BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni esecutivo nuovo i pro e contro ed elezioni subito

Elezioni subito o costituzione nuovo esecutivo: scenari, prospettive pro e contro dei prossimi scenari politici italiani per eventuali novità per le pensioni


pensioni ultime notizie elezioni

Presidente Mattarella Renzi discussioni nuovo esecutivo elezioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:47): Si è avuto l'ufficialità che non si andrà ad elezioni subito e questa per le ultime notizie per le pensioni può essere anche un segnale negativo, ma in realtà vi sono anche dei pro, uno dei quali che si sarebbe rischiato di non avere un vero vincente davvero nelle prossime elezioni indebolando la capacità e la forza di toccare i tanti argomenti tra cui le novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30): Ad elezioni subito non si andrà o è difficile seppur in molti che si occupano di novità per le pensioni lo speravano di leggere o intravedere e capire nelle ultime notizie e ultimissime. Ma non sembra questa la direzione che, comunque, non avrebbe avuto solo pro per le novità per le pensioni così non li ha un esecutivo nuovo. 

Il presidente della Repubblica ha avviato le consultazioni con i diversi schieramenti politici per definire un nuovo cammino politico del nostro Paese: stando alle ultime notizie sarebbero diverse le ipotesi in ballo, da un Renzi bis, ad un governo tecnico con lo scopo di traghettare il Paese alle prossime elezioni, ad urne anticipate, anche subito. Le richieste, secondo le ultime e ultimissime notizie, sarebbero quelle di elezioni anche il prossimo febbraio ma a quanto pare si tratta di un tempo destinato comunque a non essere accettato: troppo ravvicinato e troppi gli impegni politici a livello internazionale già presi che meritano di essere rispettati e con particolare organizzazione interna. L’idea che al momento il presidente della Repubblica sembrerebbe considerare più fattibile sarebbe quella di nuovo esecutivo tecnico fino a maggio per nuove elezioni a giugno. Ciò che ci si chiede, però, ad oggi, è quali potrebbero essere i pro e i contro di elezioni anticipate e di costituzione di un nuovo esecutivo per le novità per le pensioni, tanto care e attese dai cittadini?

Si tratta, innanzitutto, di vantaggi e svantaggi che, nel caso di costituzione di un nuovo esecutivo, dipenderebbero certamente da chi verrebbe incaricato come nuovo premier. Se, per esempio, alla guida del nuovo esecurivo dovesse essere confermato l’attuale ministro dell’Economia, difficilmente si potrà fare qualcosa di nuovo per le novità per le pensioni, considerando la sua contrarietà alle stesse novità per le pensioni e le sue priorità che, come spesso ha dichiarato, sono ben altre per la crescita dell’Italia. Altro nome papabile che potrebbe arrivare alla guida del nuovo esecutivo è quello di Paolo Gentiloni, tra i fedelissimi dell'attuale premier dimissionario, che potrebbe portare avanti i lavori già avviati delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, portando contemporaneamente a compimento la definizione di quei Dpcm, attesi per febbraio, e necessari per stabilire le norme ufficiali di funzionamento delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41.

Alla guida del nuovo esecutivo potrebbe arrivare l’attuale presidente di Palazzo Madama e con lui potrebbero aprirsi nuove speranze di modifiche per le novità per le pensioni, perchè da sempre sostiene l’importanza di attuazione di novità per le pensioni, collegate al lavoro e al rilancio dell’occupazione giovanile, che permetterebbero, allo stesso tempo, di rilanciare produttività e consumi. C’è, però, anche la possibilità che si arrivi alla formazione di un esecutivo che mira solo a sopravvivere senza fare nulla di nuovo di concreto. Pro e contro novità per le pensioni, dunque, nel caso di un nuovo esecutivo e si tratta di due lati di una medaglia che interesserebbero anche eventuali elezioni subito. Decisamente pro novità per le pensioni nel caso di elezioni subito, ci sarebbero le ultime notizie relative alla decisione della Bce di mantenere i tassi invariati e prolungare l’operazione di Qe, ultime notizie che significano protezione dei tassi e che sosterebbero la definizione di accordi convenienti con l’associazione degli istituti di credito per la definizione dei tassi di interesse sulla mini pensione. Inoltre, elezioni anticipate sarebbero l’ideale occasione di rilancio delle novità per le pensioni che diventerebbero il vero e proprio campo di battaglia delle diverse forze politiche, considerando la loro importanza per i cittadini.  
 
Ma andando ad elezioni subito vi sarebbero anche dei contro da considerare: dal rischio di congelamento di mini pensione o quota 41 o ulteriori ritardi, perchè potrebbero essere, appunto, ritardati i Dpcm necessari per la definizione delle regole ufficiali di funzionamento di mini pensione e quota 41 in base ad accordi con l’associazione degli istituti di credito e con le associazioni delle polizze assicurative. Tra i contro delle elezioni subito anche la mancanza di un sistema di voto effettivo: questa mancanza, stando alle ultime e ultimissime notizie, è ciò che ha spinto il presidente della Repubblica a rimandare le elezioni dalla richiesta di febbraio, invitando prima alla definizione di un meccanismo elettorale definitivo, per non avere un esecutivo instabile, e quindi andare alle urne.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il