiarato dallo stesso ministro dell’Economia, Daniele Franco, presidente dei ragionieri di Stato, dovrebbe aver validato le novità per le pensioni, come era stato richiesto per questa fase dell’iter al gruppo che controlla il budget. Ma si tratta di una informazione per cui è d’obbligo utilizzare il condizionale, considerando che si tratta di ultime notizie implicite, non ufficiali. Bisogna, dunque, attendere la conferma ufficiale della convalida delle ultime novità per le pensioni.

Dal canto suo, Maria Luisa Gnecchi. Che fa parte del Comitato ristretto per le pensioni, ha lasciato spazio ad aperture e miglioramenti per l'Ape Social ma ha rilanciato, ancora una volta, sulla necessità di ulteriori modifiche della novità per le pensioni di quota 41. Tramontata la possibilità di una quota 41 per tutti, ormai chiaramente infattibile al momento a causa delle troppe risorse economiche che sarebbero necessarie e di cui lo Stato non dispone, la Gnecchi, come del resto l’intero Comitato ristretto, attendono anche le risposte ad ulteriori miglioramenti alle novità per le pensioni richiesti, come la riduzione di 12 mesi della necessaria contribuzione per l’accesso all’ape social da parte di chi è impegnato in occupazioni faticose ed estensione della lista delle stesse occupazioni faticose per l’accesso all’ape social e alla quota 41.  Ricordiamo che è stata già bocciata la richiesta, presentata sempre dal Comitato ristretto, di abbassamento della percentuale di invalidità dal 75 al 60% per l’accesso all’ape social.

Con le sue ultime affermazioni, Giulio Marcon di Sinistra Italiana, nel corso del confronto a Montecitorio, stando a quanto riportano le ultime notizie, ha sottolineato che le novità per le pensioni finora approvate non hanno toccato assolutamente l’impianto dell’attuale struttura delle norme pensionistiche in vigore, definendo l’Ape una vera a propria ‘truffa’ ai danni dei lavoratori, lasciando ancora una volta da parte tutte le proposte di modifica e di novità per le pensioni che sarebbero finalmente state importanti per la tutela di tutte quelle categorie di lavoratori, come chi svolge occupazioni faticose o chi è entrato giovanissimo nel mondo occupazione, che sono state fortemente penalizzate dall’entrata in vigore delle attuali norme pensionistiche. Le ultime novità per le pensioni dell’ape, secondo Marcon, non rappresenterebbero le giuste modifiche da apportare alle attuali regole previdenziali, e anzi, come sostengono in tanti, anche per lui rischiano di rivelarsi inutili e inefficaci.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il