BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 41 pensionandi schierati per il no, pensionati per il sì

Schieramenti a favore del no e del sì da pensionati e pensionandi per il voto di domenica: possibili effetti delle ultime novità per le pensioni




In vista della consultazione popolare di domenica prossima, le ultime notizie ipotizzano schieramenti a favore del no e del sì e da quanto emerge dai sondaggi sembra che, in linea di massimo, i pensionandi siano schierati dalla parte del no, decisamente delusi dall’annuncio delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 che la maggioranza sta portando avanti nel nuovo testo unico, ancora troppo limitate e ristrette, con troppi paletti e vincolate a quel piano di rimborso 20ennale che proprio non piace e continua a suscitare non poche polemiche. A sostenere il fronte del no dei pensionandi, stando alle ultime e ultimissime notizie, anche i più giovani, nonostante parte della maggioranza in questi ultimi giorni avesse dichiarato di avere fiducia in un voto positivo da parte degli stessi giovani. Decisamente schierati sul fronte del sì, invece, i pensionati e all’apparenza sembra che la strategia del premier di novità per le pensioni pensate soprattutto per l’aumento delle pensioni base, per cui è stato stanziato, tra l’altro, gran parte del budget impiegato per l’attuazione delle novità per le pensioni il prossimo anno.

Dei quasi due miliardi di euro destinati alle novità per le pensioni, infatti, 1,1 miliardi saranno destinati all’aumento delle pensioni base, misura che come abbiamo spiegato tempo fa sarebbe servita al premier, come del resto confermano le ultime notizie, per conquistare nuovi elettori, considerando di una misura che interesserà 1,2 milioni di pensionati che insieme ai 2,1 milioni di pensionati che già percepiscono aumenti complessivamente costituiscono una platea di ben 3,3 milioni di persone che potrebbero votare sì alla consultazione popolare di domenica. Se, dunque, i pensionati hanno ricevuto una sorta di contentino dalla maggioranza e i pensionandi praticamente nulla, è chiaro che se le ipotesi di schieramento sul fronte del sì e del no fossero confermate, più che trattarsi di un voto sullo specifico quesito referendario posto, sarà un voto di espressione di appoggio o meno a quanto fatto finora dalla maggioranza.

Si capirà se la strategia del premier di puntare più sugli anziani pensionati che su giovani e pensionandi si rivelerà vincente solo una volta concluse le votazioni, considerando anche che i pensionati che saranno destinatari degli aumenti potrebbero influenzare il voto dell’intera famiglia, spostando ulteriori elettori, se ne stimano circa 4 milioni, il che porterebbe prepotentemente ad aumentare l’appoggio al sì, anche in virtù del fatto che pensionati e persone più anziane sono quelle che si recano con maggiore affluenza al voto rispetto ai più giovani.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il