BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa terzo ciclo, aumento stipendi tra domani e dopodomani definizione. Da oggi via bonus online 500 euro docenti. Come fare

Al via una due giorni importante per il futuro del personale della scuola con possibili implicazioni anche per il Tfa.




Si entra in una due giorni importanti per la scuola italiana. Tra domani e giovedì sono infatti in corso due riunioni che avranno conseguenze sui docenti italiani, anche in ottica Tfa. Innanzitutto, forze sociali e maggioranza si incontrano domani sulla questione del rinnovo del contratto degli statali, con le sigle sindacali intenzioni a far rientrare anche il personale della scuola. In ballo, stando a quanto riferito dal responsabile del Tesoro, c'è un aumento medio di 85 euro al mese che però andrebbe a confliggere con il bonus di 80 euro già percepito. Di conseguenza si tratta di una partita tutta da giocare e di cui l'esito è ancora tutta da scrivere.

Giovedì dovrebbero incontrarsi di nuovi i rappresentanti di Miur e organizzazioni sindacali sulle questioni più specifiche della scuola e nel capitolo delle deleghe potrebbe saltare fuori anche il Tfa terzo ciclo ovvero le sue prospettive e i tempi di attivazione. Anche in questo caso il condizionale è d'obbligo perché sono stati troppi gli annunci disattesi e gli appuntamenti disertati.

Tra le novità di queste ultime ore si segnala poi l'attivazione ufficiale del portale della Carta del docente (cartadeldocente.istruzione.it) per usufruire del bonus di 500 euro. Il nuovo sistema consente agli insegnanti di avere uno strumento elettronico per effettuare e tenere sotto controllo i pagamenti. Le somme relative all'anno scolastico 2016-2017 eventualmente già spese dal primo settembre 2016 al 30 novembre 2016 - rende noto il Ministero dell'Istruzione - dovranno essere registrate attraverso la piattaforma digitale e saranno erogate ai docenti a seguito di specifica rendicontazione dalle scuole di appartenenza. In ogni caso è indispensabile disporre dell'identità digitale Spid.

Si tratta di un codice unico che consentirà di accedere, con una sola username e un a sola password anche a servizi esterni a quelli del mondo della scuola. In ogni caso, dal 30 novembre, giorno di apertura del sito ai docenti, è attivo un call center dedicato all'utilizzo della Carta per supportare gli insegnanti. I buoni di spesa generati dai docenti daranno diritto a ottenere il bene o il servizio presso gli esercenti o gli enti di formazione registrati con la semplice esibizione su smartphone o tablet. Come precisato ulteriormente dal Miur, i 500 euro della Carta del docente possono essere spesi in qualunque momento nel corso dell'anno scolastico anche per iniziative coerenti con le attività individuate nell'ambito del piano triennale dell'offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il