BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sondaggi referendum clandestini aggiornati a oggi venerdì' uno appena fatto rivoluzionario,dati voti estero e ulteriori previsioni

A dominare è l'incertezza: anche i stessi sondaggi clandestini aggiornati sul referendum costituzionale non sono perfettamente concordi.




AGGIORNAMENTO:  Arrivano dalla maggioranza una serie di indsicrezioni che parlano di un voto all'estero con una fote affluenza e con, dai rilievi e sondaggi, una vittoria del sì al 75%. Dall'altra parte altri sondaggi clandetsini aggiornati sempre ad oggi questa mattina e ad inizio pomeriggio parlando di un distacco ancora favorevole al no del 6% quasi tutti.

AGGIORNAMENTO:  Ci è arrivato il sondaggio che appare "rivoluzionario" e che è stato finito di essere realizzato questa mattina da chi si occupa di equitazione. Vi sarebbe un risultati aggiornato per questo sondaggio clandetsino di un testa a testa tra sì e no, che avrebbe margini di uno zero virgola e dove dovrebbe vincere per la prima volta con un sorpasso anche se di pochissimo il sì (prima volta dalle loro ultime rilevazioni e previsioni) con un sì al 50,3% e un no al 49,7%. tutti gli altri, però, al momento è bene sottolineare danno risultati come i precdenti ovvero - 6, -8% con il no vincente.

AGGIORNAMENTO:  Vi sono ancora cambi di scenari molto interessanti e che non è la prima volta che avvengono in questa settimana concitata nei sondaggi clandestini. Ieri si parlava di un ritorno del no a +8% e +10%. Ma oggi venerdì tutti i sondaggi clandestini, tranne uno, ritornano a vedere un certo avvicinamento del sì che si mantiene comunque ancora a -6%. E poi vi è una altra rilevezione, previsione totalmente nuova che dovremmo ricevere a breve e che indica nuovi risultati ancora più ecclantanti

AGGIORNAMENTO: E' arrivato anche un nuovo sito web che fornisce sondaggi clandestini e vietati che usa la metafora del calcio con una sfida tra Novara e Siena. E anche in questo spiega che dopo un recupero del sì, ore le distanze sono tornate ad 8 punti con un no vincente. Negli altri sondaggi clandestini come visto sotto siamoa  circa 10% di distanza

AGGIORNAMENTO: Occorre, invece, secondo noi fare molta attenzione a quanto alcuni riportano che tramite analisi dell'online, dell'Internet italiano si può evincere una parità tra sì e no. Detto che la parità ci può stare, comunque, anche perchè martedì gli stessi sondaggi clandestini la davano ed è una situazione piuttosto mutevole, è da sottolineare come per diversi motivi l'online non è mai stato rapprsentativo nè in Italia nè all'estero per un voto e soprattutto in Italia ha numerose limitazioni che vedremo.

AGGIORNAMENTO:  I nuovi sondaggi, portano alla vittoria più netto del no che ritorna a delle belle distanze, e tutto sembra ruotare intorno alla figura di Berlusconi ma non solo come spiegato in questo nuuovo articolo a questo link diretto con tutti i dati aggiornati a oggi. Per chi volesse leggere, invece, le rilevazioni interne degli schieramenti e i sondaggi esteri può continuare a leggere l'articolo sotto

AGGIORNAMENTO:  Ritorno ad essere simili i sondaggi clandestini dopo una serie di differenze che vi erano state ieri e soprattutto l'altro ieri. E sembrano vedere un recupero del no con un forte distacco di 10 punti come era iniziata questa settimana. Le rilevazione interne invece dicono sempre altro. C'è una variabile molto importante sulla crescita del no, che arriva dai sondaggi clandestini di oggi che viene attrbuita a Berlusconi. 

AGGIORNAMENTO: Gli stessi sondaggi clandestini sono in contrasto tra loro e ogni giorno continuano a cambiare con percentuali molto dinamiche che una volta sembrano avvicinare il sì, mentre un altra distaccarlo. Le previsioni estere apppaioni più nette, ma lo sono fin troppo, forse. Stessa cosa dei sondaggi clandestini e vietati avvine invece nei sondaggi interni ai vari schieramenti dove si alternano momenti di relativa euforia per il sì o per il no con successivi cali sia di percentuale che di umore.

Non è facile riuscire ad affermare con certezza chi vince tra il sì e il no al referendum costituzionale di domenica prossima. E gli stessi sondaggi clandestini aggiornati non sono in grado di fornire indicazioni precisioni. Dalla loro lettura giorno dopo giorno, sia quelli proposti da corse clandestine di cavalli sia quelli per scelta del papa passando per le nuove rilevazioni che ruotano attorno alla previsione di vendita di auto. Se tutti indicano una progressiva riduzione delle distanze tra le parti, ci sono anche alcune evidenti informazioni contrastanti così come diversi elementi trascurati nei sondaggi e che potrebbero fare realmente differenza.

A tal proposito è interessante il sondaggio clandestino di YouTrend ovvero quello che registra l'andamento delle opinioni degli italiani rispetto alle modifiche proposte alla Legge Fondamentale dello Stato Vaticano che altro non è che la Costituzione. Ebbene, la differenza tra le parti non solo è minima ma è in vita di assottigliamento considerando che San Norberto (il fronte deciso a votare no domenica prossima) esibisce 52 cardinali e 3 parrocchie mentre San Simplicio (il fronte del sì) è dietro con 47 cardinali e 7 parrocchie. E c'è soprattutto un dato da prendere in considerazione: non è conteggiato il voto dei nunzi apostolici all'estero ovvero del voto degli italiani all'estero. E in una partita che si gioca scheda per scheda, ogni preferenza da una parte o dall'altra può essere decisiva.

Poi c'è chi, come The Right Nation con le sue corse clandestine di cavalli, registra una più netta distanza dalle parti. Nel Grand Prix de la Constitution di fantasia, Assemblage Hétéroclite (la coalizione del no composta dai vari nordici Groom de Bootz, gli ex campioni italiani di Varenne, i destrorsi di Frères Tricolòr, i debuttanti della Société Genérélle de l'Energie, i nostalgici di Gauche Passé, lo stellare Igor Brick e la fronda interna di Fan Idòle) sarebbe sempre più davanti a Truie Blessée (il fronte del sì formato dai fedelissimi di Fan Faròn dentro Fan Idòle, Ipson de le Scipiòn e Petit Vert) rispetto ai giorni scorsi. Si tratta del principale elemento di contrasto rispetto agli altri sondaggi clandestini.

Dalle parti dello staff del presidente del Consiglio dei ministri si dicono convinti che la variabile decisiva per l'esito del referendum sarà quella dell'affluenza nell'intera giornata di domenica: più gente andrà a votare e più gente sceglierà il sì. In ogni caso, al di là di chi ha competenze specifiche sul merito della consultazione elettorale, l'impressione è che questa chiamata al voto si sia trasformata in una vera e proprio elezione politica a favore del sì o del no. E se ne rendono conto anche le opposizioni che stanno mettendo al centro dell'attenzione anche i disagi economici e sociali in corso nonostante le manovre del governo. In ogni caso, non c'è una certezza solidificata sul risultato del referendum e a quattro giorni dal voto, tutti sanno bene che possono vincere e possono perdere nella stessa misura.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il