BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 41, quota 100 da Grillo, Verdini, Maroni

Le ultime posizioni di Maroni, Grillo, Verdini su prossimi scenari politici e richieste elezioni subito: eventuali effetti su novità per le pensioni


pensioni ultime notizie Maroni Grillo Verdini

pensioni novità scenari politci Roberto Maroni cambiamenti



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:03):  Non accettano questo quadro che ormai si va delineando e che per le novità per le pensioni non è assolutamente positivo perchè elezioni prima, significava vere novità per le pensioni e profonde o almeno un confronto su questa tema ormai fondamentale. Ma si va in una direzione contraria anche le ultime notizie e ultimissime per le pensioni anche con questo esecutivo non sono del tutto negativo in primis con la scelta dei Dicasteri. Ma Grillo e chi rappresenta, così come Maroni sono pronti anche a scendere in piazza.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:03): Nonostante sembra fatta per l'incarico, c'è malcontento nelle ultime notizie e ultimissime e tutti e tre i protagonisti del titolo lo esprimono seppur a diverso livello in modo differente e con iniziative che potrebbero essere importanti per le novità per le pensioni nel medio termine

L’incerta situazione politica del nostro Paese vede sullo sfondo diverse posizioni da parte dei vari esponenti dei differenti schieramenti politici, tra chi chiede elezioni subito, chi ritiene sia fattibile un Renzi bis, chi sostiene l’idea del Presidente della Repubblica di costituzione di un governo tecnico, e chi invece chiede di andare subito ad elezioni. Dalla Lega, al Movimento 5 Stelle, sono soprattutto loro che chiedono di anticipare le urne, ma sono anche gli stessi schieramenti politici che al momento sembrerebbero anche meno organizzati dello stesso Pd in caso di urne anticipate a causa delle loro tensioni interne. Tuttavia, andare ad elezioni anticipate significherebbe creare l’occasione ideale per rilanciare le novità per le pensioni che, in vista della necessità di recuperare consensi e fiducia da parte dei cittadini, dovrebbero essere decisamente più importanti delle attuali mini pensioni e quota 41 per pochi e con troppi paletti ancora.

All'interno della Lega i dissapori si sentono tra Roberto Maroni e il leader Salvini, a cui Maroni chiede di aprire un tavolo del centrodestra, abbandonando l'idea, chiaramente affermata da Salvini, di non voler alcuna alleanza, incitandolo a definire un accordo sul sistema di voto, in modo da andare subito alle nuove elezioni. Secondo quanto affermato da Maroni riportato dalle ultime notizie, infatti, solo un'alleanza più forte e più solida potrà rappresentare una valida alternativa all'attuale maggioranza. E la Lega, come da sempre si sa, è tra gli schieramenti politici che più spingono verso l'approvazione di novità per le pensioni, soprattutto di quota 41 per tutti e di quota 100, pensando, da sempre anche, di voler del tutto cancellare le attuali norme pensionistiche. E su questa stessa scia, in riferimento alle necessarie novità per le pensioni da rivedere certamente rispetto a quelle che attualmente si vorrebbero portare avanti, si pone anche il Movimento 5 Stelle.

Da sempre contrario alle attuali norme previdenziali, ma indirizzato verso quota 41 per tutti senza penalità, pensione per tutti a 60 anni di età, introduzione dell'assegno universale per tutti gli over 55 che restano senza occupazione ma non possono ancora andare in pensione, il Movimento 5 Stelle chiede, a gran voce, elezioni anticipate. Prima, però, sarebbe necessario risolvere gli interni dissapori: se, infatti, nella Lega Maroni invita Salvini ad aprirsi a nuovi accordi, nel M5S, Beppe Grillo si è dimostrato piuttosto risoluto nei confronti dei suoi, chiedendo a tutti di partecipare alla stesura del nuovo programma di governo e alla decisione di scegliere le persone che potrebbero realizzarlo, mettendo da parte ogni questione e interesse personale, in alternativa a mettersi da parte.

Le ultime notizie dimostrano, dunque, la volontà di Grillo di superare le tensioni che si sono create all'interno dello stesso Movimento nell'obiettivo di ridargli compattezza e unione in vista di un progetto politico che potrebbe diventare ben più grande e importante. Con un’unione più forte e puntando sulle novità per le pensioni, il Movimento 5 Stelle di Grillo potrebbe riconquistare tutti quei consensi che solo qualche mese fa avevano permesso allo stesso Movimento di superare il Pd nelle preferenze degli italiani. In questo contesto di cambiamenti e movimenti politici, si inserisce, come riportano le ultime e ultimissime notizie, anche il nuovo schieramento Ala-Scelta Civica con un Denis Verdini che, in realtà, stando alle ultime notizie, non sarebbe tra coloro che auspica elezioni anticipate subito e sosterebbe, invece, la costituzione di un governo tecnico di transizione. Ma persa la maggioranza, lo stesso Verdini, per un'eventuale nuova alleanza, starebbe guardando con attenzione a quell'Ncd di Alfano che, invece, vorrebbe andare subito alle elezioni. Sia in quest'ultimo caso, come detto, che nel caso di costituzione di un governo tecnico, potrebbero effetti vantaggi e svantaggi per le novità per le pensioni e molto dipenderà da chi, per esempio, sarà nominato per guidare un eventuale governo tecnico o da chi vincerebbe le elezioni se davvero si andasse a votare a febbraio, scenario che però al momento sembra alquanto impossibile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il