Blocco traffico Milano, Roma, Napoli domani lunedì, martedì, mercoledì. Orari, strade, auto, moto vietate 12-13-14 Dicembre 2016

Per la prima volta nel 2016 Milano deve fare i conti con l'emergenza inquinamento. Se i valori non rientreranno nella norma, lunedì entreranno in vigore di norme restrittive per la circolazione

Blocco traffico Milano, Roma, Napoli dom

L'inquinamento atmosferico e l'assenza di pioggia rendono necessarie le misure antismog anche a Milano



AGGIORNANENTO: Al momento a Roma e Milano domani lunedì 11 Dicembre non ci sarà nessun blocco è ufficiale, ma la situazione è sotto controllo. Sotto le auto Euro 4 (e poi quelle elettriche, a gpl e metano) a Napoli vi sarà domani lunedì, martedì, mercoledì e giovedì 12-13-14-15-16 Dicembre il blocco dalle 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 16,30

AGGIORNAMENTO:  Il blocco del traffico a Milano è ufficiale e inizia in maniera leggera oggi domenica 11 Dicembre dalle 7,30 alle 19,30 solo per le auto iù inquinanti, mentre per auto euro 3 sena filtro particolarato va dalle 9,30 alle 17 solo nell'area strettamente cittadina. Rimane comfermato quanto scritto per Roma ieri sotto, mentre per Napoli e i prossimi giorni domani lunedì e domenica si attendono novità dai Comuni.

AGGIORNAMENTO: Non si conosce ancora se vi sarà un blocco del traffico a Milano domani domenica, anche se la giornata soleggiata potrebbe far salire le polveri sottile. E ci sono dubbi anche per luendì e martedì 11-12 Dicembre 2016 come ci sono anche per la stessa Roma (mentre per Roma è sicuro il blocco del traffico domenica 11 Dicembre). Per Napoli domenica salvo sorprese no, ma lunedì e martesì sembrano quasi sicure, seppur non ancora ufficiali

AGGIORNAMENTO: Domani per domenica 11 Dicembre 2016, il Comune di Milano prenderà una decisione sul blocco del traffico con gli orari e le auto con permesso e vietate. Vi daramo notizie e aggiornamenti. Blocco del traffico, certo, invece domenica 11 Dicembre 2016 a Roma totale nella cosidetta fascia verde dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30. Vi saranno blocchi anche a Napoli, ma non domenica, ma da lunedì che vi comunicheremo quando saranno ufficiali

Milano è di nuovo alle prese con l’emergenza inquinamento atmosferico. Non si tratta certo di una novità per una città abituata a fare i conti con lo smog se si considera il suo ruolo di centro economico-finanziario del Paese e la sua collocazione in un territorio che negli ultimi anni ha mantenuto una leadership stabile per quel che riguarda la qualità dell’aria respirata dai cittadini. La peggiore in Europa. Almeno stando allo studio condotto dall’Unicef e pubblicato nell’ottobre scorso, secondo il quale nella Pianura Padania, di cui il capoluogo meneghino rappresenta un simbolo indiscusso, si respira l’aria meno salubre per i polmoni. I valori dello smog che si concentrano nell’atmosfera sono, in media, addirittura due volte superiori rispetto ai limiti previsti dagli standard internazionali.

L’assenza di pioggia negli ultimi giorni ha fatto salire alle stelle l’inquinamento nell’area urbana di Milano che, molto probabilmente, sarà costretta a prendere di nuovo confidenza con i provvedimenti previsti per combattere l’emergenza. Una vecchia conoscenza per i milanesi e una consuetudine che, se il limite di cinquanta microgrammi di Pm dieci per metro cubo, non verrà rispettato nei prossimi giorni, come appare ormai quasi certo, li obbligherà a riscoprire queste consuetudini, già a partire da lunedì dodici dicembre.

E sarebbe la prima volta in questo 2016, anno in cui, comunque si sono registrati valori migliori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Provvedimenti quali, ad esempio, il blocco totale del traffico sono già stati sperimentati in altri comuni che hanno aderito al protocollo delle province di Milano, Bergamo, Pavia, Monza e Brianza, Varese e Come. La città di Milano, invece, nella quale sono state toccate punte di novantacinque microgrammi per metro cubo di media negli ultimi giorni, si affida all’unica speranza in grado di dare una bella ripulita all’aria. Quella pioggia invocata come fosse una divinità, che rappresenta in questi casi l’unica arma in grado di risolvere l’emergenza far scattare provvedimenti che incidono concretamente sulla vita dei cittadini. Le speranze si affievoliscono sempre di più anche perché le previsioni meteo per i prossimi giorni non promettono nulla di buono in questa direzione.

Lo stop per la circolazione delle auto a Milano dovrebbe quindi avere inizio lunedì prossimo. Per le autovetture diesel Euro 2 il divieto di circolazione sarebbe totale, previsto cioè anche nei giorni festivi ed esteso alle giornate di sabato 10 e domenica 11 dicembre. Divieto che scatterebbe, da lunedì 12, dalle nove del mattino e fino alle diciassette, anche per i motori diesel Euro 3. Per i veicoli commerciali le limitazioni alla circolazione, invece, sono previste tra le otto e trenta e le nove e trenta del mattino.

Si tratta di misure di primo livello, che vengono applicate quando la soglia dei cinquanta microgrammi di Pm 10 per metro cubo vengono infrante per più di sette giorni. Questi provvedimenti, oltre alla circolazione delle autovetture, prevedono anche altre misure che riguardano aspetti relativi alla vita quotidiana delle persone. Sarà vietato utilizzare gli impianti di riscaldamento domestici alimentati a biomassa legnosa. Divieto che diventa assoluto nel caso di combustione all’aria aperta. Per quel che riguarda il riscaldamento negli appartamenti domestici o negli spazi commerciali, il limite della temperatura è fissato a 19 gradi. I veicoli, commerciali, privati o anche pubblici, non potranno sostare con il motore acceso e, infine, gli esercizi commerciali riceveranno la raccomandazione di tenere chiuse le porte d’ingresso per evitare la dispersione del calore interno.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il