Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 iter concluso, domani Direttorio per il futuro

Dopo la decisione del premier di lasciare la maggioranza, cosa succederà, cosa aspettarsi e quali conseguenze attendersi per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:47): E' stato deciso che domani pomeriggio l'iter sarà concluso e approvato ufficialmente, quindi anche quello per le novità per le pensioni. Domani pomeriggio subito dopo si terrà il Direttorio della Maggioranza come confermano le ultime notizie e ultimissime uno snodo da non sottovalutare.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:07):  E come avevamo previsto uscire da questa impasse non sarà per niente facile e coinvolgerà tutta la seconda parte dell'iter in corso. Come si era detto, infatti, ora la maggioranza (o ex) vuole votare subito il pacchetto così come è senza modifiche, mentre le opposizioni vogliono aportare miglioramenti. E sulle novità per le pensioni sappiamo che è già tutto in salita, ma così si precluderebebro tutte le possibilità. E doani vi sarà la riunione del Direttorio per decidere il da farsi, con una maggioranza che potrebbe continuare per andare al voto subito.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:10): Siamo ufficialmente entrati nel vivo della settimana più complessa dal punto di vista politico e da quello delle novità per le pensioni. Come sta venendo alla luce dalle ultime e ultimissime ovvero dalle riunioni in corso e dalle imminenti consultazioni, non va escluso alcuno scenario, con l'obiettivo minimo di portare a conclusione l'iter in corso.

Ci si prepara a nuovi importanti e decisivi appuntamenti per il futuro politico di Italia: oggi, lunedì, è stato convocato un Consiglio dei Ministri, durante il quale il premier attuale comunicherà la sua intenzione di voler lasciare la guida della maggioranza. Domani, poi, martedì, è in programma la nuova riunione del Direttorio della stessa maggioranza, durante il quale, come riportano le ultime notizie, si dovrebbe decidere la data del nuovo congresso, che qualche giorno fa si diceva si sarebbe dovuto tenere tra febbraio e marzo prossimi, con i nomi che dovrebbero concorrere per l’elezione del nuovo segretario dello schieramento. All’indomani delle ultime vicende accadute, però, sembra piuttosto difficile che saranno avanzati nuovi nomi per la carica di segretario della maggioranza, per cui si fanno i nomi di Rossi, Cuperlo e Speranza, al di là dello stesso Renzi. Dopo di che saranno avviate nuove consultazioni. Si tratta di ultime notizie decisamente concitate e che avranno importanti conseguenze per le stesse novità per le pensioni. Da settimane ormai si dice che la decisione migliore per un reale rilancio delle novità per le pensioni sarebbe andare ad elezioni anticipate ma, a prescindere dalla contrarietà a queste ultime da parte del Presidente della Repubblica, sembra decisamente impossibile che le urne possano essere anticipate, a causa dei problemi interni agli stessi schieramenti.

Regna, infatti, particolare confusione all’interno di tutte le forze politiche, dalla stessa maggioranza, divisa tra i sostenitori del premier e l’opposizione interna, al Movimento 5 Stelle, che all’indomani delle ultime notizie sullo scandalo firme false, sta perdendo sempre più quel grande consenso degli italiani che era riuscito a conquistare riuscendo a superare anche gli appoggi alla stessa maggioranza, alla Lega, all’interno della quale il leader sembra non sapere più come muoversi e a quali eventuali alleanze guardare, a Forza Italia, che non sembra aver un piano politico alternativo con il suo leader Berlusconi che continua a ribadire la necessità di rimettersi intorno ad un tavolo per definire un nuovo sistema di voto, con la stessa maggioranza, posizione sostenuta anche dal capogruppo di Forza Italia secondo cui, all’indomani delle ultime notizie politiche, la maggioranza avrebbe il dovere di formarne una nuova senza Renzi.

Nonostante questo caos, è lo stesso leader di Forza Italia, appoggiato da Fratelli di Italia, a continuare a chiedere a gran voce le urne anticipate, per dare finalmente all’Italia un governo d’elezione, dopo tre governo non eletti, prima del 2018., riproponendosi come 'seria alternativa' all'attuale maggioranza. E anche il M5S, dal canto suo, come riportano le ultime notizie, sarebbe già al lavoro per preparare il futuro governo. Ma l’ipotesi più probabile, stando alle ultime e ultimissime notizie, dovrebbe essere quella della costituzione di un governo tecnico, come di diceva qualche giorno fa, con il compito di traghettare il Paese alle prossime elezioni del 2018 e che dovrebbe poter lavorare nel segno della continuità con l’obiettivo di riuscire a garantire all’Italia stabilità, anche se sembra decisamente difficile, se non impossibile.

L’eventuale governo tecnico potrebbe essere guidato, stando alle ultime notizie,o dall’attuale ministro dell’Economia,  o dall’attuale presidente di Palazzo Madama, due nomi che aprirebbero due diversi scenari politici, e che avrebbero diverso impatto anche sulle novità per le pensioni. Con il responsabile del Dicastero del Tesoro, ogni novità per le pensioni, a parte mini pensione e quota 41 da inserire nel nuovo testo unico, potrebbero essere bloccate, considerando che lo stesso ministro si è sempre dichiarato contrario all’approvazione di novità per le pensioni volte all’abbassamento dell’età pensionabile; con il presidente di Palazzo Madama, al contrario, potrebbe verificarsi un netto rilancio delle novità per le pensioni, considerando che le stesse ultime notizie confermano l’importanza delle novità per le pensioni per il presidente di Palazzo Madama soprattutto perchè collegate a lavoro e occupazione giovanile e viste le ultime notizie sull’andamento della stessa occupazione, è ben chiara la necessità di lavorare per darle nuovo impulso. E questo potrebbe arrivare proprio da novità per le pensioni che consentirebbero ai lavoratori più anziani di lasciare anzitempo la propria occupazione, lasciando, al contempo, posti di lavoro liberi in cui impiegare nuovi giovani.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il